Narrativa straniera Romanzi Lungo il fiume
 

Lungo il fiume Lungo il fiume

Lungo il fiume

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La quattordicenne Mary MacNamara vive in una piccola cittadina dell'Irlanda dell'Ovest infestata da superstizioni e meschinità, dove miseria e ignoranza rendono la gente dura e incapace di perdonare. All'interno di una simile comunità, Mary non può certo contare sul senso di giustizia o pietà per ciò di cui è stata vittima, e ancor meno può aspettarsene da quelli chiamati a giudicare il suo caso in una città lontana, mentre la sua tragedia privata viene portata sulla pubblica piazza, rendendola vittima una seconda volta. Ispirato al controverso "X Case" del 1992, che attirò l'attenzione internazionale provocando una crisi di coscienza all'interno della società irlandese, "Lungo il fiume" è l'opera più ambiziosa di Edna O'Brien, un romanzo condotto sull'analisi dei sentimenti dei suoi protagonisti e dedicato al fragile momento esistenziale che costituisce il passaggio da bambina a donna.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lungo il fiume 2016-08-06 14:43:10 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    06 Agosto, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'incesto- romanzo pro-aborto

Il romanzo di Edna è molto, molto bello ma con alcuni limiti che stanno nell'incipit, nell’excipit e nell'intento troppo vistosamente didascalico, nel senso che il romanzo è una specie di crociata dell’autrice pro-aborto. Sull'argomento io ho idee diverse, ma questo non influenza il mio parere sul romanzo.
Edna gioca a carte scoperte. Fin dal primo capitolo, assistiamo alla violenza sulla ragazzina e sappiamo cosa ci aspetta. Sempre nei primi capitoli un’estremista cattolica convoca una riunione di donne cui mostra le terribili immagini di un aborto e della morte del piccolo. Dalla riunione si evince di cosa parlerà il romanzo. Di aborto, e di violenza sulle donne in particolare del caso peggiore cioè l’incesto, di cosa resta da fare alla ragazza vittima di quell’”improbabile” crimine ( così viene definito nella riunione): cioè buttarsi nel fiume, quello del titolo.
La caratteristica di tutte le donne cattoliche del romanzo è di essere intransigenti e senza cuore in modo esageratamente caricaturale. Questo disturba un po’ la lettura anche perché i personaggi della piccola Mary, del padre, dell’amica, del preside ecc… sono tratteggiati con straordinaria finezza e sensibilità. Persino il personaggio del padre è reso molto bene con luci e ombre e aspetti infantili e molto verosimili della personalità, come bello è il suo rapporto con gli amici e con le altre persone del luogo.
Date le premesse, non avevo grandi aspettative sul romanzo, lo stile mi piaceva poco. Invece ho cambiato molto presto idea perché la parte centrale, che costituisce la maggior parte della storia, è bellissima. Personaggi teneri, vivi, delicatezza di tratto nella loro descrizione, insomma qualcosa di veramente bello.
Ci sono pagine toccanti come la lettera di Mary, quella in cui lei dice che avrebbe preferito vivere in città perché lì almeno se urli qualcuno ti sente.
Nel finale purtroppo il libro si trasforma in una vicenda giudiziaria con lotta dei buoni per permettere alla piccola Mary di abortire. In questa parte folleggiano le integraliste cattoliche, poco verosimili, quelle che mi avevano disturbato anche all'inizio del romanzo.
Avrei preferito una conclusione in linea con le idee dell’autrice ma senza tribunali e senza quelle donne caricaturali. Invece è bello che ci siano quei personaggi come la madre di Tara, normalmente ottusi, che accusano la bambina di essere lei la causa dei suoi guai. Secondo me il finale guasta un bellissimo romanzo che comunque resta un’ottima lettura.
In un certo senso la soluzione scelta è un po’ riduttiva. Come pensare che Mary potrà mai vivere compresa da quei compaesani? Avrei preferito un finale aperto sul vuoto esistenziale di Mary, che non rassicurasse troppo sul suo destino. In fondo, a un certo punto uno dei personaggi lo dice chiaramente: qui tutti sapevano, ma nessuno ha fatto niente perché non sapere è molto più comodo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La stella del mattino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage