Dettagli Recensione

 
Uccidere il padre
 
Uccidere il padre 2012-05-24 11:53:57 Lady Libro
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    24 Mag, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vent'anni dopo

Amelie Nothomb pubblica libri dal 1992, per la precisione uno all'anno. Siamo nel 2012 e questo è il suo ventesimo romanzo. E si vede. Anzi no, non si vede per niente. Sembra quasi che sia stato scritto da un'altra persona e che al tempo stesso l'autrice abbia perso un po'del suo smalto.
In "Uccidere il padre" non c'è quella splendida ironia, quel pungente e comico sarcasmo che mi hanno fatto innamorare di questa donna geniale.
La storia c'è, ma non è ben sviluppata e i personaggi, non tutti ben caratterizzati, non conquistano.
Inoltre tutte le premesse per una svolta migliore si dissolvono come fumo.
Sono appena novantuno pagine, eppure il forte senso di nulla e di vuoto contribuisce enormemente a renderlo tedioso.
Fortunatamente si riconosce la Nothomb nel finale che mi ha piacevolmente colpito e sorpreso, assicurandomi che il libro non è opera di un ghostwriter (e motivo per cui gli ho dato due stelle anzichè una).
Comunque "Uccidere il padre" è da considerare un romanzo di formazione (riuscito in parte) di un protagonista che dalla fanciullezza e una parziale ingenuità diventa un adulto freddo, spietato e calcolatore. Questo forse potrebbe spiegare questo improvviso cambio di stile.
So perfettamente che a tutti capitano degli scivoloni nella vita personale e professionale, e che ho iniziato da poco a leggere quest'autrice e, anche se non nutrivo grandi aspettative per questo libro, mi sono fidata ugualmente della mia amata Amelie.
Ma non mi sarei mai aspettata una delusione così grande. Non posso farci niente, non sono riuscita a "sentire" la Nothomb dei libri degli anni '90.
Concludo dicendo così ai neofiti nothombiani: concentratevi sui primi libri che ha scritto e lasciate questo per ultimo.
Vedrete che gran differenza!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
i primissimi libri della stessa autrice
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Come avevo già anticipato nella rece precedente, questo ultimo romanzo non mi ha catturato.

Sottoscrivo ogni virgola di ciò che hai ottimamente espresso, Cecilia !!!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore