Dettagli Recensione

 
La donna dal cappotto verde
 
La donna dal cappotto verde 2012-04-18 12:21:32 Lady Libro
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    18 Aprile, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qui ci vuole Anitra wc!

Sicuramente questo è il peggior libro che io abbia mai letto sull'Olocausto.
Tanto per cominciare in bellezza, la parola chiave (almeno in teoria) "Shoah" in questo romanzo viene scritta come "Shoà". So perfettamente che è un dettaglio insignificante, ma se si vuole scrivere un libro su questa tematica, mi si faccia il favore di scriverlo in lingua originale! Tra l'altro l'autrice è una sopravvissuta a questa catastrofe, quindi la cosa risulta ancora più deprimente. E'un po' come scrivere "I love you" come "ai lov iu", e se un romanzo non rispetta grammaticalmente il suo contenuto, è praticamente morto in partenza.
Ma la vera bruttezza giunge fin dalle prime pagine, a cominciare dalla protagonista scrittrice che paragona il blocco dello scrittore alla stitichezza, propinandoci una decina di pagine (e in totale sono centodiciannove!) in cui descrive che un gabinetto è fatto per espellere le feci (ma dai! Mi hai aperto un mondo! Grazie, Edith Bruck!) e dove discute con il marito su chi deve urinare per primo e su filosofiche questioni riguardanti l'apparato escretore.
Inutile dire quanto siano superflui questi deliziosi particolari, tra l'altro tutto il libro è accompagnato da un gergo forzatamente volgare, una volgarità che in alcune situazioni è assolutamente fuori luogo.
Quando poi la nostra protagonista incontra questa misteriosa donna, si trasforma in un essere paranoico, schizofrenico e terribilmente ansioso e odioso sguinzagliando per tutta la città poliziotti e agenti per trovare questa presunta kapò polacca e tutto quanto diventa un mediocre giallo da due soldi, che si conclude con un brutto evento che capita a Lea (che preferisco non dire, per paura di fare spoiler) e allora tutti i suoi amici e parenti cominciano a starle attorno come vespe sull'aranciata, sputando monologhi, confessioni, rimpianti...
E questo tanto esaltato incontro tra Lea e quella donna? Semplice: si risolve in due paginette!
Meno male che era piccolo, l'ho letto molto rapidamente e altrettanto rapidamente lo dimenticherò. Veramente brutto. Sconsigliatissimo.
Mi è venuta voglia di prendere un cappotto verde. Per pulirmi la bocca dal vomito.

Trovi utile questa opinione? 
183
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Lo avevo messo in lista, ma se mi dici così lo tolgo proprio!!!
Beh! Non ci sono dubbi, deve essere davvero brutto!
In risposta ad un precedente commento
Nadiezda
18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Si, infatti Danilo, peccato sono un'appassionata di quei libri... Se non trovavo la tua recensione Cecilia avrei preso una cantonata...
In risposta ad un precedente commento

18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
ti ho salvata! XD
In risposta ad un precedente commento

18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
lo è, lo è. Te l'assicuro.
Sono ancora scioccata O_o
Veramente Schoah, Schoa ,Shoa, Sho'ah, Shoà sono tutte trascrizioni esatte di una parola che, in lingua originale, è tracciata in un alfabeto diverso.
In risposta ad un precedente commento

18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
eppure io ho sempre sentito "Shoah"
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ah si ? Io ho sempre visto scritto Shoah.
Vabbe, sembra proprio poca cosa questo libro.
Comunque non l'avrei letto :-)
In risposta ad un precedente commento
Nadiezda
18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Si, Rosalia ha ragione ci sono diversi modi per scrivere la parola Shoah.
Comunque nell'insieme mi sembra lo stesso un brutto libro
In risposta ad un precedente commento
piero70
18 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Sì Rosalia ha ragione. Succede quando traduci dall'ebraico o dal russo (dall'alfabeto cirillico), che non avendo riscontri, italianizzi...
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Cara pace
L'assemblea degli animali
Divorzio di velluto
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti
Padri
Quaderno proibito
Lei che non tocca mai terra
Il gioco delle passioni
Morsi
Il quinto evangelio
La biblioteca dei sussurri