Dettagli Recensione

 
Rughe
 
Rughe 2018-02-05 16:31:55 Mian88
Voto medio 
 
4.7
Sceneggiatura 
 
5.0
Disegno 
 
4.0
Originalità 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    05 Febbraio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rughe, inesorabili rughe.

Con “Rughe” Paco Roca affronta uno dei temi in assoluto più complessi: l’anzianità. Quella narrata è la storia di un uomo non più giovane, un uomo come molti altri che colpito dalla malattia dell’Alzheimer è costretto a convivere con quelle perdite di memoria sempre più assidue che lo porteranno a restare privo di quella ormai già esigua autonomia che gli era stata ancora concessa. Emilio, il suo nome, alterna repentini scatti d’ira a vuoti totali tanto che il figlio è costretto, suo malgrado, a disporne il ricovero presso una struttura. In questa il protagonista passa da momenti di lucidità a nebbie sempre più profonde dovendo imparare a coabitare con quella terza età che tanto lo tormenta. Chi legge è con lui obbligato ad affrontare quei tipici problemi dettati da quest’ultima fase della vita, ovvero è tenuto a far fronte a quegli atteggiamenti comuni che soventemente abbiamo avuto modo di vedere. Il fumettista, vi riesce, tra l’altro, mediante una narrazione diretta, fredda, glaciale, imperturbabile. Le situazioni, ancora, sono descritte con cura e con attenzione, sia nelle più felici che nelle più tristi e crude. I sintomi della malattia e il degeneramento continuo delle facoltà mentali vengono a galla pagina dopo pagina talché il conoscitore apprende assieme al vecchietto cosa significhi essere vittime, vittime condannate a perdere la ragione, la consapevolezza, la coscienza per finire con il sentirsi a tratti abbandonati e inermi primariamente da sé stessi. Ma “Rughe” non è soltanto tristezza e commozione e amarezza per quel destino a cui è impossibile sottrarsi. Perché? Perché in questo contesto radicato in una casa di riposo, un luogo in cui il tempo scorre lento e ogni vignetta è percepita quale statica, l’autore introduce personaggi che riescono con la loro genuinità a far sorridere, a far provare sulla pelle un indiscutibile senso di solidarietà.
E per far tutto ciò Roca entra nel concreto in queste realtà e esistenze, osserva quella che è la vita nelle case di riposo, partecipa alla quotidianità che gli è propria, assapora quei retrogusti acri che ne colorano le giornate.
L’opera presentata è un libro da leggere con la mente aperta, con la percezione di poter rimanere amareggiati e delusi non tanto dal volume quanto da noi stessi per quel che la vecchiaia può riservarci poiché non è facile accettare lo scorrere del tempo, non è facile convivere con la rassegnazione talvolta serena talaltra consapevole. E ancora, restiamo delusi da noi stessi perché vivere al fianco di una persona anziana non è facile tanto che in alcuni casi non possiamo far altro che arrenderci, così com’è capitato al figlio di Emilio all’inizio della vicenda, all’evidenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

lapis
06 Febbraio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Commovente. Bravissima, come sempre, Maria.
Non ho mai letto nulla di simile (come si dice - graphic novel, fumetto? - perdona l'ignoranza). Mi incuriosisce molto.
Non posso che dirti bravissima anch'io, Maria!
Avevo già sentito parlare di questo libro. Ora la tua bella recensione mi conferma che è da leggere! :)
In risposta ad un precedente commento
Mian88
06 Febbraio, 2018
Ultimo aggiornamento:
06 Febbraio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Manuela ti ringrazio di cuore per le tue parole. E' un'esperienza nuova anche per me e a cui mi sono avvicinata soltanto di recente. Questo autore però lo consiglio, "Rughe" ti entra dentro e ti scombussola dall'inizio alla fine, fa riflettere e tanto. Se in futuro dovessi leggerlo, spero di potermi confrontare con te.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
06 Febbraio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie di cuore anche a te Laura, sono rimasta sinceramente colpita da questa storia e da questo autore, l'ho scoperto per caso ma ringrazio di averlo potuto leggere. Te lo consiglio, e, non vedo l'ora di potermi confrontare con le tue impressioni.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il contastorie
Il cuore di Lombroso
Le torri di Bois Maury
Il naso di Lombroso
La ricerca dell'uccello del tempo
Nella mente di Sherlock Holmes
Le voci dell'acqua
Le ragazze del Pillar
Mercedes
Anya e il suo fantasma
Il porto proibito
Nonostante tutto
Due figlie e altri animali feroci
Sono ancora vivo
Cinzia
La guerra di Catherine

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232