Dettagli Recensione

 
Le ceneri di Angela
 
Le ceneri di Angela 2014-05-13 03:42:58 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    13 Mag, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Acronimo

La storia di una famiglia irlandese tra le due guerre: poverissima
E funestata dalle morti di tre figli,

Con un padre sempre ebbro, il presbiteriano Malachy,
E la madre Angela, che combatte anche per lui.
Nella patria irlandese, a Limerick, ove la famiglia ritorna
E riceve il misero sussidio dilapidato dal padre, i
Ricordi del giovane Frank conferiscono al romanzo
Ironia e sapore di narrazione spietatamente filtrata

Dalla prospettiva infantile: malattie terribili, lutti, stenti
In un tugurio infestato dalle pulci, la strozzina Finucane che Frank

Aiuta nel redigere lettere ai debitori. Lì troverà il denaro per tornare
Nell’America dalla quale la sua famiglia era partita, per affermarsi.
Grande successo editoriale, premio Pulitzer nel 1997
E trasposto al cinema nel 1999 da Alan Parker,
L’autobiografia romanzata e deformata di McCourt offre
Al lettore una sensazione mista di ilarità e orrore…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
300
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Ciao Bruno, vedo che però nonostante il premio Pulitzer, non gli hai dato voti altissimi. Colpa dello stile o dell'argomento non piacevole?
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
13 Mag, 2014
Ultimo aggiornamento:
13 Mag, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Colpa della scintilla che scocca nel contatto con un libro... non so come dire, qui non è scoccata. :-)
Ciao Robbie
Beh...a me il libro era piaciuto molto. Il film non è poi malaccio e l'ho fatto vedere anche alle mie figlie col proposito di rendersi conto, una volta in più, di come può essere dura la vita in tante situazioni.
Buona giornata
Beninteso, la mia valutazione è positiva (per me il 3 esprime comunque un buon livello di valutazione)... Probabilmente, come sempre, nel giudizio risulta fondamentale lo stato d'animo che ci domina durante la lettura.
Buona giornata anche a te, e grazie per il commento! :-)
Questa storia è irlandese quanto la birra Guinness: amara e frizzante :-)
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta