Dettagli Recensione

 
Libri da ardere
 
Libri da ardere 2012-06-25 07:48:56 Lady Libro
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    25 Giugno, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Freddo tiranno

Leggere questo libro per un appassionato lettore è un duro colpo.
Può veramente un bibliofilo bruciare i propri libri, compagni piacevoli o meno di una vita, pur di sopravvivere al freddo? A quanto pare sì.
Il già forte senso del grottesco è reso ancor di più dalla volontaria scelta dell'autrice di non precisare l'ambientazione e il tempo in cui tutta la vicenda avviene.
Sappiamo solo che è in corso una guerra, e i tre protagonisti (un anziano professore e due suoi ex allievi ormai adulti) sono chiusi in una stanza alquanto spoglia: vi sono infatti solo due sedie di legno, una stufa e una gigantesca libreria colma di libri. E siccome siamo in inverno, il freddo è il tiranno assoluto della storia, desideroso di ghermire chiunque con il suo abbraccio lento ma mortale.
E'stato bruciato tutto nella stufa, tranne i libri. E quando si comincia a bruciare pure quelli, emergono i vari lati della personalità di ognuno dei tre personaggi: dubbi, incertezze, rimpianti, forti liti e indecisioni e, cosa più interessante di tutte, l'identità animalesca dovuta all'istinto di sopravvivenza che annulla anche il più piccolo frammento di umanità.
E tutto per colpa del freddo. Un freddo che fa regredire l'essenza umana delle persone.

Ormai conosco Amelie Nothomb come le mie tasche e so perfettamente (o quasi) cosa aspettarmi dai suoi romanzi, anche se questo mi ha lasciata un po' basita per il semplice fatto che è uno dei più strani che io abbia mai letto. Strano ma reale, perchè c'è sempre un fondo di verità tra le pagine della regina dei paradossi.
Fredda, cinica e implacabile, la Nothomb esplora i lati più oscuri dell'anima umana con una grazia e uno stile che possiede lei soltanto.
L'unica cosa che non mi è piaciuta è che "Libri da ardere" è scritto come se fosse una commedia teatrale (anzi, una tragedia), quindi è come leggere un copione e i libri di questo genere mi danno sempre una triste impressione di pigrizia compositiva e non sempre riescono a coinvolgere pienamente il lettore a causa di particolari un po'scarni, dialoghi eccessivi e un po'forzati.
Per fortuna che la grottesca profondità di Amelie me l'ha fatto apprezzare e per questo lo ritengo uno dei suoi capolavori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Bellissima recensione, ovviamente e' come fosse gia' mio :D
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri