Dettagli Recensione

 
Il giallo di via San Giorgio
 
Il giallo di via San Giorgio 2019-05-16 09:25:42 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    16 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Astore Rossi un'avventura.

Riccardo Landini nel 2009 esordisce nel campo della letteratura con E verrà la morte seconda, a cui fecero seguito Il primo inganno, non si ingannano i morti, e ingannando si impara. Ha vinto nel 2013 il Premio Giallo Strega. Oggi firma: Il giallo di via San Giorgio, un bel libro intrigante ed avvincente.
Il protagonista di questo libro si chiama Astore Rossi, un nome singolare, poiché:
"Quando sono venuto al mondo, mio padre, avido appassionato di saggi sulla storia Delle battaglie be' Delle guerre, stava leggendo le gesta di un Valente condottiero che, insieme a Marcantonio Bragadin, difese con eroismo Famagosta dall'assalto dei Turchi. Dal suo nome il mio. (...) E ora questo nome da rapace me lo stringo forte, lo sento mio:un essere solitario che vola sopra la città, distante da essa, insofferente alle sue regole, un uomo libero, insomma."
Astore, giovane, è duramente provato dalla vita, e per difendere la sua persona, delusa ed ingannata, si ritira a fare il restauratore di mobili antichi in un luogo a dir poco singolare, ovvero in via San Giorgio:
"Mi sono innamorato di questa via che non possiede luce, ne chiasso, ne passeggio; che racconta le storie del passato e mescola le atmosfere del giorno con quelle della notte fino a creare una specie di crepuscolo continuo, soprattutto nelle stagioni invernali."
Qui conosce la sua vicina di casa: Luisa Ruggeri, una signora anziana ed elegante, l'unica con cui intreccia un rapporto di amicizia. Quando lei muore, gli lascia una misteriosa chiave, e gli strappa la promessa di rimediare al male del passato, ad Astore non rimane che iniziare una personale indagine, che lo conduce all'interno Delle deviazioni più oscure e nere degli esseri umani.
Un giallo avvincente, che risponde bene alle caratteristiche di genere. Non troppo violento, un noir di grande e sofisticata ambientazione: una via solitaria, una villa abbandonata e misteriosa, che pare trattenere in se molti oscuri segreti, un fiume che fa scomparire le anime dannate... Una bella lettura di evasione, che trascina e colpisce con eleganza e stile narrativo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri