Narrativa straniera Romanzi La Venere di Urbino
 

La Venere di Urbino La Venere di Urbino

La Venere di Urbino

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Un antieroe in un viaggio in Italia che assume i connotati dell’avventura di un perdente, tra speranze disilluse e solitudine manifesta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La Venere di Urbino 2018-08-26 18:58:08 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    26 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il viaggio della speranza disillusa

Fidelman, confesso pittore fallito, un uomo povero nativo del Bronx, giunge in Italia con l’ idea di scrivere uno studio critico su Giotto e, suo malgrado, è braccato e perseguitato dall’ ombra del profugo ebreo Susskind, conosciuto per caso, uno scheletro con pochi etti addosso ed occhi languidi e scuri.
Depredato del proprio prezioso manoscritto, inizia una lunga peregrinazione attraverso la penisola ricercando un afflato artistico che gli permetta di capire la vita.
È l’ inizio della fine per un talento che sembra giacere inutile dentro di lui ed un bisogno imprescindibile di creare. L’ arte non gli da’ da vivere nonostante tutti i suoi sforzi, e l’ abiezione di giorni trascorsi alla ricerca di un senso si perde in avventure truffaldine e senza costrutto, abbandonatosi desolatamente ad amori improbabili.
È allora che tutto si mescola ma una certa confusione rimane, insieme ai dubbi sul proprio reale valore artistico, l’ angoscioso ritorno di un incompiuto passato famigliare tuttora presente, circondato da losche figure e votato a singolari esperienze.
Sovente il destino sembra avergli dipinto il male addosso, a volte lui stesso si perde tra una dimensione di uomo ed artista ed una certa confusione personale e sentimentale, laddove ogni bassezza non è compensata a sufficienza dal proprio talento .
Un classico Malamud nella raffigurazione di un antieroe solitario devastato ed afflitto da una moltitudine di personaggi che contribuiscono a forgiarne l’aspetto camaleontico.
Finiamo per non riconoscerlo, in un reiterato travestimento espressione di solitudine, in una incompletezza sognante che fa a pugni con un reale povero e violento.
Di certo non una delle migliori produzioni dell’ autore, troppa carne al fuoco, una certa scollatura tra le parti, un inizio promettente che si perde in una dimensione onirico-idealista, una disarmonia tra i sei racconti che originano il romanzo facendo uso di linguaggi diversi, per un esito piuttosto fumoso e poco includente.
Ho l’ impressione che la grandezza dell’ autore trovi espressione migliore nelle ambientazioni minimali all’ interno delle quali si tessono minuziose descrizioni di piccole vite e grandi protagonisti incompiuti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore