Narrativa straniera Romanzi Paese infinito
 

Paese infinito Paese infinito

Paese infinito

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo aver impulsivamente commesso un atto violento, Talia viene mandata in un riformatorio per adolescenti sulle montagne del dipartimento di Santander. Deve riuscire a tutti i costi a scappare da lì, per tornare a casa, a Bogotá, dove l’aspettano suo padre e un biglietto aereo per gli Stati Uniti. Se perde il volo, potrebbe anche perdere l’occasione di riunirsi finalmente con i suoi familiari. Come è arrivata la famiglia di Talia a dividersi in due? Vent’anni prima, gli adolescenti Mauro ed Elena si sono innamorati davanti a una bancarella del mercato in una Bogotá sull’orlo della guerra civile. Nella speranza di costruire una vita migliore, insieme alla loro primogenita Karina hanno lasciato il paese alla volta degli Stati Uniti, dove sono nati anche gli altri due figli, Nando e Talia, e dove hanno vissuto anni nell’ombra dell’irregolarità, da eterni esuli, rimpiangendo casa: «una nazione di amnesici, dove i narcotrafficanti diventano senatori e i senatori narcotrafficanti, gli assassini diventano presidenti e i presidenti assassini», ma pur sempre casa. Quando però Mauro, in seguito a una rissa, è stato deportato, tutto è andato in pezzi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Paese infinito 2022-07-04 04:02:29 68
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    04 Luglio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ritorno a “ casa “…

Una famiglia emigrata e divisa in attesa di ricongiungersi, individualità alla ricerca di un senso in una vita che riservi presupposti diversi e restituisca desideri negati.
Talia, la giovane protagonista, insegue una libertà da lei stessa corrosa, sperando un giorno nel ritorno in una terra straniera che l’ha vista nascere e in cui ha vissuto assai poco ( gli Stati Uniti d’ America ) prima di essere rimpatriata ( in Colombia ) con poche speranze nel presente e nel futuro e rari affetti presto negati ( la morte dell’ amata nonna di cui si è presa cura).
La madre Elena vive da anni l’ incubo della clandestinità e un’ invisibilità umiliante mentre il marito Mauro, per anni annegatosi nell’ alcool, quando pensava di avercela fatta viene incarcerato ed espulso dal paese per ritornare in Colombia, una terra … “ di amnesici, dove i narcotrafficanti divengono senatori e i senatori narcotrafficanti, gli assassini presidenti e i presidenti assassini “...
Eppure il grande paese dei sogni, che non li ha mai accettati e che continua a protrarne lo stato di clandestinità, soffre di una violenza indigesta, qui si può morire ammazzati da chi possiede liberamente un arsenale domestico.
Che cosa tiene incollati i cocci di una famiglia siffatta, che cosa alimenta il desiderio di Talia di farvi ritorno, laddove sembrano non essercene presupposti, speranza, identità.
E allora come guardare avanti, recuperare la voglia di vivere, i ricordi d’ infanzia, il respiro della memoria, gli affetti e le piccole cose che l’ hanno accompagnata da sempre, i sogni infranti, la vita disillusa che si è lasciata alle spalle, la possibilità di cambiare, tornando alle origini?
La verità è che nessuno conosce il proprio futuro fino in fondo, spesso i sogni si infrangono e il reale si mostra inesorabilmente certo, che ci si può sentire stranieri in patria e cittadini in una terra che ci detesta, estranei a se’ stessi e agli altri, mentre ci si può avvicinare a chi nemmeno ci conosce e ci ha incrociato per caso raccontandoci la propria storia.
E allora che cosa resta? Un senso di appartenenza, pochi affetti condivisi, una voce che viene da un’ alba lontana, sensazioni ed emozioni interiorizzate, o forse solo tanta confusione, d’ altronde partire è un po’ come morire e ci si ritrova con molto meno di quello che si aveva prima. Una nuova partenza è un nuovo arrivo, nessuna certezza sull’ origine del proprio viaggio e dove debba finire.
Romanzo di un’ autrice nata negli Stati Uniti da genitori colombiani “ Paese infinito “ affronta con una prosa semplice e delicata e un realismo senza fronzoli il tema delle radici e dello sradicamento, il senso di appartenenza, il bisogno di essere amati, le complesse dinamiche famigliari, la clandestinità, la guerra, la nostalgia di casa, cercando di definire che cosa si intenda per casa e famiglia. Il tema dell’ amore e delle proprie radici ritorna vivo e pulsante, insieme alla constatazione che…
…“ forse non esistono nazioni o cittadinanze, sono solo territori disegnati su una mappa, lì dove dovrebbe esserci una famiglia, dove dovrebbe esserci l’ amore, il paese infinito “…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta