Dettagli Recensione

 
Il gioco delle ultime volte
 
Il gioco delle ultime volte 2021-02-22 16:55:22 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    22 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un tragico gioco introspettivo

Margherita Oggero si cimenta con una storia dei giorni nostri ne Il gioco delle ultime volte. Purtroppo la lettura del testo non mi ha entusiasmato, la storia in sé e per sé sarebbe bella, è l’impianto narrativo a non convincere.
Il libro inizia con la storia di Ale, diciassette anni, figlia della buona borghesia torinese, viziata e scontenta, che si getta sotto un tram. Nel mentre i suoi genitori stanno facendo un viaggio in Costa Azzurra, inconsapevoli della tragedia che sta per piombargli addosso. Dall’altra c’è Nicola, giovane medico del pronto soccorso che per primo l’ha in cura. Finisce il turno e va a casa. E’ pronto per un lungo weekend da trascorrere con gli amici a Chamois, dove incontrerà un amico che non vede da molto tempo: Matteo. Li separa un evento che ha segnato entrambi nel passato. Riusciranno ad affrontare le insidie insite nel “gioco delle ultime volte”. E quest’ultimo in che cosa consiste?
“Ci si ricorda dell’ultima volta che abbiamo fatto o ci è successo qualcosa e ci si racconta agli altri. Un esercizio di introspezione e anche si storytelling.”.
E cosa ha a che fare con la giovane ragazza? Che si salverà?
Un romanzo dominato da un collante universale, denominato, appunto “destino”, per cui:
“Due, cinque minuti avrebbero fatto la differenza. Invece. Le unghiate del destino, quelle che possono segnarti per mesi, per anni o per sempre. Che tu te ne renda conto o no.”
Non solo: anche l’incoscienza percorre tutta la vita dei personaggi:
“Le loro convinzioni inconciliabili hanno entrambe sostanza di verità. Senza incoscienza la giovinezza sconfina troppo presto nei piatti orizzonti della maturità, ma se la corteggiamo chiudendo gli occhi come a moscacieca non possiamo sapere come finirà il gioco. “
Un romanzo di per sé ben scritto, ma slegato nella sua interezza. Le due vicende vengono narrate a pezzi, saltando di qua e di là. I personaggi scarsamente descritti, una prosa che è elegante e raffinata. E’ la trama, l’intreccio che stenta a decollare e che non convince fino in fondo. Peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri