Dettagli Recensione

 
La storia
 
La storia 2018-12-03 16:58:45 Laura V.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    03 Dicembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia e storie

Come tutte le piccole storie umane, anche quella di Ida e Useppe Ramundo si perde nella grande Storia e a essa s'intreccia, al tempo stesso, correndo in parallelo.
Elsa Morante, con una maestria disarmante e forse unica, ci narra la loro povera vicenda in questo romanzo che definire monumentale è poca cosa. Una voce coinvolgente, la sua, capace di scandagliare sentimenti ed emozioni di protagonisti e personaggi vari, nonché di accompagnare il lettore fra le strade di una Roma misera e ferita, ben lontana dai fasti baldanzosi e arroganti del Ventennio. Ed ecco riemergere da queste pagine di una intensità sconvolgente le macerie ancora fumanti di San Lorenzo o la sfollata desolazione di Pietralata o, ancora, i vicoli ormai condannati del Ghetto; dal baratro affannoso del tempo si leva anche il vocio incessante dei vagoni bestiame con il proprio tragico carico umano, in attesa di partenza dalla stazione Tiburtina. E poi la miseria più nera, la fame, sprazzi di lotta partigiana, mentre la Storia prosegue indifferente il suo cammino e la carne da macello continua a essere immolata sull'altare blasfemo della guerra.
Una scrittura magnifica e potente che si fa strepito di fucili e stupore di bambino, canzoni d'anarchia e ninnenanne perdute tra parentesi evanescenti d'infanzia; una scrittura altresì commovente e profonda che si cala nei vernacoli o nel cuore parlante delle bestie di sincera umanità e, con discrezione, s'insinua nella stantìa promiscuità di periferia, così come nei ricordi e nelle speranze deluse, nei pensieri e nei deliri incoscienti, raccontando ritorni e non ritorni da una guerra che, in verità, non finisce mai del tutto perché, per riprendere le parole di Primo Levi, “guerra è sempre”.
Struggenti e destinati a persistere nella memoria i personaggi di Useppe e Ida, meri pulviscoli in quel cielo sterminato di fragili stelle che è il mondo. Travolgente quello di Nino, drammaticamente sfuggente e ombroso quello di Davide. Ogni presenza all'interno dell'intreccio narrativo è ben collocata, nessun incontro sembra essere lasciato al caso, nemmeno quelli di passaggio che spargono “4 parole in tutto d'italiano” e altrettante poche noncuranti gocce di vita. Non ci sono parole con cui riassumere la trama de “La storia”, se non quelle dell'autrice stessa. Un'opera, dunque, da leggere e custodire dolorosamente nel cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Gran bella recensione di un grande classico che ancora, purtroppo, mi manca.
Matelda
04 Dicembre, 2018
Ultimo aggiornamento:
04 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Veramente un' ottima recensione di un un autentico classico moderno :grazie !
In risposta ad un precedente commento
Laura V.
04 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie ancora, Pierpaolo! Anch'io ci sono arrivata tardi a questo libro; l'ho lasciato in attesa a lungo e poi, visto che sono oltre 600 pagine, ci ho impiegato un bel po' a terminare la lettura... Ma, credimi, ne vale davvero la pena!
In risposta ad un precedente commento
Laura V.
04 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te, Matelda! Hai ragione: La definizione di classico moderno si adatta perfettamente a questo romanzo! :)
Un ottimo commento Laura, grazie per aver riacceso in me il ricordo di questo libro che è stato uno dei più emozionanti letti nella mia vita.
Una bella recensione, Laura, bravissima! Anch'io non ho ancora letto questo classico di Elsa Morante, spero di farlo in futuro perché ho apprezzato tantissimo l'isola di Arturo e le tue parole mi hanno convinta.
In risposta ad un precedente commento
Laura V.
05 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Sempre troppo buona, Chiara, grazie!
Anch'io ho aspettato a lungo prima di leggere questo libro; è un romanzo senz'altro impegnativo! Pure a me, a suo tempo, era piaciuto moltissimo L'isola di Arturo e chissà che in futuro non legga altro della Morante! :)
In risposta ad un precedente commento
Laura V.
05 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie anche a te, Enrico!
Un grande romanzo che non può non emozionare! Ida e Useppe restano nel cuore! :)
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri