Dettagli Recensione

 
Il seno
 
Il seno 2011-07-24 13:18:39 R๏гy.o°
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
R๏гy.o° Opinione inserita da R๏гy.o°    24 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il karma la sa lunga...

Nel 1972 Philip Roth, uno dei più grandi scrittori americani viventi di origine ebraica, pubblicò quello che sarebbe diventato il suo racconto lungo più famoso (non posso sbilanciarmi anche sull’etichetta ‘migliore’ perché non ho letto altri suoi racconti, ma se tanto mi da tanto…).

La storia è di quelle che sbalordiscono per la loro semplicità disarmante capace di portare il lettore ad un alto grado di elucubrazione filosofica.
Il professore di letteratura comparata David Kepesh per un paio di giorni avverte un prurito nelle zone intime che una sera si evolve in uno ‘sfogo cutaneo’. La mattina dopo l’uomo si sveglierà in un’altra condizione fisica: quella che la sera prima era una semplice macchiolina rosa si è trasformata, anzi l’ha trasformato in un grosso seno di ben settanta chili. Incapace di vedere o muoversi, gli unici sensi a rimanere integri saranno la voce (che esce da una linguetta nella parte alta della massa grassa – anche il volto è ormai sparito), l’udito e, dopo le prime ore post-anestesia, il tatto.

Divertente in alcuni passi – soprattutto quelli legati alla componente erotica – e contemporaneamente amaro, il racconto è permeato da un surrealismo di tipo kafkiano e gogoliano, autori dei celebri racconti “La metamorfosi” e “Il naso” spiegati per anni dallo stesso professor Kepesh. Il senso di inquietudine del protagonista deriva dalla condizione fisica in cui egli versa, ma soprattutto dal fatto che probabilmente è sotto osservazione continuamente, e dei medici e della spietata società: ciò lo porta alla riflessione e soprattutto alla rivalutazione del rapporto con gli altri (ad esempio, il padre e la fidanzata che ogni giorno vanno a trovarlo in ospedale lo amano veramente o il loro è solo puro senso di pietà?).

Sta al lettore capire se si tratta della realtà o di un sogno-incubo, oppure ancora di una realtà parallela o di una metafora utilizzata dallo stesso Kepesh. O addirittura del risultato di uno stato di pazzia del protagonista, che più volte nel corso della storia, soprattutto alle battute finali, è portato a credere come l’opzione migliore.
Ciò che emerge di particolarmente interessante è la concezione del karma: il professore accetterà la nuova condizione in cui sta vivendo, proprio perché meritata dopo il tradimento fatto alla moglie che ha portato al divorzio. Era quasi come se dovesse aspettarselo. Ed è così che si delinea un percorso che porta alla presa di coscienza di sé, di quello che si è e di quello che si vorrebbe essere e forse è meglio non diventare.

Infine, Roth ‘chiude’ con una delicatissima poesia di Rilke, “Torso arcaico di Apollo”, in cui il poeta invita non alla conoscenza di sé stessi, quella probabilmente non arriverà mai, nemmeno nei più saggi; aspira invece al cambiamento per una piena maturità. Come il torso mutilato infatti, il nostro essere non raggiunge la perfezione nella sua integrità, ma nel gioco di equilibrio derivante dalle parti (leggasi: qualità) mancanti e da quelle che possediamo. Accettarci per come siamo e mirare alla maturazione, e non alla perfezione, è ciò che vuole suggerirci Roth attraverso la poesia di Rilke. Accettare la straordinarietà della normalità.

“Cominciò stranamente. Ma poteva forse esserci un altro inizio? Si dice che le cose sotto il sole cominciano “stranamente” e finiscono “stranamente” e sono strane; una rosa perfetta è “strana”, proprio come una rosa imperfetta, e come la rosa di normalissimo colore e gradevolezza che cresce nel giardino del vicino”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Anche questo libro sta nella mia libreria, ma ancora non letto.
Già ho avuto "problemi" con Kafka. Chissà con Roth. :)
In risposta ad un precedente commento
R๏гy.o°
24 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono completamente diversi, Kafka ha uno spessore diverso rispetto a Roth: ciò non toglie che quest'ultimo sia anch'esso un grande della letteratura. Ma ti consiglio di affrontare direttamente la lettura senza preconcetti! =)

24 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
splendida recensione Rossella,non credo che il "problema"di darky fosse proprio Kafka......,è una lunga storia....;-)
In risposta ad un precedente commento
gio gio 2
24 Luglio, 2011
Ultimo aggiornamento:
24 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
già...so perfeffamente cosa intende dire Marcello!!!

Che Signora Recensione, complimenti cara!!!***
In risposta ad un precedente commento
darkala92
24 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
No no, Marcello. Il mio problema fu in primis Kafka e dopo ciò che ne è derivato. :))
Infatti ho letto "Lettera al padre" di Kafka, ma niente. Nemmeno quello è riuscito a prendermi. Ormai ci ho rinunciato..a Kafka!

Quelli sì che erano....strani tempi.. non dico "bei" ahahahah :D
Ragazzi vi ringrazio per i complimenti! =)
Darky cara, arriverà il momento della rivalsa kafkiana anche per te, me lo sento! :-D

25 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Darky,a me quei "strani tempi"un pò mancano,diciamo che c'era un pò più di "movimento"...
In risposta ad un precedente commento
piero70
25 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
per usare un eufemismo..
AHAHAHHAHAH!!!
In risposta ad un precedente commento
darkala92
25 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Hmm diciamo che spesso vengo sul sito per distrarmi dalla realtà. Di problemi quotidiani ce ne sono anche tanti, e in quei momenti era peggio di stare nella realtà. Inutile allora venire su QLibri, anche perchè io ero e sono ancora iscritta ad aNobii (da là scopro anche fin troppi libri..) e infatti il portafogli ne risente..
In risposta ad un precedente commento
darkala92
25 Luglio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
AHahahahhahaha piero, hai ragione! :D

Vi consiglio di rileggervi le discussioni tra x e Stefano! mi fanno morire.... :DDDD
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage