Dettagli Recensione

 
A dieci minuti da Urano
 
A dieci minuti da Urano 2010-10-30 04:44:57 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    30 Ottobre, 2010
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un’esplosione magmatica senza clamore

Cos’è la poesia, se non un’intima confessione di quanto il nostro “io”, rapportandosi con il mondo intorno e con l’esistenza, elabora scientemente e, soprattutto, inconsciamente?
La poesia non è versi ritmati, magari piacevoli, ma vuote parole; no, la poesia è un urlo silenzioso che squarcia un buio fatto di grigiore quotidiano, di assopimenti e frenesie incontrollate, è riflessione scaturita da un’idea, da un’emozione, da un sentimento.
E’ anche scoperta di noi stessi, resa nota agli altri; è solitudine che invano si cerca di spezzare, è gioia sempre temperata da quella malinconia di fondo che riviene dalla consapevolezza che nessuno potrà mai comprendere completamente che cosa si celi dietro quei versi.
Ed è poeta chi cerca di comprendere gli altri scavando in se stesso, chi piega la testa senza spezzarla, colui che insegue un sogno che sa che non potrà avverarsi.
Carla De Angelis, con questa silloge che evoca spazi siderali, ripercorre invece un mondo terrestre, nell’ottica di una trascendenza venata da una tenue, ma sempre presente malinconia.
Fra ciò che è e ciò che il suo io avverte non esiste differenza se non quella sensazione, spesso inconsapevole, che conduce a una visione prospettica della realtà, che non è fatta solo da materia e da eventi, ma è costituita anche da ciò che incide sull’animo del poeta (Invece di morire / traghetto parole / fino a farne una culla / per le mie ferite /….). E’ un dolore reale, ma avvertito solo all’interno e i versi sono lo sfogo, il risultato di un magmatico confronto intimo che esplode senza clamore.
E in fondo Carla De Angelis riesce in questo modo ad accendere nel lettore il desiderio di confrontarsi, di iniziare quel percorso intimo che solo può avvicinarlo alla conoscenza di se stesso, per comprendere meglio, per essere parte consapevole di quella realtà così diversa quanti sono quelli che l’osservano (Tra le mani nuvole e sole / pianto e sorriso / Un solo gesto per placare l’ansia / un solo tocco per la scintilla).
Noi non siamo artefici di noi stessi, ma la riscoperta di ciò che siamo è l’unico traguardo umanamente possibile e a ciò possiamo arrivare soprattutto grazie alla poesia, anche a quella di questa riuscita e piacevole silloge.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Vita d'un uomo
Adelchi
L'ultimo turno di guardia
Uno più uno fa uno
Aforismi e magie
Poesie dell'indaco
Diavolo di sabbia
L'ennesimo angolo
Haikugrafia
La strada dei colori
Se non mi confonde il vento
Forza e libertà attraverso Alda Merini
I passeri di fango
Cento poesie d'amore a Ladyhawke
Haiku della buona terra
Ultimo viandante