Saggistica Fumetti Nella mente di Sherlock Holmes
 

Nella mente di Sherlock Holmes Nella mente di Sherlock Holmes

Nella mente di Sherlock Holmes

Editore

Casa editrice

Una semplice diagnosi medica pronunciata dal dottor Watson rivela risvolti inaspettati. E il ritrovamento di una polvere misteriosa sugli abiti del paziente insieme al biglietto per uno spettacolo molto particolare spingono Sherlock Holmes a far luce su un complotto molto più grande che vede coinvolto un perfido mago dai poteri in apparenza inspiegabili... Nei romanzi di Conan Doyle, Watson poteva osservare solo il volto di Sherlock Holmes. Ma in questa indagine senza precedenti siamo trascinati letteralmente nella mente del geniale detective, seguiamo il filo dei suoi ragionamenti e attraversiamo l'architettura del suo mondo segreto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Sceneggiatura 
 
5.0  (1)
Disegno 
 
5.0  (1)
Originalità 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Sceneggiatura*
Disegno*
Originalità*
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nella mente di Sherlock Holmes 2023-07-13 15:59:40 FrancoAntonio
Voto medio 
 
5.0
Sceneggiatura 
 
5.0
Disegno 
 
5.0
Originalità 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    13 Luglio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inside Sherlock Holmes

Il dott. Watson, biografo e cronista delle epiche imprese di Sherlock Holmes, poteva studiare il comportamento del suo geniale amico dall’esterno, ascoltandone le esposizioni, osservandone i gesti, gli atteggiamenti e le espressioni facciali. In questa singolare graphic novel, invece, si cerca di seguire il tortuoso, ma sempre risolutivo, stile di ragionamento dell’investigatore andando a spiare ciò che avveniva nella sua mente. Ne “Lo studio in rosso” Conan Doyle, fa dire al suo personaggio “Vede, la mente è come una piccola mansarda vuota. Chi lavora con intelligenza sceglie con discernimento quanto introdurre nella propria mansarda mentale”. Ora con abilità e arguzia, Cyril Lieron e Benoit Dahan provano a introdursi nella “mansarda” di Holmes (anzi nella sua “Casa-mente”) e seguirne le incredibili, febbrili attività volte a risolvere gli intricati enigmi che gli vengono proposti. In questo caso specifico l’intrigo che è stato ordito potrebbe causare addirittura il tracolo dell’Impero britannico e della sua credibilità mondiale.

Tutto inizia con l’arrivo di un poliziotto che accompagna a Baker Street il dott. Herbert Fowler, amico e collega di Watson. L’uomo, in evidente stato confusionale, ferito, vestito della sola camicia da notte, è stato visto vagare in modo folle per il malfamato quartiere di West End. Dopo i primi accertamenti Holmes scopre che Fawler, dopo aver assistito a uno spettacolo di illusionismo al Lyric Theater, grazie a un biglietto omaggio, sarebbe uscito in piena notte da casa sua per motivi ignoti e, forse pure, in stato di semi-incoscienza. Dopo di che i suoi movimenti e le sue attività sono tutte da scoprire.
Il geniale investigatore scoprirà presto che l’episodio del medico afflitto da amnesia va posto in relazione con altre misteriose scomparse avvenute nelle settimane precedenti, all’omicidio di una povera commessa e, probabilmente, a qualche oscuro, tragico complotto contro la stabilità dell’Impero che solo lui ha la possibilità di sventare.

Liéron e Dahan sono due sceneggiatori e disegnatori francesi che si sono associati per produrre quest’opera grafica di grande impatto visivo e stupefacente costruzione tipografica che non può che affascinare e stupire a cominciare dal suo aspetto esteriore: copertina di cartone pesante, satinata, di color blu scuro, con elaborati caratteri vagamente anticheggianti e con (al centro!) un foro, un enorme apertura sagomata. Attraverso questa “finestra”, che segue il profilo della testa del protagonista, occhieggia il frontespizio, dove si vede un piccolo Sherlock Holmes affannarsi in una enorme biblioteca, piena di libri e dossier: la sua mente.
Questa sorprendente innovazione introduttiva non viene per nulla smentita dal contesto del volume. I disegni sono sopraffini con un misto di immagini classicheggianti e disegni spigolosi e nervosi, uniti in una composizione di pagina a dir poco rivoluzionaria, con le singole vignette che si rincorrono non nel consueto ordine formale, ma che si accalcano seguendo il tortuoso filo dei ragionamenti dell’investigatore. E proprio un filo rosso, disegnato dalla prima congettura di Holmes sino alla soluzione finale, è l’unica guida per non perdersi nel caotico affastellarsi di immagini che entrano ed escono dalla “casa mentale” di Holmes.
I tratti moderni dei disegni sono amalgamati con colori acquerello dal piacevole sapore antico. Le pagine simulano l’ingiallimento del tempo e la sfocatura degli aloni di umidità. Il carattere anticato è accresciuto da tavole bi-tricromatiche, giocate tutte sulle sfumature degli inchiostri calligrafici: seppia, royal blu, ocra. Le fumose atmosfere londinesi di fine XIX secolo sono rese magistralmente. Anche le fisionomie dei protagonisti sono ben tratteggiate, con lineamenti caricaturali, ma mai stravolti o ridicolizzati, quanto, piuttosto, accentuati per evidenziarne meglio i caratteri e gli animi.
La trama della storia è pienamente in linea con lo stile delle avventure scritte da Conan Doyle: avvincente e un po’ astrusa, ma non troppo. Magari solo un po’ enfatizzata, però senza andare sopra le righe se non forse nel finale, al limite della credibilità. Holmes è spocchioso e supponente come la tradizione ce lo ha consegnato, e anche i comprimari, a cominciare da Watson, sono sicuramente ben resi e divertenti. La sceneggiatura e i testi sono ottimi, giustamente impetuosi e mai banali.
Ma la cosa più straordinaria del libro è l’essere non solo una piacevole lettura a fumetti, ma pure un gioco nel quale viene coinvolto il lettore, a cui sono proposti gli indizi, con l’intento di sfidarlo alla soluzione del caso, e al quale sono continuamente offerte sorprese, con la trasparenza delle pagine, o altri artifici grafici che rendono la lettura dinamica e mai scontata.

Per chi ama le graphic novel di qualità è davvero un libro imperdibile che fa rimpiangere il fatto che, al momento, sia un’opera unica senza alcun seguito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama le opere di graphic novel tra le quali questa spicca per la sorprendente novità e la perfezione grafica.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il contastorie
Il cuore di Lombroso
Le torri di Bois Maury
Il naso di Lombroso
La ricerca dell'uccello del tempo
Nella mente di Sherlock Holmes
Le voci dell'acqua
Le ragazze del Pillar
Mercedes
Anya e il suo fantasma
Il porto proibito
Nonostante tutto
Due figlie e altri animali feroci
Sono ancora vivo
Cinzia
La guerra di Catherine

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232