Dettagli Recensione

 
Sabotaggio d'amore
 
Sabotaggio d'amore 2012-07-18 07:09:56 C.U.B.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    18 Luglio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Little Amèlie ed il ghetto cinese.

Se dico Amèlie Nothomb, chi vi viene in mente ? A qualcuno il nulla. A chi la conosce non potra' che apparire l'immagine di quella quarantenne , capelli neri, rossetto rosso. Io credo a nessuno verra' mai in mente una bambina. Ebbene, state bene attenti. Anche Amèlie Nothomb e' stata una bambina.
E qui viene il bello perche' in SABOTAGGIO D'AMORE scopriamo una piccola Nothomb.
Come e' ? Sette anni. Trecce nere. Per il resto ? Un piccolo lupo con l'aspetto di cappuccetto rosso, Canini affilati, mente acuta.

Cina, ghetto di San Li Tun. Qui vengono sistemate, isolate dalla popolazione locale, le famiglie dei diplomatici stranieri. Mura di cemento, guardie lungo il perimetro, puzza di urina sulle scale. Non e' esattamente il paese dei balocchi, ma di necessita' virtu, i bambini si adeguano sempre e se nel mondo reale la guerra mondiale e' terminata, i bambini di San Li Tun decidono che avere un nemico e' fonte di vita e si inventano questo gioco. I piccoli della Germania dell'est, contro gli Alleati - ossia africani ed europei.
Piatto ricco mi ci ficco per la Nothomb adulta, che ci racconta della piccola Amèlie terribilmente compiaciuta nel ruolo di esploratore a cavallo del suo destriero nei cuniculi cementificati del ghetto.
E poi arriva l'amore. Poteva essere un dolce, piccolo amore convezionale di graziosi bimbetti?
No . Non poteva, ovviamente.
Con un linguaggio molto ricercato, l'ostentatamente colta Nothomb ci proietta in uno dei suoi mondi psichedelici, turbati, sfrontati, al limite del concepibile e talvolta dell'accettabile. Irriverente a parlarci della guerra, vista con gli occhi dei bambini, con quella cattiveria inconsapevole tipica dell'infanzia.
Pungente, provocatrice arguta e dissacrante nella sua visione dell'amore, che del resto poi cosi' inverosimile non e'.
Quante volte siamo disposti a sabotarci per amore ?
C'e' sempre qualcuno che chiede ad un asmatico di correre. C'e' sempre un asmatico che rischia il collasso pur di correre, per amore.
Consiglio il libro agli amanti dell'autrice, ai neofiti dico magari di iniziare con qualcosa d'altro. Con questo romanzo rischierebbero la fuga a gambe levate.
Buona lettura !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Penso che Amélie sia una maestra nell'arte di provocare:-)
ciao, io non ho mai letto nulla di questa autrice e ammetto che fino a pochi mesi fa la ignoravo del tutto. Dunque...cosa mi consigli per partire? leggo sempre rece molto interessanti e mi incuriosisce tanto. grazie
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
19 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi ero persa i commenti !
@ Antonella, direi proprio di sì !!!

@ Mariaangela, NON COMINCIARE DA QUESTO !
Non so, io ti direi di iniziare da COSMETICA DEL NEMICO o da MERCURIO. (Mercurio prendi il VOland perche' l'altro e' un testo teatrale ).
Sappi che o la ami o la odi, mezze misure con questa autrice ne ho viste poche ;-)
In medio (voto) stat virtus?
Sembrerebbe di no ... :)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore