Narrativa straniera Romanzi Proprio come te
 

Proprio come te Proprio come te

Proprio come te

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Lucy è un'insegnante di lettere, quarantaduenne, con due figli e un ex marito che con molta difficoltà cerca di essere almeno un padre decente. L'amica Emma le invidia la sua condizione di single, che - immagina - le consentirà ben presto di fare sesso con una persona con cui non l'ha mai fatto prima, e si impegna instancabilmente nel darle consigli non richiesti. Ma Lucy non è pronta per una nuova storia, o forse non ha nessuna voglia di cominciarne una con un uomo che, sulla carta, sarebbe perfetto per lei: divorziato, bianco, colto, di mezza età. Passa senza convinzione da un deprimente appuntamento al buio a una cena con uno scrittore un po' troppo pieno di sé. Finché nella sua vita entra Joseph. È il ragazzo che lavora al banco della macelleria, ma fa anche il babysitter e l'allenatore di calcio. Però il suo sogno è diventare deejay. È troppo giovane per Lucy. È di colore. Ah, e forse voterà a favore della Brexit. Insomma, Joseph e Lucy non potrebbero essere più diversi, quindi tra loro non funzionerà mai. O invece sì? Sullo sfondo di una storia d'amore piena di colpi di scena, arricchita da personaggi irresistibili perché incredibilmente veri, c'è la Londra divisa dalla scelta sull'Europa, che sembra spaccare il mondo in due: in famiglia, sul lavoro e in tutte le relazioni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Proprio come te 2020-10-07 05:59:28 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    07 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricerca sentimentale

Un passato che mostra il proprio fallimento affettivo, un presente di rimpianti e solitudine autoimposti, il futuro un’ enigmatica assenza non preventivata.
I giorni di Lucy sono questi, noiosamente regolamentati, nessuna certezza, se non il proprio ruolo di insegnante di lettere e madre di due figlie, una quarantenne trascinatasi nella confusione postuma di un fallimento matrimoniale che continua a perseguitarla.
Oggi, da single, che cosa potrebbe desiderare se non stimoli intellettuali e attrazione sessuale, e se non può averli allora non ha bisogno di nessuno. Gli uomini l’hanno costantemente delusa, spingendola fuori strada, a cominciare dal marito Paul, un ex alcolista cocainomane, a lei non resta che un senso di colpa latente, domandandosi se l’alcol non sia stato una conseguenza matrimoniale e non un segno del destino e della genetica.
A Lucy non resta che un cambio di rotta, la ricerca di una stabilità affettiva e di un amore vero, con l’incertezza degli anni che passano e dell’ inaffidabilità della controparte.
Ecco la discutibile attrazione per Joseph, ventiduenne macellaio e babysitter a tempo perso, un nero cresciuto nella vivida concretezza del quotidiano, lontano da astruse teorie accademiche, una inclinazione inspiegabile e forse per questo più autentica, estranea al piccolo mondo ovattato di Lucy, un viaggio sensoriale senza l’obbligo di mantenere una recita poco gratificante.
Attorno a lei gravita Michael, uno scrittore snob e autoreferenziale, ma con lui è solo amicizia, anche se sembra non capirlo.
Il passato rivive in una ragazza che è stata la prima della classe, poi l’università, il matrimonio, i figli, le promozioni, tutti ostacoli superati con relativa facilità, il presente è una donna fuori strada per colpe altrui, prima Paul e ora Joseph, che non sa come rimettersi in pista ne’ dove possa finire.
I suoi sentimenti per Joseph sono così inaffidabili, che cosa se ne fa di un ventiduenne e dove la trascinerà? All’ inizio è felice, come in una bolla, una storia che esiste solo quando condividono la stessa stanza, ma persiste la propria fragilità e un mondo superficiale pronto a giudicare l’apparenza.
Per Joseph lei e’ davvero speciale, lo trascina dentro il presente, pur incerto sulle donne bianche con cultura universitaria.
La vita ripropone una circolarità che riporta Lucy al giorno delle sue nozze, alla felicità e infelicita’ del matrimonio e, nel nuovo presente, le pare assurdo avere trascorso tanti anni con qualcuno che l’ ha trascinata così in basso.
Attorno continua ad aleggiare l’ossessione per la Brexit, “ leave o remain “, in un paese anch’esso decisamente infelice.
L’ incertezza del presente e dell’ intero romanzo, l’ossessione di un passato ingombrante e di una possibile felicità negata da una forza autodistruttiva tuttora presente, sfociano in un percorso temporale di crescita sentimentale e personale, di accettazione dell’ ineluttabile, il mistero dei sentimenti, vivere in quel momento, con quelle persone, in quel posto.
Ed allora ....” Non c’erano più ostacoli, adesso dovevano camminare e vedere quanto sarebbero andati lontano” ....
L’ ultimo Hornby viaggia nella crisi del presente, tra forze separazioniste ed escludenti, incertezza sentimentale e frammentazione famigliare, un caos generalizzato che devia in una ricerca autogratificante che non sia semplice apparenza, vuoto esteriore, diseguaglianza sociale e razziale, ma accettazione, condivisione e accoglienza.
Il piano personale, come sempre, la fa da padrone, anche se non supportato da vivide presenze e dialoghi sferzanti, insufficiente per mostrare la complessità del presente, ingabbiato da un‘apparenza stereotipata.
Di certo non il miglior romanzo dell’autore, per temi e contenuti, ripetitivo nel proprio ossessivo mostrarsi, con il dubbio che sia una voluta rappresentazione di un presente fragile desolatamente narcisista, impaurito, dissolto, che trova rifugio nella speranza utopica dei buoni sentimenti.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Proprio come te 2020-09-30 10:55:17 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lucy & Joseph

«A volte certe domande fanno passare il tempo.»

Capita di trovare delle storie dalle quali si ha il desiderio di non separarsi e che per questo centelliniamo e che per questo cerchiamo di trattenere il più possibile a noi sino a che non giunge quell’inevitabile distacco a cui segue la consapevolezza che quel titolo si è in verità cristallizzato nel nostro intimo. Ecco, “Proprio come te” di Nick Hornby è una di queste storie.
Lucy e Joseph sono di quanto più diverso ci possa essere. Lei, bianca, quarantaduenne, insegnante di lettere, con due figli e un divorzio alle spalle da un marito alcolizzato e cocainomane, lui, ventiduenne di colore, un po’ deejay, un po’ macellaio, un po’ allenatore di calcio. Lui, a favore forse dell’uscita dall’Ue, anche se molto confuso dalla propaganda, lei, certa di dover restare. Due figure tra loro lontanissime ma che eppure trovano un punto in comune dal quale inizia una storia fatta di amore e crescita, di condivisione e di riflessione sullo ieri e sul domani. Ben presto, infatti, la relazione li porterà a dover prendere consapevolezza di quelli che sono i rispettivi punti in comune e quelli di distanza ma li porterà anche a interrogarsi sugli stereotipi, sui luoghi comuni, sul senso o meno di appartenenza a una comunità e al gruppo, al pregiudizio e al preconcetto, al vivere in un’era dove i valori sono stati capovolti. Il tutto al tempo della Brexit.

«Ora conosceva la risposta: andare a letto con Lucy, mangiare con Lucy, guardare la tv con Lucy. E forse in questo non c’era un futuro, ma c’era il presente, e proprio in questo consiste la vita.»

Hornby, per voce di questi due personaggi che entrano immediatamente in simbiosi con il lettore, crea una dimensione magnetica che ricrea le perfette ambientazioni dei suoi titoli tanto che a questi si confà, ma al tempo stesso se ne distacca. Il conoscitore, infatti, per quanto si senta a casa e si senta coccolato dallo scrivere e da quei denominatori comuni che sono costanti nelle sue fatiche, ne evince una non indifferente maturazione soprattutto per quanto concerne l’aspetto sociale e delle dinamiche relative. Egli riesce a far soffermare l’attenzione del lettore su peculiarità mai scontate, lo trasporta negli anni della Londra del referendum, offre una perfetta fotografia di quella che era la vita del luogo icona del riscatto e della possibilità rispetto alla nostra cara Italia, offre una perfetta prospettiva del punto di vista di chi l’abitava e di quel che doveva affrontare e di quel che al contrario pensava di non dover più affrontare dal momento dell’uscita dall’Unione Europea. Ancora, evidenzia il razzismo nel razzismo, la discriminazione nella discriminazione, non solo dal bianco verso l’uomo di colore quanto anche dallo straniero di prima generazione integrato e parte della società verso lo straniero di seconda generazione percepito quale di troppo e quale non “necessario” nel vivere quotidiano. Questa riflessione mi ha riportato alla mente un saggio di Donatella Di Cesare intitolato “Stranieri residenti” che ho letto qualche anno fa e che, con caratteri filosofici e non, si interrogava su questi aspetti.

«Nessuno aveva pronunciato le parole “Ti amo”, notò Lucy, eppure ognuno dei due aveva trovato un modo di dire all’altro che era amato. Sembrava il momento giusto per finire.»

Hornby riesce nella sua impresa e offre al suo pubblico un titolo concreto. Per taluni potrà risultare strano, particolare, ma è proprio in questa sua eterogeneità e voluta diversità che egli realizza un testo capace di far sognare e trasportare con due protagonisti e una serie di coprotagonisti vividi e capaci di far meditare su circostanze del vivere quotidiano e anche del relazionarsi nonché su quel contesto sociale così attuale e a noi prossimo. Un libro che coccola e che resta, da leggere.

«Ma la cosa strana alla sua età è che si passa metà del tempo a sognare quello che potrebbe succedere, e l’altra metà a tentare di non pensarci, e in entrambi i casi ci si trova bloccati a vivere una vita che non sembra avere grande importanza, a metà strada tra l’infanzia e qualcosa di più stabile portato dalla maturità, qualunque cosa sia.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il profumo sa chi sei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lockdown
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri