Narrativa straniera Romanzi Memorie intime
 

Memorie intime Memorie intime

Memorie intime

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il 19 maggio 1978, con un proiettile calibro 22, Marie-Jo, la figlia venticinquenne di Georges Simenon, si uccide nel suo appartamento di Parigi. E un suicidio annunciato, e del resto più volte tentato: dopo essere stata una bambina difficile, Marie-Jo era entrata sin dall'adolescenza in un ciclo infernale di cliniche, fughe, ospedali psichiatrici. Simenon non raggiunge Parigi, ma si preoccupa che siano eseguite le estreme volontà della giovane, contenute in una lettera straziante trovata accanto al cadavere. Nel 1980 lo scrittore compone queste "Memorie" per commemorare la figlia, ma anche per placare insieme il dolore e i sensi di colpa e dà vita a una sorta di grande affresco autobiografico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Memorie intime 2018-04-08 06:06:49 siti
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    08 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che vita!

A settantasette anni da Losanna Simenon si racconta, ripercorrendo la sua intensa vita con un criterio cronologico, faticosamente perseguito, il quale spesso lascia il primato a una pura cronologia affettiva. Le vicende della sua esistenza sono infatti scandite dagli eventi che riempiono l’universo emotivo dei più: i rapporti d’amore, di amicizia, i matrimoni, la nascita dei figli. Sarebbe una lettura banale se non avessimo tra le mani i secondi, i minuti, le ore, i giorni, le notti, gli anni, i decenni che non solo hanno riempito la sua esistenza ma anche, di riflesso, quelle di chi ha percorso il secolo con lui, nato nel 1903 e morto nel 1989, o una porzione di esso. La vita sociale del secolo si riflette infatti nel suo vissuto così come l’evoluzione dei tempi, la sua vicenda esistenziale si intreccia con quella di uomini e donne che hanno caratterizzato l’epoca da Chaplin a Renoir, solo per citarne due, o con gli eventi storici, dai due grandi conflitti mondiali, all’antisemitismo, dal processo migratorio in America fino all’allunaggio o ancora con semplici fatti di costume, il passaggio per esempio dall’uso dei transatlantici all’aereo per gli spostamenti intercontinentali. La narrazione prende l’avvio dai natali in Belgio e ci conduce agli esordi come scrittore a ritmi insostenibili, già allora, da chiunque: otto racconti al giorno per confermarsi poi come uno dei più prolifici autori di tutti i tempi. Il tempo, il suo personale di scrittura, un’inezia rispetto a quello a disposizione nell’arco di una giornata: le prime ore dall’alba fino alle nove del mattino per poi dedicarsi alla vita. Viaggi, vacanze, vita sociale, famiglia, ma anche quotidiane incombenze da semplice padre di famiglia, un’esistenza errabonda a cavallo di Europa e America, dopo aver percorso tutti i continenti dai poli all’equatore. Una geografia facilmente rintracciabile nei suoi romanzi duri. Ancora una miriade di interessi coltivati con grande passione, su tutte la medicina perché il medico ha in comune lo stesso interesse per l’uomo che prova lui. La narrazione è caratterizzata al contempo da un sentimento intimo che accompagna spesso il ricordo non solo di gioie ma anche di grandi dolori: su tutti i più devastanti risultano essere il conflittuale rapporto con la seconda moglie D. e la morte da suicida della figlia Marie-Jo. Mai comunque livore alcuno accompagna il ricordo, affiorano invece dispiacere e delusione. Un piacere per il lettore delle sue opere sono poi i continui riferimenti alla sua produzione e la precisa collocazione temporale del processo di scrittura per ognuno dei suoi romanzi; peccato però che, a detta dello stesso Simenon, non ci sia alcuna corrispondenza tra biografia e opere. Il voluminoso scritto che supera le mille pagine è infine chiuso da altre duecento, una raccolta di scritti della figlia alla quale il padre rende omaggio pubblicando “Il libro di Marie- Jo”: componimenti infantili, canzoni, missive la cui lettura ho personalmente evitato. Biografia dunque consigliata non solo ai lettori del belga ma a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi conosce le sue opere ma anche no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memorie intime 2009-12-27 09:43:03 Lorenza
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Lorenza    27 Dicembre, 2009

memorie intime

è la biografia del rapporto tra padre e figlia, l'autopsia di una famiglia.
Con il suicidio della figlia,fragile e problematica,viene portata all'attenzione dei lettori, forse i migliori confidenti dell'autore,il senso di responsabilità, la colpa infinita di un padre che non è riuscito a proteggerla da se stessa.
una memoria intensa,con sprazzi di quotidianeità, che svelano l'uomo Simenon, prigioniero della coazione a scrivere, che trasuda la sconfitta, in ogni frase, di un uomo di successo che sente di aver fallito come padre.
bello e commovente

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri