Dettagli Recensione

 
Musica
 
Musica 2015-02-23 10:20:13 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    23 Febbraio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Musica, maestro

Musica e' un sostantivo che si presta ad interpretazioni differenti, a seconda di chi ne fruisce.
Se affrontiamo un libro scritto da Mishima, così esperto manipolatore di metafore, la musica puo' rappresentare significati piu' specifici, per esempio l'orgasmo. Ecco allora che la frigidita' di una bella ragazza diventa il silenzio, un isolamento sinfonico che sfoga in nevrosi.
A Tokyo, la vicenda si svolge nello studio del Dr. Shiomi Kazunori, esperto terapeuta di una disciplina medica che riscuote un eccellente successo nella metropoli.
Sottile e piacevolmente pungente l'erotismo che lo scritttore innesta nel testo, per prima cosa  e' bandita l'ostentazione da queste pagine. Si racconta un impulso sessuale senza però brandire carni contorte l'una sull'altra nella volgarita' esposta ai quattro venti. Impulso piu' che altro malsano, perche' vissuto nelle sue accezioni meno concepibili. Se e' deontologicamente scorretto che un terapeuta nutra attrazione sessuale e senso di gelosia nei confronti di una paziente, esso e' un meccanismo probabile. Scavando nel passato della bella Reiko il medico cerchera' di riportarla ad un equilibrio interiore risanato da traumi e fissazioni deviate.
Un piacevole intrattenimento seguire quell'impulso di atavica provenienza che glorifica il percorso del maschio nel tentativo di ridare il piacere a una donna tremendamente bella ma di dichiarata algidita' sessuale.
Benche' la psicanalisi sia un argomento che non mi attrae affatto, il merito di un uomo che padroneggia l'arte letteraria e' di rendere appetitoso qualunque contesto. 
Per chi e' affascinato dal soggetto Mishima e non solo dallo scrittore, tra le righe e' bello distinguere la sua personalita' che emerge dalle cortine della finzione, quel suo (probabile) disprezzo per la psicoterapia di matrice americana che tenta di uniformare l'umanita' a dei criteri di conformismo massivo, a discapito delle qualita' del singolo.
Non manca un pizzico di mitologia che con pochissime  righe inargenta il testo con una volpe bianca , emblema del classicismo giapponese. Non dimentichiamo che le volpi sono soggetti magici, si trasformano in donne bellissime e irresistibili.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Un altro tuo bel commento. Ormai sei veramente un'esperta in letteratura giapponese!
A me questo libro non è piaciuto molto, lo pongo come opera minore dell'autore. Ci sarebbe molto da discutere sulla figura dell'analista, molto lontana dal ruolo assegnato da Freud...
commento netto e chiarificatore per chi si volesse avvicinare al titolo....
ammetto che il tema non mi attrae, ma occorre sperimentare per potersi esprimere :-)
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
24 Febbraio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Certamente Emilio e Silvia non e' tra i miei preferiti, io lo amo di piu' in atmosfere classiche. Cio' detto e' riuscito a rendermi godibile un argomento che non mi interessa affatto.
Poi mi piace molto leggendo tra le righe andare a scovare i trattti del Mishima uomo, che resta il mio chiodo fisso.
Ciao e grazie dei commenti !
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
25 Febbraio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Sapete C., Silvia ed Emilio, cosa trovo sorprendente in quest'uomo/scrittore? L'armonia della sua arte è così sorprendente e ossimorica rispetto alla morte che si è dato... ma anche rispetto alle sue manie marziali... la stessa distonia, invece, non ravviso nella curiosità ripulsiva verso la psicanalisi, della quale Mishima fornisce un'interpretazione che - a mio parere - è anche caricatura dello psicologismo occidentale. Ciao :-)
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
25 Febbraio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bruno, tu sai che chiodo fisso e' per me Mishima...ebbene una delle caratteristiche che tanto mi attrae e' l'ossimoro di cui parli. Penso che il punto non sia un'incoerenza del Mishima vista la sua radice nazionalista. Credo che il contrasto sia cosi' potente a causa della nostra mente occidentale, completamente differente dalla filosofia giapponese classica . E' difficilissimo capire, eppure la spiegazione c'e'.
Sto leggendo un saggio di Ivan Morris : LA NOBILTA' DELLA SCONFITTA che a tal riguardo e' interessantissimo ed estremamente chiarificatore. Tanto e' che Morris lo dedica proprio a Mishima che lui ritiene un eroe tragico della tradizione giapponese.
La nobilta' della sconfitta. Pensa a questo titolo, non e' forse racchiusa in poche righe la violenza della sua morte autoinferta e la poesia della sua scrittura, la sua lealta' e fedelta' alla causa imperiale ?
Comunque e' un concetto molto difficile da assimilare, almeno per me.
E allora mi attrae ancora di piu' :-)
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini