Dettagli Recensione

 
La macchia umana
 
La macchia umana 2019-06-06 13:41:11 Molly Bloom
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    06 Giugno, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci siamo quasi...

Ogni uomo lascia sempre una sua macchia. Alcuni di essi possono lasciare anche impronte positive ma azzerate dal potere della macchia, sia essa vera o falsa, l'importante è che se ne faccia menzione perché "nulla può isolare dal più infimo livello del pensiero" e "la semplice accusa è già una prova. Ascoltarla significa crederci."
Non ho visto il grande romanzo "americano" onestamente, ma solo "UN" grande romanzo: America potrebbe essere sostituita da un qualsiasi paese e la guerra del Vietnam di una qualsiasi altra guerra, la persona di colore da una qualsiasi minoranza che viene discriminata e il risultato sarebbe lo stesso. I governi sono gli stessi, i bigotti sono gli stessi, i puritani sono gli stessi, i perseguitati sono gli stessi e le guerre sono le stesse. Le persone sono le stesse, la stessa è la voglia di cancellare le origini che crediamo non ci rappresentino in un dato momento o che sono scomode per mille motivi, la stessa voglia di scappare e di rinnovarsi come persona. Gli stessi errori, stesse vittime e carnefici contemporaneamente, stesse macchie.
Non sono una lettrice appassionata di letteratura americana perciò magari qualcosa mi sfugge ma in realtà io ho trovato un grande romanzo europeo dal punto di vista stilistico ma anche delle idee, trovo che Philip Roth si sia ispirato a molti grandi scrittori europei, mi sentivo "a casa" leggendolo. Ho trovato lo stile solilloquiale di Thomas Bernhard, il personaggio "principale" Coleman Silk ha una forte impronta kafkiana, ingiustamente accusato e incompreso, struttura del romanzo proustiana: alla fine del libro il narratore esprime l'intenzione di scrivere tutta la verità nel libro appena letto, dandone anche il titolo. Anche il contenuto mi ha mandato forti richiami bernhardiani: come ne "La cantina": la necessità di andare in una direzione opposta per poter essere felici o quanto meno realizzati: come ha fatto Coleman e Dalphine Roux in La macchia umana, l'attacco feroce contro il governo, contro l'insensatezza della guerra e contro il sistema di istruzione: tutti argomenti vivisezionati da Bernhard e carichi degli stessi difetti... Quindi per tutti questi motivi, ma anche per i numerosi riferimenti letterari europei non grido alla denuncia della società "americana" o "al romanzo americano", che sicuramente è giusto ma personalmente estendo questa denuncia a una denuncia universale, perché le cose funzionano così un po' ovunque.
Ci sono stati anche dei momenti lenti nel romanzo ma è cosa comune. Ho qualche critica da fare alla forma narrativa in quanto l'ho trovata un po' confusionaria e seppur piacevole non mi ha convinto questo mix di monologhi intimi in prima persona e narrazione nella terza persona, cioè non mi è dispiaciuta la scelta in sé ma come sono stati "incastrati" questi tasselli. Inoltre verso la fine del romanzo compaiono degli elementi nuovi e che incuriosiscono il lettore come potenziali chiavi di lettura ma poi spariscono nel nulla, come ad esempio il padre naturale di Faunia e il suo diario segreto.

E' sicuramente un buon libro e sono appagata della sua lettura, sicuramente la sua scia la lascia dentro al lettore, tuttavia Roth secondo me ha avuto paura di osare e farlo diventare un libro perfetto, armonioso. Ci è QUASI riuscito.

"Con gli occhi aperti vede il proprio disonore e con gli occhi chiusi vede la sua disintegrazione, e per tutta la notte il pendolo della sofferenza la fa oscillare dall'uno all'altra."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Vedo, anche dai recensori sotto, che è un libro che fa scrivere molto, evidentemente molto pregnante o denso. Continua la mia personale riscoperta di Roth...
Al momento non è nelle mie prossime letture, ma me lo segno. Io ho conosciuto un altro Roth, Joseph. Quello che canta la nostalgia per il crollo dell' impero austroungarico. Siamo su due terreni diversi.
La tua recensione mi convince a conoscere anche Philip di cui ho sentito parlare quasi sempre bene
Bella recensione, Ioana, come sempre molto sincera. Trovo molto pregnante e originale il paragone Coleman Silk - Kafka, così come i riferimenti a Thomas Bernhard, un autore che tu citi spesso e che prima o poi dovrò leggere. Trovo solo curioso che tu non reputi Roth molto "americano", dal momento che molti suoi romanzi sono profondamente radicati nel natio New Jersey e che perfino i titoli ("Pastorale americana", "Il complotto contro l'America ", "Il grande romanzo americano ") sono permeati di americanita'. Che dire poi della "caccia alle streghe" di "Ho sposato un comunista" o della amara denuncia presente ne "La macchia umana" di una società che magari chiude gli occhi di fronte a un presidente che lancia bombe su un paese straniero ma non gli perdona un innocuo scandalo sessuale (leggi Monica Lewinsky)?
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
07 Giugno, 2019
Ultimo aggiornamento:
07 Giugno, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Giulio, quella affermazione sul "non americano" è basata solo sulla lettura di questo libro in particolare, io non conosco le altre opere di Roth a parte "L'umiliazione" che credo sia un testo minore e poco rappresentativo, ne conservo solo un vago ricordo. Hai ragione, i richiami ci sono, ma io non ho letto una forte impronta americana ecco, complice magari anche la mia poca conoscenza della letteratura americana come appunto ho premesso. Per quanto riguarda i scandali sessuali "presidenziali" invece credo sia un caso generale, nel senso che fa spesso notizia e diverte la società che automaticamente inizia a scagliare la prima pietra con la stampa che mette benzina sul fuoco.
Per ovviare alle mie lacune ho iniziato Comma 22 di Heller. :-). PS: forse alcune cose non le percepisco perché tendo a paragonare o a vedere nei libri che leggo delle altre letture per me sono state fondamentali e se da un lato va bene ed è interessante, dall'altro lato invece è sbagliato. Devo migliorare sotto questo aspetto trovando il giusto equilibrio.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
07 Giugno, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Marianna, lo conosco il "tuo" Joseph, a casa ho un suo libro ma ancora non l'ho letto.
Un'altra bella recensione, Ioana.
Questo libro m'incuriosisce, anche se non sono fra i lettori entusiasti dell'autore. Comunque Pastorale Americana m'è piaciuta molto.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
10 Giugno, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, grazie :-). Ieri ho preso anche io Pastorale Americana, mi mancava...assieme a quattro libri di Sandor Marai, che si annovera tra i miei scrittori preferiti in assoluto. Vita lunga ai mercatini dell'usato, ho acquistato 6 libri come nuovi a prezzo di uno.
Anche a me la scrittura di Marai piace molto.
Buona lettura!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini