Dettagli Recensione

 
La meccanica del cuore
 
La meccanica del cuore 2013-08-25 21:19:30 BettiB
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
BettiB Opinione inserita da BettiB    25 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meccanica malfunzionante

“Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco […] è al tempo stesso una coinvolgente favola e un romanzo di formazione, in cui l'autore […] traccia un'indimenticabile metafora sul sentimento amoroso.”
Così recita la Feltrinelli nella conclusione della descrizione de “La meccanica del cuore”. Beh, dopo averlo letto quasi tutto d'un fiato direi... sì e no.
Atmosfere da Tim Burton? Anche solo ipotizzarlo mi sembra una grande sopravvalutazione del libro. Certo, lo stile è arzigogolato e curato quasi a voler imitare il barocco più oscuro e opulento, le immagini suggerite sono macabre e sanguinolente, lo 'strano' e il 'terrorizzante' passano come 'normale' e vi è un continuo riferimento agli animali associati alle persone (l'amata un usignolo, il nemico un corvo, ecc.), ma Tim Burton sta parecchi gradini sopra a questo disparato tentativo di spaventare gratuitamente (Jack lo squartatore inserito così, nonsense, senza capo ne coda?!).
Avventure dal sapore cavalleresco? Mah. In quest'Europa dell'ottocento tra sobborghi cittadini e personaggi al limite del credibile io di cavalleresco ci vedo ben poco. Certo, gli ingredienti per una “coinvolgente favola” ci sono tutti: il nostro piccolo eroe dotato di grandi sentimenti, la bella damigella vana e (a parer mio) inconsistente, il cattivo terrorizzante della situazione.
Jack nasce nella notte più fredda del mondo sulla collina di Edimburgo. Abbandonato dalla madre troppo giovane, viene allevato da colei che l'ha fatto nascere e gli ha riparato il cuore con un orologio di legno per assicurargli la possibilità di vivere, una levatrice-maga che lo accoglie come un figlio proprio. Jack cresce e inizia a chiedersi cosa c'è sotto la collina, così a 10 anni Madeleine (la dottoressa-levatrice-maga) acconsente a portarlo in città. Qui il bimbo si innamora di una piccola cantante (“la voce di un usignolo, solo con le parole”). Gli ingranaggi del suo cuore, però, non possono sopportare un tale sentimento – lo mette in guardia Madeleine. “Mai toccare le lancette, mai arrabbiarti e soprattutto mai innamorarti”. Jack, da bravo adolescente anzitempo, disubbidisce. Comincia così la sua disperata ricerca per l'Europa dell'innamorata, dopo anni passati sotto il giogo del cattivo nemico-amante della piccola cantante. Non svelo altro se non che Jack trova Miss Acacia (la cantante) e riesce a conquistarla, prima di dover fare i conti con i suoi sentimenti, e il suo passato (compreso il rivale).
Benché la trama sia un po' rivisitata e, lo ammetto, non manchi di originalità, la trovo ugualmente una favola sciupata. Romanzo di formazione? Sì, direi di sì e, per una volta d'accordo, “traccia una metafora del sentimento amoroso”. Anche se lo si comprende appieno solo nell'ultimo capitolo, in cui un monologo interiore mette a nudo la capacità di un ragazzino di amare incondizionatamente, a differenza di un cuore maturo e adulto che si trattiene molto più.
Il protagonista è veramente la storia di una crescita, e questo è da apprezzare. Anche il nemico ha un suo perché. La giovane amata, invece, è un concentrato di incoerenza e indecisione: una scelta sbagliata dietro l'altra e l'incapacità di rimediare, di ascoltare. A parere mio, certo. Sarà che a me piace sentire empatia con il personaggio femminile di turno, immedesimarmi in lei per provare più a fondo le emozioni che l'autore vuol far passare. A me non è arrivato proprio niente.
Mi ci è voluto tempo per sentirmi un minimo coinvolta nella storia: ricordo di aver storto il naso per tutta la prima metà del libro (linguaggio incoerente per il personaggio, frasi scontate, scene inutili); sono riuscita ad addolcirmi un po' solo alla comparsa di Méliès, più per gusto personale verso questo geniale uomo storico che per la capacità effettiva di Malzieu.
Insomma, carino se piacciono i libri strettamente metaforici. A mio parere un po' forzato. Trovo sinceramente bella la metafora del cuore di legno, la meccanica da scoprire di ognuno di noi e il salto alla maturità, ma non è onestamente un libro che porterò nel cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La straordinaria invenzione di Hugo Cabret (non ho letto il libro, ho visto il film e forse verrà apprezzato da coloro a cui è piaciuto).
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri