Neuland Neuland

Neuland

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Meni Peleg, eroe della guerra del Kippur, uomo riflessivo, equilibrato, uno dei più quotati consulenti finanziari in Israele, dopo la morte dell’amata moglie è scomparso da qualche parte in Sudamerica. Per scacciare i suoi spettri privati, Dori, il figlio, parte alla sua ricerca. Inbar è bella, un corpo florido e dei capelli castani disordinati con studiata monelleria. Anche Inbar è in fuga dai suoi fantasmi privati e dalle persone in carne e ossa cui è attaccata la sua vita in Israele. Dori e Inbar si incontrano e si amano in Sudamerica. E in Argentina, là dove alla fine dell’Ottocento il Barone Hirsch comprò molte terre, convinto che fosse il posto migliore dove creare un focolare nazionale per gli ebrei, si imbattono insieme in Meni Peleg. L’eroe della guerra del Kippur ha fondato Neuland, uno «stato ombra» in miniatura che rammenti allo stato d’Israele cosa avrebbe dovuto essere e cosa potrebbe essere.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Neuland 2019-06-10 10:13:44 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    10 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fragilità

Meni Peleg (Pimstein), stimato consulente finanziario più che cinquantenne ed eroe della guerra dello Yom Kippur, è disarmato di fronte alla morte per cancro dell’amata moglie Nurit (Nurik). Vivere è un qualcosa di impensabile, la perdita è un qualcosa con cui è impossibile far i conti, tanto meno in Israele luogo che è sinonimo di terrore, di guerra, di strascichi di ferite mai guarite. Che altro fare se non lasciare la terra d’origine per rifugiarsi in Sud America alla ricerca di quella quiete e quella pace dell’animo che sembrano essere irraggiungibili per lui?
Dori, trentacinquenne docente di storia, fratello di Ze’ela, e figlio di Meni e Nurit, è sposato con Roni, con cui vive a Gerusalemme insieme al figlioletto di quattro anni, Neta. È un uomo inquieto, ansioso, schiacciato da una moglie al contrario troppo sicura di sé e da cui teme costantemente di essere lasciato. Ossessionato da quello che potrebbe essere il futuro del figlio, e quindi psicologicamente instabile, decide di fare il primo passo e di lasciare lui la coniuge per mettersi alla ricerca di quel padre con cui si è sempre sentito inadeguato, non all’altezza, per cui si è sempre sentito una delusione rispetto a quella sorella di fatto prediletta.
Da qui ha inizio il viaggio oltreoceano del giovane, un peregrinare che è l’occasione per conoscere gli spazi del Nuovo Continente, della natura che è descritta con colori vividi e ricchi, dell’animo e di tutti i suoi tumulti ma anche per conoscere personaggi solo in apparenza secondari (quali Alfredo) che hanno il ruolo di costituire un ponte tra terra natia e Sud America, ma anche tra passato e presente, tra rapporti umani, tra speranze, e per affrontare e rendersi conto di quelle brutture che spesso vengono sottaciute. Tanti incontri e tante riflessioni che porteranno il protagonista principale a rapportarsi con altre figure, con altri israeliani, con altre storie fatte di perdita e di dolore, di rinascita e di fiducia nel domani, di uomini e donne con caratteri positivi e caratteri negativi che sono in bilico su un equilibrio precario ma che non temono di tornare agli anni della Seconda Guerra Mondiale per rivivere, attraverso la solitudine, attraverso il ricordo, attraverso la voce di testimoni (che ricordano a più riprese la nonna di Nevo, Praha Frishberg z’I, a cui il romanzo è dedicato), la Shoah. Il tutto mediante quel filo invisibile che lega le radici delle proprie origini con quello in cui si è trasportati dalle imprevedibilità dell’esistenza, sino all’immancabile ritorno a causa di una telefonata da Israele che non fa altro che annunciare che è Guerra, che il secondo conflitto del Libano dell’estate del 2006 è iniziato con i missili lasciati da Hetzbollah sul nord del Paese. Per ricordarci, ancora, per mostrare ai più fortunati, quel che significa vivere tra quotidianità e deformità, deformità delle ostilità armate.
Tra i più rinomati autori israeliani insieme a Yehoshua, Oz, Grossman, Nevo ci fa destinatari di un’opera che è chiaro emblema di quella generazione disillusa per una pace non raggiunta e per un futuro incerto, fragile e chissà, forse anche privo di solidarietà. Già dal titolo, “Neuland”, “Nuova Terra”, che trae spunto da “Altneulad” di Theodor Herzl, classe 1902, è possibile evincere la profonda complessità del componimento perché tante sono le esistenze, i temi e gli intrecci che sono magistralmente introdotti e affrontati. Si passa dal concetto di radici, alla separazione, alla eradicazione, al rapporto con i genitori, a quello con i fratelli (anche scomparsi prematuramente) e i coniugi, alle fragilità dell’animo umano, alle insicurezze più eterogenee, al desiderio di ricominciare per cogliere il dolore come un’opportunità, alla morte di quei punti saldi che sanno far vacillare con la loro assenza, al viaggio quale modo per ritrovare l’altro ma anche se stesso, per mettersi alla prova, per constatare le proprie certezze, per poi toccare temi quali la storia, la Patria, le persecuzioni, le contese belliche che in questi luoghi sembrano non voler mai cessare, il tempo. Il tempo che una simmetria perfetta tra desideri e realtà, tra aspettative e disincanto.
A una trama solida e ricca di profondi spunti di riflessione, che offre una panoramica esterna e “da lontano” su Israele, si aggiungono pagine intrise di profonda ironia e uno stile narrativo con un doppio ritmo, talvolta lento, introspettivo e anche ripetitivo, talaltra, rapido, scherno, privo di digressioni, diretto.
Un testo corposo, attuale, curioso, che si fa divorare anche se richiede tempo per essere elaborato e che non si dimentica neanche a distanza di tempo dalla prima lettura. Una delle opere più significative di questo novelliere che consiglio, a differenza delle stesure più recenti che onestamente ho trovato sottotono o comunque non all’altezza dei pregressi lavori, a tutti coloro che desiderano avvicinarsi a lui e alle problematiche evidenziate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Neuland 2015-09-04 20:43:20 Marco Caggese
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Marco Caggese Opinione inserita da Marco Caggese    04 Settembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le storie, quelle piccole e quella grande

Sono senza parole.
Questo è quanto ho provato alla lettura delle ultime pagine di questo splendido romanzo dell'Israeliano Eshkol Nevo. I personaggi con le loro storie vivono tra le tante righe, si raccontano, ci fanno conoscere tutte le loro debolezze, i loro dolori, le loro splendide luci. Ci viene raccontata una parte della storia di Israele senza le solite ipocrisie, si parla di vicende vere, dolorose e di speranza, ma Nevo ci dà una visione anche critica delle scelte dello stato dal quale proviene e si domanda quale sia la strada giusta.
La vicenda narra di un uomo che si mette in viaggio in Sudamerica alla ricerca del proprio padre che da tempo ha raggiunto quelle terre lontane senza dare più notizie di se. E conosciamo la storia di navi che viaggiano per mesi in cerca di libertà, di coppie che stanno insieme senza un vero perché (è questo il destino dei due protagonisti del romanzo, Dori ed Imbar), di nonne saggie che hanno rinunciato ad un sogno, ma dopo 50 anni ne portano ancora il rimorso dentro.
Ciò che lascia stupefatti è la straordinaria quantità di vicende che l'autore riesce a rappresentarci, incrociandole tra loro, utilizzando una struttura narrativa piacevolissima e dinamica, fatta di tanti racconti in prima persona, come se ognuno dei personaggi scrivesse di tanto in tanto un diario della sua avventura.
Impossibile, durante la lettura, non fermarsi continuamente a riflettere su quanto siano profondamente vere le storie che incontriamo e di quanto sia bello scoprire che c'è sempre un momento nel quale ci si può riscattare e dare una svolta alla propria vita.
Consiglio questo libro a tutti coloro che cercano, nella lettura, un modo per scavare nell'animo umano, perché Eshkol Nevo non ha paura di metterlo completamente a nudo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri