Narrativa straniera Romanzi The danish girl
 

The danish girl The danish girl

The danish girl

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Siamo a Copenaghen, inizi Novecento: moglie e marito stanno dipingendo nel loro atelier, lui realizza paesaggi velati dalla nebbia del Nord; lei ritrae su enormi tele i ricchi committenti della borghesia cittadina. Proprio per completare uno di questi lavori, il ritratto di una nota cantante d'opera, Greta domanda al marito di posare in abiti femminili. Da principio Einar è riluttante, ma presto viene completamente sedotto dal morbido contatto della stoffa sulla sua pelle. Via via che si abbandona a questa esperienza, il giovane entra in un universo sconosciuto, provando un piacere che né lui né Greta avrebbero mai potuto sospettare. Quel giorno Einar ha un'autentica rivelazione: scopre infatti che la sua anima è divisa in due e forse lo è stata sempre: da una parte l'artista malinconico e innamorato di sua moglie, dall'altra Lili, una donna mossa da un prepotente bisogno di vivere...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
The danish girl 2016-08-02 12:59:16 Martina S.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Martina S. Opinione inserita da Martina S.    02 Agosto, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Greta, Lili ed Einar: tre persone in due corpi

"Nel cuore aveva una comprensione e una tolleranza infinite per l'uomo che amava. Neanche per un attimo aveva pensato di impedire che Lili entrasse nella loro vita. Qualsiasi cosa purchè Einar sia felice, si diceva. Qualsiasi cosa."

Einar Wegener e Greta Waud, lei americana e lui danese, sono marito e moglie. Entrambi trascorrono la loro vita tranquilla nella loro casa di Copenhagen, dipingendo. Finchè un giorno, Anna, una donna a cui
Greta doveva fare un ritratto, rimanda la sua seduta di posa, quindi chiede ad Einar di posare in abiti femminili. Inizialmente riluttante, il marito accetta, e una volta che il vestito entra in contatto con la sua pelle, ne rimane totalmente affascinato. Da quel momento Einar si interroga sulla propria identità sessuale, facendosi chiamare Lili, vestendosi da donna e frequentando uomini. Greta è preoccupata e decide di incontrare dei medici. Dopo varie diagnosi, finalmente la soluzione, assolutamente rivoluzionaria per gli anni '20/'30: la trasformazione fisica in donna. Einar si reca quindi a Dresda per essere sottoposto alle operazioni e poter riiniziare a vivere.

Sebbene a tratti la narrazione sia lenta e prolissa, il romanzo è assolutamente ben scritto. Spesso l'autore riesce a creare atmosfere piacevoli e ci si riesce ad immergere totalmente nei fatti. Il finale lascia spazio a diverse interpretazioni, se non si conosce la vera storia di Lili Elbe, perchè vengono lasciate in sospeso diverse cose. Una storia in grado di far riflettere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

The danish girl 2016-04-20 15:33:28 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    20 Aprile, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Greta e Einar

Greta Wegener, ventinove anni californiana, pittrice ritrattista, giungeva in Danimarca all’età di dieci anni. Originariamente una Waud, casato di ricchi proprietari terrieri, la giovane dal carattere spigliato, disinibito, ilare si sentiva subito attratta da quel professore così riservato, rigido, silenzioso, Einar Wegener, paesaggista amante dei fiordi e degli scenari serafici di quella Danimarca così intima.
Nella primavera del 1925 i due erano già sposati da più di sei anni, vivevano nella casa delle Vedove con il cane Edvard IV e il tempo sembrava essere volato tanto rapidamente era trascorso. Einar e Greta si erano conosciuti all’Accademia reale di Belle Arti il primo settembre 1914, la ragazza aveva appena 17 anni mentre il professore, timido, scapolo e a disagio tra gli adolescenti, poco più di venti. Mentre lei aveva spalle larghe di chi ha passato l’infanzia a cavallo e i capelli biondi lunghi fino alle reni, il docente aveva il viso di un ragazzino, con la bocca piccola e di un colore così intenso che nessun rossetto sarebbe mai riuscito ad eguagliare, le orecchie sempre rosse, i capelli castano chiaro che gli ricadevano sbarazzini sulla fronte, il corpo esile e stretto con un petto femminile caratterizzato infatti da due seni pronunciati e ben lontani da quelli propri dell’emisfero maschile.
E seppur del tempo fosse trascorso da quella volta in cui Einar aveva posato nei panni di Anna, ormai Lili era una costante, una presenza ineludibile nella vita della coppia. Giorno dopo giorno il marito finiva con l’essere sempre più oscurato dalla personalità della Elbe. Al suo ritorno dalle commissioni Gerda, immancabilmente trovava quei bigliettini dalla stessa lasciati, inesorabilmente chiedeva al coniuge se Lili quel pomeriggio gli aveva fatto visita e sempre più frequentemente si trovava dinanzi la risposta che si, effettivamente, vi era stata.
Con “The Danish girl”, romanzo d’esordio, David Ebershoff narra la storia di questa anima di donna intrappolata in corpo di uomo, una sofferenza tale da necessitare un intervento chirurgico destinato a porre in essere il cambiamento di sesso in un’epoca, l’Europa del ’30, in cui la medicina e la società concepisce tale desiderio quale una deformazione mentale, come una malattia piuttosto che come una necessità, un bisogno fisico.
Seppur l’intento sia dei migliori francamente la storia narrata è stata eccessivamente romanzata dall’autore tanto che chi legge fatica ad entrarvi dentro, a lasciarsi conquistare. Nonostante infatti l’oggetto delle vicende si sviluppi su un doppio binario, da un lato quello di rivivere l’esperienza del primo transgender e dall’altro quello di far spiccare il senso e la forza di un amore così forte da andare oltre i confini della normalità ovvero quello di una moglie che vuole talmente tanto il bene di quel marito da essere disposta a perfino a perderlo, e quindi sia di indubbio valore, lo stile adottato impedisce di farsi catturare. Le atmosfere sono cupe e si mixano ad un linguaggio eccessivamente descrittivo, freddo, impersonale. In tutta la prima parte il libro non decolla, fatica ad andare avanti, singhiozza. Soltanto nella seconda, quando cioè la storia prende veramente il via ed emozioni e sentimenti dovrebbero avere spazio totale, allora si ha un minimo di accelerare nello scorrere delle battute, un defluire, un procedere che però è pur sempre fiacco, farraginoso.
Non solo, l’intento di Ebershoff era chiaramente quello di indagare su una circostanza, approfondire un argomento attuale ed ancora oggi discusso, ma di fatto il presente volume è un tomo che si sviluppa, si incentra ed è mandato avanti da Greta/Gerde e sul suo modo di affrontare la condizione del marito e di aiutarlo a trasformarsi nel suo vero se stesso, nell’affiancarlo in quella che è la sua lotta interiore per riuscire a capire ciò che veramente vuol essere, chi veramente è, nonché sulla solitudine della stessa Waud, sul suo bisogno di “tornare a casa” desiderio che mai avrebbe pensato di provare.
Si è quindi davanti a un duplice dolore: quello di una donna tormentata per natura perché nata nel corpo di un uomo e quello di un’altra insito per carattere nel suo essere poiché da sempre caratterizzata da quella voglia di fuggire da tutto per andare verso non si sa cosa.
Lo scrittore inoltre, per descrivere le decisioni che hanno animato Gerda, ricorre a continui flashback nonché salti temporali che, invece di avvalorare il contenuto del narrato, non fanno altro che aumentarne la confusione. L’impostazione impedisce, nonostante le continue e ampie riflessioni, di comprendere appieno quelle scelte, di coglierne le sfumature tanto che anche la stessa storia di Lili Elbe risulta intangibile, irreale, eccessivamente rielaborata e poco biografata.
In conclusione, buono il proposito ma troppe le perplessità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
si = per il proposito e per chi è incuriosito dall'argomento,
no = per chi ama i testi di sostanza, ben argomentati e lineari.
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri