Narrativa straniera Romanzi Piccolo mondo perfetto
 

Piccolo mondo perfetto Piccolo mondo perfetto

Piccolo mondo perfetto

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Orfana di madre, senza soldi e con un padre alcolizzato, la diciannovenne Izzy Poole rimane incinta di Hal, il suo insegnante di Arte del liceo. Lei, intelligente e schiva, determinata a non frequentare l’università malgrado gli ottimi risultati scolastici, sente di volere il bambino e decide di tenerlo; ma Hal, vittima di problemi psichiatrici, non regge la responsabilità e si suicida. Preston Grind, psicologo a sua volta figlio di celebri psicologi e segnato da un passato traumatico, dà avvio a un innovativo progetto di educazione infantile: il Progetto Famiglia Infinita. Nove coppie in condizioni economiche e sociali disagiate e in attesa del primo figlio trascorreranno dieci anni in una tenuta dove alleveranno i propri bambini come una sorta di famiglia allargata; anche Izzy, unico genitore single, entrerà a far parte del programma. L’esperimento prende il via, procedendo nonostante le difficoltà, più o meno prevedibili, che accompagnano le giornate di questa strana famiglia artificiale e autosufficiente: si creeranno legami particolari, nasceranno gelosie e rancori, i rapporti inizieranno a incrinarsi in seguito a inevitabili tensioni sessuali che rischieranno di spezzare il fragile equilibrio della comunità… La famiglia può rovinarti la vita oppure te la può salvare: quel che è certo è che dalla famiglia non c’è via di uscita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Piccolo mondo perfetto 2020-09-22 06:49:17 68
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
68 Opinione inserita da 68    22 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La famiglia che non c’è

Un romanzo a metà tra lo psico-pedagogia e la struggente storia d’ amore, alla ricerca di una famiglia ideale. Due Protagonisti, la giovane Izzy Poole e il dottor Preston Grind, incompleti, insoddisfatti, traumatizzati, addolorati, costantemente rivolti al passato, che inseguono un piccolo angolo di mondo nella fuga dal mondo, un nuovo corso sperimentale ( i dieci anni di durata della famiglia infinita ) vero, vissuto e sofferto, tra variabili sentimentali, frequentazioni assidue e desideri respinti all’ interno di una cerchia ristretta.
Un destino duale condiviso, quello di Izzy e di Preston, il proprio fallimento famigliare, sofferenze e dolorosi distacchi, la solitudine del presente, la scarsa consuetudine alla socializzazione.
Che cos’è la famiglia infinita se non un esperimento sociale a scopo pedagogico, finanziato dalla benevolenza filantropica di una anziana miliardaria, come capo uno psicoanalista reduce da un’ infanzia particolare, il dottor Preston Grind?
Un uomo indotto dai propri genitori, due famosi psicologi dell’ infanzia ( morti suicidi ), a un’ educazione innovativa all’ interno delle mura domestiche, il cosiddetto metodo della frizione continua, una serie di ostacoli esterni posti sul cammino del loro unico figlio per renderlo attivamente consapevole delle difficoltà e imprevedibilità del mondo circostante, pur mantenendo nei suoi confronti una certa vicinanza affettiva.
Un metodo abbandonato agli inizi del nuovo secolo, aspramente contestato dallo stesso dottor Grind, a sua volta impegnato in un nuovo esperimento, la famiglia infinita, nato dall’ idea che alcune famiglie disadattate con figli possano vivere per dieci anni all’ interno di una comunità condivisa, rinunciando al singolo nucleo famigliare in nome di un bene comune e di un nuovo modello educativo per i propri figli.
Izzy Poole è una madre single, il padre del proprio figlio, Hal, suo insegnante d’ arte al liceo, si è suicidato, vive con un padre alcolista, completamente assente, dopo la perdita della moglie e questa possibilità le pare il giusto angolo di mondo dove garantire un futuro a se’ e al proprio bambino.
L’ esperimento durerà alcuni anni, una sorta di villaggio globale in cui condividere tutto, persino i propri figli, un luogo appartato dove fare ritorno, un progetto che rigetta egoismo e particolarismi, tra collaborazione e regole comunitarie in un’ etica condivisa, la possibilità di accedere all’ esterno solo per studio e lavoro.
Ma il tempo destabilizza e a prevalere saranno i desideri individuali, intrecci amorosi destabilizzanti, gli psicologi coinvolti dibattuti sul reale senso dell’esperimento, i discendenti dei finanziatori desiderosi di ottimizzare il denaro devoluto, il dottor Preston Grind combattuto tra un passato in cui ha perso tutto ( moglie e figlio ) e un presente in cui non può cedere all’ evidenza ( l’ attrazione per Izzy ).
È così che un esperimento socio-pedagogico declina in un tormentato intreccio amoroso e in un impossibile legame a due, pena la fine di tutto. Ma ogni fine può non essere definitiva, la famiglia infinita ha donato alle nuove generazioni benefici indiscussi, il dolore vissuto diventa una ripartenza, addentrandosi nei misteri di una nuova vita da condividere.
Un romanzo lieve, che a fronte di un incipit impegnato e preamboli di un certo spessore, naviga in superficie, rigettando qualsiasi significato sotteso. A fronte di una certa scorrevolezza e gradevole colloquialita’, ci si addentra in ripetizioni e scene già viste, nel caotico incedere di teoria e pratica, passato e presente, faticando a capire il reale senso e intento di questa comunità’ che stenta a reggere individualismo esasperato e desiderio di altro, se a prevalere sono questi ultimi, a partire dal tormentato, traumatizzato e irrisolto ideatore dell’esperimento .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini