Dettagli Recensione

 
Il corpo umano
 
Il corpo umano 2012-10-24 14:37:47 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    24 Ottobre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Corpi e anime

Dopo il brillante esordio de “La solitudine dei numeri primi”, Paolo Giordano pubblica il suo secondo lavoro.

Anche questo romanzo è caratterizzato da un'estrema fluidità narrativa, tanto da stimolare una lettura rapida ed incalzante. Non cada il pubblico nell'errore di correre su queste pagine accattivanti e coinvolgenti, alla ricerca spasmodica di un finale degli eventi.
Questo romanzo va assaporato lentamente, va compreso col cuore e con la ragione, per poter captare gli infiniti messaggi dell'autore, o almeno, poter comprendere il punto di vista sotteso al nucleo narrativo.

Giordano rappresenta magistralmente, ancora una volta, la generazione che si affaccia alla soglia dei trent'anni, età che conduce a fare i conti con l'ingresso nel mondo adulto, fatto di responsabilità e scelte di vita destinate a riflettersi su se stessi e sugli altri.
Lo sfondo predominante è la guerra “modernamente” intesa, ossia uno spaccato crudo e reale delle missioni in zone calde del mondo, come l'Afghanistan; missioni a sostegno dei governi locali per ristabilire l'ordine e la legalità, che si trasformano troppo spesso in guerre dagli esiti funesti.
Ma la guerra viene utilizzata da Giordano come una metafora e vagliata in tutte le sue possibili sfaccettature, mettendo in scena diversi personaggi, dove ciascuno viene colto alle prese con la sua “personalissima guerra”.
La guerra non è solo sangue sul campo, non riguarda solo il mondo militare; la guerra talvolta è parte integrante della vita.
La vita può divenire scontro con se stessi per l'incapacità di accettarsi, di esprimersi con gli altri, familiari compresi, per l'insoddisfazione accumulata a causa di scelte sbagliate.
La vita è anche spettatrice di scontri familiari e generazionali, che si consumano tra le mura di casa, ma che possono causare danni permanenti ed irreversibili nell'anima di un uomo.

Il romanzo è percorso da un filo conduttore sottile e splendido, ossia il binomio tra corpo umano e persona. Un concetto non immediato, la cui intensità aumenta con il consolidarsi della narrazione: ossia l'evolversi delle situazioni rappresentate fa comprendere come le necessità del corpo non sempre coincidano con quelle della mente e come questo talvolta diventi un'entità scissa dal volere “ragionato” della persona. Ecco allora che il corpo diviene istinto, diviene mezzo per evadere dalle costrizioni imposte dall'anima, dai rimorsi, dai ricordi e dalle regole morali e non, imposte dalla società.
Altresì il corpo è sinonimo di fragilità e vulnerabilità, inteso come quella parte dell'uomo che per prima fa le spese delle scottature della vita, dagli eventi più gravi a quelli meno, destinata a caricarsi di patologie o cicatrici che saranno per sempre il simbolo del passato.

Giordano denota anche in questo lavoro un'ottima capacità di mettere a nudo il personaggio, di fare affiorare i sentimenti più nascosti, con una semplicità ed una chiarezza disarmante, ma a tal punto immediata e concreta da piegare il lettore ad una completa immedesimazione e compartecipazione nella problematica affrontata.
In queste pagine diventano palpabili i dolori, i timori, le solitudini, le ansie di una generazione che dovrebbe spiccare il volo verso la stabilità e la sicurezza, verso la convinzione nelle scelte effettuate, verso un segmento di vita che la trasformi dall'essere figlio all'essere padre.

Ne “Il corpo umano” c'è tanta voglia di scavare nel quotidiano di una società divorata da malesseri e instabilità, mossa da una ricerca famelica di affetto, protezione e realizzazione.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
451
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

15 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Bella rece. Non so perchè ma mi hai fatto venire in mente il Deserto dei tartari di Buzzati..
mah..
:P
In risposta ad un precedente commento
silvia71
24 Ottobre, 2012
Ultimo aggiornamento:
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
grazie Piero !!!
anche alcuni critici hanno già avanzato questa ipotesi di similitudine, ma personalmente credo che il libro in questione voglia essere altro, le tematiche sono molto diverse....
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Con la Solitudine dei numeri primi non è andata bene, quando avrò un po' di tempo leggerò anche questo ;-) bellissima, molto approfondita ed acuta!
In risposta ad un precedente commento
silvia71
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
ti ringrazio Daniele !!
io non posso fare altro che consigliare questo giovane autore. Personalmente mi ha trasmesso tanto con entrambi i lavori pubblicati.
Quella che cerco di esprimere nella mia recensione è la mia visione o meglio percezione del romanzo.
In risposta ad un precedente commento
piero70
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
ma dai? allora non ho scritto una belinata!
HAAHAHAHAHAHAHA!!!!
:P

24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Recensione bellissima!
Complimenti per la tua capacità di scrittura, la padronanza di lessico e per l'analisi accurata.
Sono le recensioni come queste che stimolano i lettori.
F.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Questo Giordano ti ha proprio conquistata...
DEvo decidermi a comprare LA SOLITUDINE.
In risposta ad un precedente commento
petra
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Che bella analisi Silvia,interessantissimo questo "percorso del corpo"...complimenti!:)
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
24 Ottobre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
A me non ha convinto soprattutto lo stile, l'ho letto e non mi ha lascito nulla. Prima volta nella mia breve carriera da lettore, mi ha lasciato indifferente, forse ero piccolino, magari dopo queste tue recensioni ci riproverò!
Grazie; Silvia, per recensioni come queste; possono solo farci crescere come lettori. Anche a me, contrariamente a molti "intellettuali" era piaciuto molto il Giordano della Solitudine dei numeri primi, a cominciare dal titolo,secondo me geniale, che esprime in poche parole il contenuto dell'intero libro, e ho molto apprezzato il coraggio Paolo Giordano nel cimentarsi in una storia che potrebbe sembrare completamente diversa. Dopo questa tua splendida recensione lo leggerò senz'altro.
15 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri