Se vado via Se vado via

Se vado via

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice

Lilia Liska è sopravvissuta a tre mariti, ha cresciuto cinque figli e ha visto nascere diciassette nipoti. Ora vive in una residenza per la terza età e ha un unico obiettivo: leggere il diario del suo amore segreto, Roland Bouley – un uomo appassionato ma anche fragile e vanesio – e contestare ogni evento, correggere ogni ricordo in argute note a margine. Il diario di Roland si trasforma così in un dialogo silenzioso, una conversazione intima lunga una vita, in cui Lilia ripercorre l’esistenza di Roland, opponendo la propria versione a quella di lui, narrando la relazione fugace e clandestina che li ha uniti e rivelandone le tragiche conseguenze – una figlia illegittima, amata e scomparsa troppo presto. E nelle parole non dette, nei pensieri inespressi, nelle vite divise, Lilia cerca le ragioni di quell’amore mai dimenticato, e del dolore pungente che non l’abbandona. Se vado via è un viaggio nel tempo dove passato e presente vivono fianco a fianco e dove la voce di Lilia e quella di Roland si alternano in due verità inconciliabili, eppure vicinissime. Illuminando i moti più liberi e profondi del cuore, Yiyun Li torna con un romanzo sui ricordi e sulla memoria, il luogo in cui la vita e la morte prendono forma.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Se vado via 2022-12-22 13:14:23 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    22 Dicembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il volto della vita

“ Se vado via “ pare inizialmente sfuggire a uno sguardo definente, due vite lontane ( quella di Lilia Liska e quella di Roland Bouley ) che si sono intrecciate rapidamente per separarsi per sempre, sbalzi temporali, voci difformi, l’ eco di Lilia, la protagonista, una lettura che si svela con pazienza, pagina dopo pagina, quando se ne coglie l’ essenza, una ricostruzione di particolari e sentimenti che genera una versione possibile sul senso del vivere.
All’ interno di una trama poco complessa, la rilettura da parte di Lilia, un’ anziana donna ricoverata in un’ istituto geriatrico, di un libro che raccoglie i diari di Roland Bouley, scrittore canadese incontrato nel 1945, un fugace amore di gioventù da cui nacque Lucy, bella e difficile, morta suicida prematuramente, e il tentativo di ricostruirne la vita destrutturandola, ricomponendola, sintetizzandola. In parallelo la propria storia contaminata, cinquant’anni e tre matrimoni, cinque figli, diciassette nipoti, e quella relazione non matrimoniale alimentata nella memoria della figlia scomparsa.
Corrispondenze epistolari, diari, correzioni, analisi psicologiche e caratteriali, ipotesi, raffronti, nostalgia, memoria, una scultura plasmata e marchiata dalla dura personalità della protagonista, una donna cresciuta in una famiglia di coloni, avvezza al lavoro, laureata nell’ arte della vita, oratrice sopraffina, arguta e cinica, una sana egoista sensibile, segnata per sempre dalla morte inspiegabile di Lucy, dalla propria incapacità di piangerla, da un istinto protettivo e materno, trasferito alla nipote Catherine, figlia di Lucy, e alla pronipote Iola.
Chi è Roland Bouley e quanto realmente ha contato nella vita di Lilia? Di lui mancano pezzi di storia che lei ricostruisce attraverso gli anni e la rilettura dei suoi diari, centinaia di pagine da cui estrapolare notizie, accadimenti, ricostruendo una vita, pensieri e parole trasferite su un quaderno, di sicuro si parla di un eterno fanciullo che ha viaggiato molto, egocentrico, innamorato di se’ e con la paura di annoiarsi, presto orfano di madre. La su vita è passata attraverso due affetti contrastanti e poco affidabili, due donne diverse che lo hanno accompagnato insieme alle proprie manchevolezze, prendendolo per quello che era ( Sidelle e Hetty), molte storie fugaci, Roland ha citato Lilia solo cinque volte nelle proprie memorie ( chiamandola L ), ignorando di avere avuto una figlia da lei.
Egli avrebbe voluto diventare uno scrittore famoso, è sempre stato molto teatrale, misurava il mondo in base a quello che il mondo faceva per lui, impiegato in lavori nei quali non si è mai riconosciuto abbastanza ( fumettista, autore di testi di propaganda, negoziatore per la pace nel mondo, compratore e venditore di libri ), accompagnato da un certo idealismo e da una fragilità emotivo-sentimentale con origini immature.
Lilia ne parla amabilmente e schiettamente, anche con un certo distacco, lo conosce e lo ricorda, ne approfondisce alcuni tratti, si specchia nelle sue relazioni, ipotizza amicizie e incompatibilità con le donne da lui frequentate e forse amate, a legarli per sempre è il ricordo vivido della figlia Lucy, che ne possedeva i tratti caratteriali ma non il salvifico egocentrismo, nel frattempo lei stessa ha attraversato una guerra, tre matrimoni, figli, nipoti, pronipoti.
Lilia e’ una donna poco sentimentale e dalla lingua tagliente, distante e impaziente, piena di segreti, con una certa compostezza, ha poco da lasciare in eredità a figli e nipoti, se non il proprio quaderno, non vuole trasmettere la storia della sua vita, segue le ragioni del cuore di cui non ha mai divulgato il contenuto, possiede una duplice voce, esteriore e interiore, da usare nel mondo e con gli affetti più cari.
Era incinta di Roland, la sua scelta cadde su Gilbert, un poveretto a cui non importava di essere un rimpiazzo.
Alla fine a contare è la propria essenza più vera, siamo quello che non dimentichiamo, la memoria di se’ svanirà dopo la morte, il matrimonio può rivelarsi un’ onta o un tranquillo e noioso ménage, si vive un’ epoca di finzione e di emozioni effimere, ma chi siamo realmente per noi e per gli altri?
Non restano che pochi affetti duraturi, parole dette e non dette, silenzi, ipotesi, trame nascoste, l’ essere se stessi, padroni del proprio destino, e Lilia è stata una buona madre, una buona moglie, una buona nonna. dura come la vita più dura, non ha abusato delle proprie forze, non ha creduto di essere quello che non è, ma questo non è stato sufficiente per salvare Lucy.
Leggere i diari di Roland le ha permesso di prenderlo per quello che era realmente, di comprendere alcuni tratti di Lucy, ma….

…”le persone felici non sanno che farsene delle parole e ora che ho iniziato a scrivere sono diventata una noia” …

Un romanzo denso e riccamente vestito, da assaporare lentamente, appropriandosi delle innumerevoli voci connesse e del continuo rimuginio e rimescolio di situazioni e di sensazioni difformi. Non si parla di una o di più vite, ma del volto della vita nella propria frammentaria identità e complessità, nei misteri irrisolti, nei dolori inspiegabili, nel cambiamento dell’ esperire, nella forza di un’ assenza protratta. Il giudizio complessivo, condito da una prosa essenziale ed elegante, non può che essere lusinghiero, una lettura consigliata a chi osa affrontare le tortuose vie del profondo…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage