Dettagli Recensione

 
Sindbad torna a casa
 
Sindbad torna a casa 2013-04-28 10:05:31 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    28 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sindbad il sognatore

"Sono trascorsi trent'anni da quando sono emigrato dall'Ungheria, dove i comunisti avevano preso il potere con la violenza.Non ho lasciato la mia patria perchè temevo che i comunisti non mi avrebbero permesso di scrivere.Sono andato via piuttosto perchè temevo - non senza una buona ragione - che non mi avrebbero permesso di rimanere in silenzio. (E hanno i mezzi per farlo)"

Sàndor Màrai, Salerno 1978

In questo romanzo Màrai racconta una giornata particolare della vita del grande scrittore ungherese Gyula Krùdy che viene ricordato nel romanzo, adoperando lo pseudonimo di Sindbad il marinaio uno dei suoi personaggi più celebri. La descrizione di questa giornata si offre a più interpretazioni, Sindbad è al verde, servono i soldi per saldare le bollette delle luce che la Compagnia elettrica gli ha staccato, deve comprare un abito per il giorno dergli esami alla piccola Zsòka, sua figlia, a ricordarglielo è la moglie, svegliatasi anch'essa di primo mattino. Sindbad rassicura la moglie, ha degli articoli da consegnare a Vàrdali, il redattore del quotidiano Magyar Szabadsàg,un suo caro amico, i soldi dunque li troverà.Quando però lascia la sua casa nel sobborgo di Òbuda, Sindbad sembra perdersi nelle sue fantasticherie, invece di prendere un mezzo pubblico, sceglie una costosa carrozza,buttando via preziosi pengö. Sindbad vive in un mondo di sogni, completamente innamorato della vecchia Ungheria, attraversa Buda e Pest inseguendo ricordi, fantasmi letterari, tornerà a casa con i soldi?

Questo romanzo è un omaggio ad un maestro dimenticato della Letteratura ungherese, quando le tribù magiare lasciarono gli Urali dirette verso Sud, portarono con loro solo archi e frecce, erano alla ricerca di pascoli, parlavano una lingua che non capivano nè gli Slavi nè i Germani, furono gli scrittori e i poeti come Sindbad a trasformare i pascoli in una patria , il magiaro in Letteratura.
Anche noi italiani abbiamo avuto i nostri Sindbad, mi viene in mente Emilio Salgari, narratori straordinari ingiustamente accantonati , uomini sui quali la sfortuna si è accanita. Amara soddisfazione per questi autori che Sindbad o Sandokan siano sopravvissuti a tutto quel dolore che avevano dentro i loro creatori. Uno scrittore non dovrebbe mai essere costretto al silenzio o a scrivere per fame.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Mi trovo in pieno accardo con te! Bella e sentita recensione!
Grazie
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri