Dettagli Recensione

 
Dora Bruder
 
Dora Bruder 2016-02-27 13:27:32 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    27 Febbraio, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dora, simbolo ed emblema del popolo.

Dora Bruder, nata il 25/02/1926 a Parigi nel 12° arrondissement, residente in boulevard Ornano 41, figlia di Ernest Bruder, Vienna, 21/05/1899 e di Cécile Burdej, Budapest, 1907, aveva appena quindici anni, un volto ovale, occhi castano-grigi, una statura di 1,55 m quando i genitori, nel 1941, ne annunciano la scomparsa.
Ed è sfogliando casualmente quella rubrica del “Paris-Soir” intitolata “Da ieri a oggi” che Patrick Modiano scopre di questa giovane, un’adolescente ebrea dal carattere indipendente e ribelle, fuggita dal collegio del Sacro Cuore di Maria in cui si nascondeva. Cosa cercava? Cosa l’ha indotta a scappare? Cosa ne è stato di lei in quei mesi di nascondigli e apparizioni, quali speranze nutriva nel cuore?
Ha così inizio la ricerca dell’autore di questo breve ma significativo romanzo ambientato nella Parigi del presente e del passato, la capitale che è propria di Patrick ed in cui ora sente la presenza della Bruder, perché adesso che sa della sua esistenza, è sempre più curioso e desideroso di svelare il mistero, sa che la sua essenza, la sua presenza è ancora viva in quei luoghi così diversi, mutati dal tempo e dalla volontà dell’uomo di dimenticare, di chiudere un capitolo doloroso di quel che è stato.
Un passo alla volta. Una ricerca dopo l’altra, il susseguirsi di annotazioni. La voglia di sapere delle sorti di un’anima dimenticata in quel che non può che essere un tentativo. Ritrova documenti, registri, rapporti, dati non coincidenti, personaggi obliati dallo scorrere degli anni, atti che di fatto non portano a significativi sviluppi nel ritrovamento delle tracce dell’adolescente ma che riescono a ricreare quella che era l’atmosfera del tempo. Ed è proprio tramite questo lavoro che lo scrittore dà voce ad un nucleo di personalità dissolte e vittime di quei giorni bui. Tramite il suo resoconto scopriamo delle “amiche degli ebrei”, di Jean Jausion che voleva semplicemente maritarsi con la donna amata a prescindere dall’essere, questa, di razza ebraica, di Robert Tartakovsky, nonché di altri letterati perseguitati, volatilizzati nel nulla.
In sole 136 pagine Modiano emoziona con la solitudine, con l’empatia, con la ricerca, con il desiderio di non dimenticare. E seppur non sia riuscito a scoprire quelli che sono stati i sogni, le speranze, i desideri di Dora, e nonostante abbia narrato di quella storia di cui tutti sappiamo l’epilogo, arriva con le sue parole e la sua tenacia dritto al cuore di chi legge.

«Mi sono detto che nessuno ricorda più niente. Dietro il muro si stendeva una no man’s land, una zona di vuoto e d’oblio. [..] Eppure, sotto quella spessa coltre di amnesia, si sentiva qualcosa, di quando in quando, un’eco lontana, soffocata, anche se nessuno sarebbe stato in grado di dire cosa, con precisione. Era come trovarsi all’orlo di un campo magnetico, senza pendolo per captarne le onde. Nel dubbio e nella cattiva coscienza, avevano affisso il cartello “Zona militare. Divieto di filmare o fotografare”.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Un bel commento, come sempre, Maria.
A me Modiano piace molto, soprattutto per lo stile. Questo romanzo in particolare.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
29 Febbraio, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, anch'io ho particolarmente apprezzato lo stile adottato in questo romanzo da Modiano, autore interessante e tutto da scoprire :-)
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna