Dettagli Recensione

 
Il piccolo libro dei colori
 
Il piccolo libro dei colori 2019-08-05 17:13:16 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    05 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A ciascun colore la sua fortuna

Dopo aver letto il libro monotematico ( e monocromatico, mi si conceda la ridondanza) sul blu del professor Michel Pastoureau ed esserne rimasta entusiasta, è stato naturale per me continuare a leggere altri saggi sui colori. Stavolta sono stata troppo curiosa, non ho avuto la pazienza di leggere sistematicamente gli altri libri sul singolo colore (tra l’altro “Giallo, storia di un colore” non è ancora disponibile in Italia, mentre sono disponibili quelli monotematici sui colori nero, rosso e verde). Ho deciso subito di scoprire l’intera tavolozza, quindi mi sono tuffata a capofitto su questo libriccino interessantissimo e piacevolissimo che parla brevemente, ma in maniera concisa e rigorosa dei principali colori.
La trattazione si svolge sotto forma di dialogo: Pastoureau risponde infatti alle domande postegli da Dominique Simonnet, caporedattore del settimanale francese “L’Express”. Questo espediente rende la fruizione dell’opera godibilissima e alleggerisce le argomentazioni, donando al saggio una meravigliosa freschezza .
Ecco i capitoli collegati ai colori trattati:

1. Il blu: il colore gattamorta 2. Il rosso: è il fuoco e il sangue, l’amore e l’inferno 3. Il bianco: ovunque, esprime la purezza e l’innocenza 4. Il verde: quello che nasconde bene il proprio gioco 5. Il giallo: tutti gli attributi dell’infamia! 6. Il nero: dal lutto all’eleganza… 7. Le mezze tinte: fumo di Londra, rosa confetto

Ogni titolo contiene il succo dell’argomentazione, non li trovate intriganti?
Non vi svelo veramente nulla della storia che sta dietro ad ogni colore, ma giova sottolineare quanto sia rigoroso e ben documentato il lavoro di Pastoureau, a cominciare dall’etimologia, dalle trasformazioni linguistiche, dai reperti archeologici, dalle ricette per ottenere i colori naturali allo studio sociologico, basilare perché “noi obbediamo nostro malgrado alle leggi del gruppo cui apparteniamo, e siamo ostaggio dello sguardo altrui”, è quindi naturale tenere conto che

“I colori rispecchiano i mutamenti sociali, ideologici e religiosi, ma restano anche prigionieri dei mutamenti tecnici e scientifici. Ciò comporta gusti nuovi e, necessariamente, attribuzioni simboliche diverse”. E Pastoureau è il massimo studioso vivente del simbolismo (medievale).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli appassionati di storia, di storia dell’arte.
A chi vuole imparare sempre cose nuove e interessanti
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri