Dettagli Recensione

 
A proposito di lei
 
A proposito di lei 2014-01-29 04:18:36 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    29 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Shintoismo letterario?

Dalla più frugifera (?) delle autrici che affollano il panorama letterario internazionale giunge una storia che a mio sommesso parere meglio si comprende se la si considera imbevuta di shintoismo, la “religione nativa del Giappone” che “prevede l'adorazione dei kami, un termine che si può tradurre come divinità, spiriti naturali o semplicemente presenze spirituali. Alcuni kami sono locali e possono essere considerati come gli spiriti guardiani di un luogo particolare, ma altri possono rappresentare uno specifico oggetto o un evento naturale…” Ma anche con questa sommaria e rudimentale infarinatura di cultura orientale, miseramente raccattata da wikipedia, non sono riuscito ad apprezzare fino in fondo una storia che ho trovato macchinosa nella costruzione, lenta nello svolgimento, non particolarmente sbalorditiva nello sbocco finale.

Yumiko (la mesta io narrante: “Il solo mio esistere fa sì che ogni luogo si tinga sottilmente di un’ombra di morte”) e Shoichi sono figli di due gemelle (“i nostri percorsi di vita erano stati completamente diversi”): hanno trascorso insieme l’infanzia, poi qualcosa si è inceppato nei rapporti tra le loro madri, che discendono da una famiglia economicamente affermata (“una grande azienda come il Konamiya”) ove la nonna era una strega (“Le nostre madri erano figlie della fondatrice di una particolare setta religiosa, vero?”) e praticava lo spiritismo (“è una casa in cui c’è stato un omicidio”). Caratterialmente le gemelle non sono due gocce d’acqua, anzi rappresentano due polarità antitetiche: la madre di Shoichi (polio +) è dolce e positiva, quella di Yumiko (polo -) malvagia ai limiti della follia. Quest’ultima, dedita all’occultismo (“Durante la seduta spiritica, mia madre uscì totalmente di senno e uccise mio padre con un coltello, dicendo che era posseduto da uno spirito maligno… poi anche mia madre si colpì alla gola con il coltello e morì”), durante una scellerata seduta commette una strage (“Quando sono ritornata nel mondo, tutto mi era stato rubato dalla famiglia Konami e dagli zii sopravvissuti a quella serata”). Yumiko (“Vivere così, dopo aver fallito in tante cose e senza alcuna capacità, in realtà è di una tristezza infinita”) è la vittima innocente di questo antefatto e il romanzo è la storia della ricongiunzione tra i due cugini, essendo stato Shoichi incaricato dalla madre morente (“Che ti aiutassi, è stata davvero l’ultima volontà di mia madre”) di rintracciare la sfortunata cugina (“Ma se desiderassi tornare a come eri da bambina, prima che tante cose accadessero, vorrei che ti lasciassi aiutare da Shoichi”) per aiutarla a riappropriarsi dei ricordi (“Io, sarà forse perché ho un rifiuto inconscio, non riesco a ricordare”). I due ragazzi insieme compiono un percorso a tappe attraverso le case natie, l’ospedale (“Forse le tante medicine che mi hanno dato hanno contribuito a cancellare i miei ricordi”) ove le madri furono ricoverate, le tombe dei defunti: è il faticoso cammino verso l’autocoscienza (“Nella mia mente balenò qualcosa. Sto per ricordare qualcosa, pensai”), la scoperta della verità (“Per quanto cerchi di chiuderli in una scatola, facendo finta che non esistano, questi buchi della memoria si aprono dentro di me come enormi trappole”) e l’emostasi psichica (“Anche questo viaggio si avvicina alla fine… però sono veramente felice di aver ritrovato i ricordi più importanti, i più preziosi…”).

Un consiglio agli scrittori esordienti: non prendete esempio dal finale di Banana (!), verreste tacciati di grossolano errore nel pdv. Ma questa è pura accademia, che personalmente non condivido, un cliché sicuramente non applicabile a una scrittrice del calibro della Yoshimoto (perché preferisco chiamarla per cognome?), che può concedersi (come tutti noi possiamo, evvivaddio!) ogni licenza poetica…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
...a proposito di gemelli, "La caduta della casa Usher" di Poe.
...a proposito di sedute spiritiche, "Piccolo mondo antico" di Fogazzaro.
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
errore nel pdv? Cioè nel punto di vista?
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
29 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento:
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì, ma è una teoria così scolastica quella del pdv... Se fossi più esplicito, cadrei nello spoiler :-)
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi interesserebbe conoscerla!
Cristina72
29 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento:
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sei stato più critico dei critici che la snobbano! Anche a me interesserebbe saperne di più sull'errore nel pdv! :-)
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Mario e Cri: rispondervi implica spoiler sulla rivelazione finale. Per Cristina nulla quaestio, visto che ha già letto e commentato il libro. Ma per gli altri si può fare? :-)
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore

Banana
Banana
Ripeti con me Bruno :
BANANA
BANANA YOSHIMOTO

:-)))))))
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sei troppo simpatica! :-))))))
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
29 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
@Bruno: basta avvisare dello spoiler prima del commento, come si fa nelle recensioni. Io l'ho già fatto con un libro della Duras recensito da Paola.
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
30 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento:
30 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
ATTENZIONE - SPOILER
SCONSIGLIATA LA LETTURA DI QUESTO COMMENTO A CHI VUOLE LEGGERE IL LIBRO

La chiusura della mia recensione è ironica e vagamente polemica. Alcuni maestrini dalla penna rossa (che selezionano racconti in concorsi letterari) considerano un errore nel pdv affidare la narrazione a un morto (oppure a un animale, o a un fantasma) sulla base dell'accademico assunto che ciò rappresenterebbe un'incongruenza logica. Ovviamente io non concordo con questa teoria, o meglio reputo che sia da applicare in modo relativo e non come dogma: nel caso che qui stiamo discutendo, lo spirito/fantasma (l'io narrante dell'opera) viene dotato di una propria vitalità in una sospensione continua tra sogno e vita reale. E questa rivelazione finale è, a parer mio, la parte più pregevole del romanzo e gli imprime un impulso che valorizza la narrazione lenta e trasognata.
Per una brevissima e scolastica sintesi delle diverse teorie sul pdv si veda anche http://it.wikipedia.org/wiki/Punto_di_vista_(letteratura)

Ciao, grazie per i vostri interventi :-)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
30 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Bruno, interessante il tuo approfondimento! Comunque prima di decretare l'aurea mediocritas di Banana le concederò un'altra chance :-)
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri