Dettagli Recensione

 
All'ombra di Julius
 
All'ombra di Julius 2018-04-29 07:47:59 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    29 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un weekend all'insegna del ricordo

Elizabeth Jane Howard, dopo aver firmato con ottimo successo la saga dei Cazalet, pubblica All’ombra di Julius, redatto nel 1965, totalmente slegato ed autonomo rispetto alla saga. Un romanzo corale, che narra i sentimenti e le emozioni dei personaggi che ne animano la trama con grazia e profondità. La scrittura dell’autrice è sicuramente elegante, ricca di dettagli e profondamente intimistica. Tuttavia, non mi ha convinto del tutto. La scelta di far trascorrere un weekend nella casa di campagna, accomunando personaggi diversi tra loro, uniti dalla presenza ingombrante di Julius che alita su di loro, non mi è parsa essere particolarmente originale.
Julius era un militare combattente, che vent’anni prima ha perso la vita in un gesto eroico durante l’evacuazione di Dunkerque. La sua morte ha provocato profondi sensi di colpa in tutta la sua famiglia, che si ritrovano tutti a vivere una vita segnata in modo indelebile. Emma, la figlia più piccola, lavora nella casa editrice di famiglia, e tiene gli uomini lontani, troppo occupata e persa nel suo lavoro e nei suoi studi. Cressy, l’altra figlia, ha sposato giovanissima un ragazzo morto in guerra, a poca distanza dal matrimonio. Da allora si getta in relazioni inconcludenti con uomini sposati, alla ricerca disperata di un po’ di affetto. La moglie Esme, è una donna molto curata ed attraente, alla soglia dei sessant’anni, e anche lei non è stata uno specchio di onestà nei confronti di Julius, ripetutamente tradito. Poi c’è Felix, ex amante di Esme, che l’ha lasciata e ora torna dopo vent’anni di assenza. Infine c’è Dan, un poeta un po’ eccentrico, con poche qualità. Tutti si ritrovano in questa grande tenuta, e l’occasione sarà foriera di difficoltà e di chiaroscuri che interagiscono forzatamente con i ricordi di un passato, ancora troppo ingombrante e difficile.
Il libro è scritto con eleganza di scrittura e di intelligenza. Fa difetto una scarsa pregnanza narrativa, a mio personale giudizio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato della stessa autrice La saga dei Cazalet.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai