Dettagli Recensione

 
Il bambino nascosto
 
Il bambino nascosto 2020-01-19 09:50:53 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    19 Gennaio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Antigone napoletana

Il bambino nascosto è un bellissimo romanzo-sceneggiatura sul tema della mafia. Ricorda per argomento la paranza e gli ambienti di Saviano. Sembra ,leggendo, di vedere già il futuro film, protagonista il solitario, schivo maestro di pianoforte Toni Servillo, nel romanzo Gabriele Santoro,. La trama è semplice e interessante. Due bambini di dieci anni scippano la madre del boss mafioso De Vito che cade battendo la testa e muore. I genitori dei bambini devono sacrificare i figli per ripagare lo sgarro, ma uno dei due bambini, Ciro, si nasconde a casa del maestro di musica, che inizia a vivere spiato e braccato dalla mafia in casa sua. Il maestro ha un fratello magistrato con cui è in cattivi rapporti, ma che decide di contattare per chiedere consiglio. Questo fa sì che sia messa a confronto la misericordia con la giustizia. Così come Antigone contro gli ordini dello zio Creonte decise di dare sepoltura al fratello Polinice, così anche Gabriele si scontra con la durezza della legge che non prevede la preveggenza del crimine in casi come questo. Anzi gli contesterebbe il reato gravissimo di sottrazione di minore. In ogni caso Andò pone in modo toccante il problema del male, dell’abitudine al male; di come la rassegnazione di fronte al male sia già di per sé un male peggiore del male stesso. Il suo romanzo è una riflessione profonda su questo tema con grande apertura di orizzonti morali: la misericordia supera sempre la giustizia di gran lunga (non sono nata per condividere l’odio ma l’amore, dice Antigone), il bene vince sul male ma è necessario il sacrificio espiatorio dell’innocente per rovesciare la mentalità consolidata aprendovi un varco.
Perciò a ragione il maestro cita: se non dovessi tornare sappiate che non sono mai partito.
Forse, per il modo di affrontare il tema della mafia, per la bellezza dell’affetto disinteressato tra maestro e allievo, per l’arte (la musica) che accomuna le anime di Gabriele e del suo dotatissimo allievo di fortuna Ciro il libro mi è sembrato molto coinvolgente. Del resto Andò è una persona di grande spessore e intelligenza. L'incipit non è la parte migliore del romanzo, l'inizio è legnoso ma poi si scioglie subito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La paranza dei bambini di Saviano
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Bella presentazione, Mario. Ma la letteratura che tratta di temi di cui tanto si parla sui media non ha attrattiva su di me.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
19 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Andò ne parla in modo poco scontato
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri