Dettagli Recensione

 
Arancia meccanica
 
Arancia meccanica 2011-07-30 01:58:20 AmaranthineMess
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
AmaranthineMess Opinione inserita da AmaranthineMess    30 Luglio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scegliere ci rende umani

Questo è un libro che, indiscutibilmente, fa scalpore.
La scrittura è molto innovativa, il lettore si trova scaraventato, sin dalle prime pagine, in un mondo di cui non conosce le parole e non gli viene dato alcun aiuto per riuscire a penetrare il fitto slang utilizzato da Alex e compagni.
Anche il metodo di narrazione è piuttosto ostile al lettore: ci troviamo dentro la testa di Alex, sono i suoi pensieri quelli che leggiamo, e man mano che prosegue la lettura uno strano imbarazzo può impossessarsi di noi nel momento stesso in cui ci rendiamo conto che è Alex l'eroe di questa storia, stiamo proprio tifando per lui in fondo, nonostante la sua ultraviolenza.
E andiamo alla trama: il libro si incentra sulle bravate - chiamiamole così - fatte da Alex e dai suoi compagni, bravate che includono la droga, lo stupro e, come dicevo prima, l'ultraviolenza. Alex, non ha limiti. Almeno finchè non viene incarcerato. In carcere diventa la cavia perfetta per il cosiddetto "metodo Ludovico", un lungo processo presentato come del tutto innovativo che fa in modo che il ragazzo, alla fine, provi disgusto e dolore fisico al solo pensiero della violenza.
Ora, non vi svelerò come finisce il libro perché è piuttosto piacevole lasciarsi sorprendere dalle svolte che prende la storia, l'unica cosa che vorrei aggiungere riguarda il messaggio di questa storia.
Arancia Meccanica non parla di violenza.
Non è un romanzo "a tesi" che vuol solo dimostrarci che brutta fine si fa ad essere così sfrenati. Arancia Meccanica si serve della violenza, è solo un mezzo per giungere al vero messaggio: il valore della scelta.
Dopo esser stato sottoposto al metodo Ludovico Alex non è più in grado di scegliere. La sua non è una scelta libera, Alex non inizia a far il bravo perché ha compreso i suoi errori, ma soltanto perché non ha altra scelta.
Ed è solo alla fine, nell'impossibilità della scelta che Alex, paradossalmente, perde tutta la sua umanità.
A mio avviso l'innovazione di Arancia Meccanica sta proprio in questo: il messaggio prescinde da valutazioni morali ed etiche e punta dritto all'affermazione dell'essere umano. Nel bene o nel male, l'importate è essere sempre capaci di scegliere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Chuck Palahniuk, Isabella Santacroce
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il peso
La vita prima dell'uomo
Mao II
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna
Lo squalificato
I quaderni di don Rigoberto
Il lampadario
Carne e sangue
Casa di giorno, casa di notte
In una notte buia uscii dalla mia casa silenziosa
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta