Dettagli Recensione

 
Arrivederci piccole donne
 
Arrivederci piccole donne 2012-09-03 07:30:58 Francj88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Francj88 Opinione inserita da Francj88    03 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivederci Piccole Donne

Acquistando questo libro speravo di trovare, declinata in chiave moderna, una versione o meglio una rilettura di Piccole Donne della Alcott che mi facesse rivivere un pò le emozioni di quel libro che tanto ho amato da ragazzina. Dei punti in comune ci sono: le quattro ragazze protagoniste Nieves, Ada, Luz e Lola (non sorelle in questo caso, ma cugine) ognuna riconducibile a una delle sorelle March, una grande famiglia, una zia ricca e la guerra che irrompe nella vita delle ragazze, guerra di secessione per Piccole Donne, ascesa della dittatura militare in Cile negli anni '70 per Arrivederci piccole donne.Tuttavia dell'atmosfera di dolce malinconia e serenità del romanzo della Alcott non è rimasto niente. Il romanzo della Serrano è un romanzo crudo, dove il ricordo lascia il posto all'amarezza e al rimpianto di ciò che sarebbe potuto accadere e così non è stato. L'età dell'adolescenza è passata per le quattro cugine Martinez, dagli anni '70 siamo approdati al 2000, ma i conti con il passato non sono stati chiusi definitivamente e il ritrovarsi tutte insieme nell'occasione del funerale della vecchia Pancha, governante della fazenda in cui sono cresciute e che erano state costrette ad abbandonare a causa della guerra, è un viaggio non solo fisico, ma un ritorno ai luoghi dell'infanzia, un viaggio della memoria a ritroso nel tempo che ci permette di capire meglio la personalità e le scelte che hanno portato le ragazze ad essere così come sono.
Della Serrano mi è piaciuto il modo in cui riesce a delineare la personalità delle quattro cugine, tuttavia ho trovato la prima parte di una lentezza esasperante, più di una volta ho interrotto la lettura per poi riprenderla. Il romanzo si riprende un pò nella seconda parte. Le vicende storiche riguardanti la realtà politica cilena non sono state molto approfondite ma trattate in modo sommario, a mio parere invece sarebbero state utili, oltre che interessanti, per capire l'evoluzione di certi personaggi. La sensazione generale che mi ha lasciato questo libro è stata di amarezza anche se il finale sembrerebbe lasciare un piccolo spiraglio alla speranza. In definitiva potrebbe essere un libro interessante da leggere, non eccezionale, ma interessante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io sono il castigo
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri