Dettagli Recensione

 
Due
Due
 
Due 2013-03-09 19:20:04 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    09 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore (?) coniugale e non

Bellissimo e sincero, al solito questo libro di Irene. Lo stile è più ricco che in Jezabel, il ballo o il vino della solitudine. La scrittura è molto meno immediata e più riflessiva. Io decisamente la preferisco. Si avvicina molto a quella di David Golder. Nella parte finale c'è un clima di malinconia, di rimpianto, di delusione e di pace raggiunta o solo sfiorata, di felicità inarrivabile. La parte finale è bellissima.
La protagonista, Marianne, la incontriamo ragazza a una festa con altri ragazzi e ognuno di loro cerca la felicità. Sente di averne diritto e in questo imperativo morale, mai posto seriamente in discussione nonostante la piega che prenderà la storia, come non riconoscere l'impronta lasciata nell'animo di Irene dalla madre? La felicità è intesa in primo luogo come piacere e la ragazza la insegue anche a scapito del rispetto di se stessa. Vive degli avanzi, degli scarti del tempo di un uomo, Antoine, che ha più storie contemporaneamente e non si sente particolarmente legato a lei. I due, forse per caso, si sposano e anche durante il matrimonio il rapporto va avanti sullo stesso binario. In nome del diritto al piacere vengono calpestati i sentimenti altrui. Il matrimonio "cresce" nel migliore dei modi, grazie anche allo spegnersi della passione oltre a una certa dose di ipocrisia che non è solo ipocrisia ma anche saggezza, intelligenza, desiderio di essere al fianco dell'altro in nome di una solidarietà matrimoniale che pare l'ingrediente principale del matrimonio. Questa parte centrale del libro lascia un po' perplessi. Vengono sollevati dei problemi morali e dimenticati sul tavolo. Non c'è soluzione, solo contraddizioni. In questa parte del romanzo si ha la sensazione che la trama si sia allentata e sia sfuggita di mano all'autrice. Ci si aspetterebbe che venga o dato il primato alla passione, alla sincerità dei sentimenti propri o al rispetto di quelli altrui. Invece no, sembra che venga invece privilegiata questa cecità volontaria che impedisce di rendere ancora più reali situazioni innominabili, che consente di preservare questo sacrario della tranquillità, mai completa e appagante.
In un certo senso in queste pagine è difficile non provare una certa delusione per la piega delle riflessioni. E' come se Dosto in Delitto e castigo arrivasse a una conclusione a metà: sì, nonostante il rimorso forse valeva la pena ammazzare la vecchia e godersi i suoi soldi.
Sembra che la scrittrice non abbia raggiunto una risposta e tutto sembra allentarsi nell'attesa di una soluzione o di una presa di posizione. Invece no. Nonostante tutto nessuno si pente più di tanto di quello che ha causato. C'è dispiacere ma mai rimorso. C'è rimpianto ma la ferma consapevolezza del proprio diritto al piacere nonostante tutto e tutti.
Ma poi superando queste pagine, la bellezza della parte finale, malinconica, intensa, sincera fa perdonare questa mancata presa di posizione sulla questione morale. Anzi, forse, essa è necessaria per arrivare a queste pagine finali in cui l'indeterminatezza dei sentimenti mai bianchi o neri ha una poesia intensa e particolare.Il libro è bellissimo, mi auguro solo che questa scrittrice così sincera non sia stata troppo autobiografica in questo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
David Golder
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
La mancata presa di posizione sulla questione morale non mi sembra obbligatoria in un libro e non vedo perché dovrebbe sminuirne il valore.
Infatti non ne sminuisce il valore anzi rafforza il valore del finale ma c'è questa parte centrale un po' sfilacciata dove succedono cose gravi (oltre il tradimento in sè) che è impossibile ignorare eppure la soluzione dell'autrice è proprio una sana finzione. Mi sembra strana come soluzione in un'autrice così coraggiosa. Mi sarei aspettato una presa di posizione decisa tipo o seguire l'amore o sacrificare tutto per il matrimonio. Invece l'autrice fingendo di non vedere salva capra e cavoli. E' come se solo una sana ipocrisia permettesse la coesistenza di varie forme d'amore e soprattutto la sopravvivenza del matrimonio. E nel libro non si parla solo di corna ma di suicidi ecc... Non voglio rovinare la lettura a nessuno anticipando troppe cose. C'è una stanchezza, una rassegnazione nella scrittura, una delusione della vita che alla fine diventa bellissima ma per una buona parte del libro lascia un po' perplessi. E credo che lasci perplessi tutti, proprio tutti.
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
11 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
“E' come se solo una sana ipocrisia permettesse la coesistenza di varie forme d'amore e soprattutto la sopravvivenza del matrimonio”: forse, per quanto sgradevole, è anche questo il messaggio del libro. Grazie del chiarimento.
Bella recensione! Brava! :)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
11 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Robbie penso che Mario sia un uomo ;-)
Bravissimo Mario.
Mi pare d'intuire che sia proprio la mancata posizione sulla morale il punto di forza di questo libro...che dici ?
Pia
E' con Due che ho conosciuto Irene, fu subito amore proprio per la sua audacia a sfidare la società del suo tempo

Il libro è bellissimo ma non mi sembra audace. E' come se Irene stavolta fosse disarmata, non avesse soluzione neppure lei e alla fine trovasse questa strana formula che legittima il tanto criticato matrimonio dei suoi genitori (in altri libri): comunque nonostante le bassezze e le ipocrisie dei coniugi il matrimonio è come un bambino che cresce da sè. Credo che una formula simile, presentata nel modo più bello, forse l'unico possibile per far digerire tanto squallore, sia superata dai nostri tempi anche se ha qualcosa di vero per cui dopo essere rimasti perplessi per pagine e pagine ci si commuove per il finale. L'audacia sta più nella sincerità straordinaria che nel contenuto. Alla fine viene legittimato il perbenismo trovandogli una funzione positiva. Ma tutto questo perbenismo è reso possibile solo dall'indifferenza tra le persone e dalla sensazione che la felicità sia un miraggio. Per cui alla fine si arriva a questa bella ma triste solidarietà tra naufraghi finiti per caso nella stessa barca traballante. Invece che scannarsi ci si fa un po' di compagnia. E alla fine della vita resta solo questo po' di compagnia. Che tristezza! Nemmeno un po' di slancio, di affetto almeno per i figli per i quali resta una forma d'invidia per una vita proiettata verso una felicità improbabile ma ancora possibile. E' come se ora Irene capisse sua madre! Preferivo per lei che continuasse a non capirla!
Gracy, grazie per il consiglio a proposito!
In risposta ad un precedente commento
gracy
13 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
uhhh..mi ero persa il tuo feed Mario...oh si..l'audacia è nella persona di Irene e nella sua straordinaria schiettezza,più del contenuto.
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri