Dettagli Recensione

 
Stupore e tremori
 
Stupore e tremori 2014-02-12 11:14:11 Cristina72
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    12 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra i gabinetti e l'infinito

Raccontare un'esperienza lavorativa da incubo con autoironia e un filo di follia è sicuramente pane per i denti dell'irrefrenabile Amélie Nothomb, che in questo breve romanzo autobiografico ci regala pagine esilaranti il cui stile e contenuto, come sempre, rifuggono dai luoghi comuni senza cedere neanche per un attimo al vittimismo.
Le riflessioni le lascia al lettore mentre rivela la sua brillante scalata all'insuccesso in una multinazionale giapponese, in qualità di ultima ruota del carro di un rigido e disumano sistema gerarchico.
Ce ne sarebbe abbastanza per spezzare il cuore e la tempra di chiunque (lei il Giappone lo amava e in quell'impiego aveva riposto molte aspettative), eppure la scrittrice ha quel modo tutto suo di reagire alle umiliazioni, divertente e un tantino masochistico:
“Com'era bello vivere senza orgoglio e senza intelligenza. Mi ibernavo”.
Anche nelle mansioni più umili è irreprensibile e volenterosa, esaltata tra l'altro dall'attrazione per Fubuki, sua diretta superiore, donna bellissima e sadica che diventa la sua principale persecutrice e stronca prontamente sul nascere l'unica opportunità di carriera che le viene concessa.
Fubuki è il prodotto tipico dell'educazione impartita alle donne giapponesi, a cui fin dall'infanzia vengono tarpate le ali del sogno con una serie infinita di regole da rispettare.
Questo ci spiega la Nothomb, e c'è sempre un baluginare malizioso e sferzante, anche nelle frasi più remissive, che non concede l'onore della vittoria a chi le sta di fronte, perché Amélie è un essere vivo e pensante dotato di un arguto spirito di osservazione.
I suoi sforzi stakanovisti sono destinati fin dall'inizio al fallimento: lei, occidentale e per giunta donna, deve stare al suo posto, messa a far nulla, o ad occuparsi di cose che esulano dalle sue competenze (conosce l'inglese e parla perfettamente francese e giapponese).
E poi arrivano i bagni, accolti con un certo sollievo: “Quando si lustrano i bagni sporchi, il vantaggio è che non c'è da temere di cadere più in basso”.
Ci sarebbe il licenziamento, ma mollare prima della scadenza del contratto annuale sarebbe disonorevole agli occhi di un nipponico e lei tiene duro.
Un'alternativa dignitosa potrebbe essere il suicidio, visto che nel paese del Sol levante nessuno ha da ridire su quest'atto estremo.
E in effetti Amélie tutte le volte che può si lascia mentalmente cadere dall'enorme vetrata del piano in cui lavora, il quarantaquattresimo (lo chiama “lanciarsi nel paesaggio”).
La finestra diventa “la frontiera tra lo sciacquone e il cielo, tra i gabinetti e l'infinito”, e immaginare di lanciarsi nel vuoto osservando se stessa e la città è un atto di contemplazione che rimpiangerà una volta portato a termine il suo anno lavorativo:
“Finché esisteranno finestre l'essere umano più umile della terra avrà la sua parte di libertà”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Cristina, non ho mai letto la Nothomb anche se mi è stata caldamente consigliata da Cub, Cecilia e adesso anche dal giudizio positivo che ne dai nella tua rece. Se dovessi comprare un suo primo libro quale mi consiglieresti? Dettagliatissima recensione. :)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
12 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Marcy per me finora in pole position resta Diario di Rondine, ma ho appena dato un'occhiata e mi è venuta una gran curiosità su Mercurio che ancora non ho letto, quindi non garantisco :-))
BEPUZ
12 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
A volte l'autoironia, umiltà e semplicità d'animo, aiutano a superare momenti difficili nella sfera lavorativa e non. Ottima segnalazione, contornata da eccellente recensione. ;-))
Un insuccesso più che compensato da (e che ha propiziato la?) fortuna letteraria? :-)
Ma un bel seppuku per Amèlie no ? Io ce la vedrei...scenografico.
:-)
Che voglia di Nothomb, e' da tanto che non la leggo. Devo rimediare.

MERCURIO E' BELLISSIMO ! Tra i miei preferiti con Diario di Rondine e Nè di Eva nè di Adamo.
Mi raccomando con Mercurio, prendete il Voland che e' un romanzo, non fate come Robbie che non mi ha dato retta e si e' trovato con la versione scenografia ( ed. Royal non mi ricordo piu' cosa).
Grazie Giuseppe, sempre gentile e saggio :-) @Bruno: mi sembra il caso di citare l'ottimo Sorrentino, alias Tony Pagoda: “Il successo sta sul cesso” :-))
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
13 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Nooo Cub, pensavo che seppuku fosse qualcosa tipo sakè! :-) Grazie della dritta su Mercurio, so che Voland è la prima casa editrice che ha creduto in lei, per questo le è rimasta fedele.
gracy
21 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
La mia prima lettura di Amelie! Bello il titolo che hai scelto...analisi perfetta
“la frontiera tra lo sciacquone e il cielo, tra i gabinetti e l'infinito”...geniale!
Sì Gracy, certe battute di Amélie sono davvero brillanti e questo libro in particolare è una lezione di vita. Grazie dell'apprezzamento!
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore