Dettagli Recensione

 
Stupore e tremori
 
Stupore e tremori 2020-12-16 12:18:05 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    16 Dicembre, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amélie torna in Giappone

«Avevo trovato la mia vocazione. Il mio spirito sbocciava con quel lavoro semplice, utile, umano e propizio alla contemplazione. Mi sarebbe piaciuto farlo tutta la vita.»

Con “Stupore e tremori” conosciamo una Amélie Nothomb ventiduenne e alle prime prese con il mondo del lavoro e in particolare nipponico. Con massimo rispetto e riserbo, la giovane donna, tornata a vivere in Giappone, luogo ove è nata e cresciuta sino all’età di cinque anni, riesce a realizzare il suo sogno di poter prestare il suo impegno presso una società giapponese che la assume con un contratto di dodici mesi. Il sogno, tuttavia, ben presto si rivela essere ben diverso dalle aspettative e la realtà con la quale ella trova a doversi confrontare è tutto fuorché semplice o rosea. Amélie viene destinata ai lavori più degradanti e umili sino a raggiungere quello che è l’apice dell’avvilente. Non si abbatte, però. Comprende le ragioni di quelle decisioni che vengono prese nei suoi confronti e ha verso di loro, così come verso i suoi superiori, un atteggiamento di massimo e profondo rispetto, caratteristica questa che mai in lei viene meno. E se da un lato a una prima analisi l’attenzione si sofferma su quel che è l’aspetto proprio delle condizioni lavorative giapponesi, a una analisi più precisa, minuziosa e anche introspettiva, l’occhio si spinge oltre arrivando a prendere consapevolezza di quell’aspetto più intimo e umano che invece caratterizza la donna.

«Ogni esistenza vive, un giorno, quel trauma primordiale che divide la sua vita in un prima e in un dopo e il cui ricordo anche furtivo basta a creare un terrore irrazionale, inumano e inguaribile.»

È in questo, a mio modesto avviso, che si snoda l’intero componimento. Ella ci consente di entrare maggiormente in sintonia con quello che è il suo mondo e quella che è la sua psiche, gioca con il “vero” e non vero tanto che chi legge è chiamato a chiedersi quanto effettivamente ci sia di verità e quanto non in quel che ha tra le mani eppure, al contempo, resta affascinato proprio dagli occhi con i quali si guarda al lavoro e alla vita. C’è inoltre tanta filosofia in questo scritto. Tanta filosofia e tanto tanto di letteratura classica e classica contemporanea. Se da un lato ho potuto ravvisare aspetti inerenti a “Il processo” di Kafka, non sono mancate altresì riflessioni suscitate da quelli riportati alla mente da similitudini con “La metamorfosi”. E molti altri ancora sono gli spunti letterari e psicologici che la scrittrice belga porta in superficie.

«Questa constatazione mi richiamò alla mente il detto di André Maurois: “Non dire troppo male di te stesso: finiranno per crederci”.»

Non mi sento di definire questo titolo un elaborato di denuncia sociale come ho letto su altre recensioni online, non ne ha l’impostazione, per me. Per quanto i tratti siano crudi e duri verso i giapponesi, il modo in cui sono esposti fanno evincere quanto effettivamente essi siano riportati all’attenzione quali elementi per ricostruire i tratti salienti di un mondo a noi fortemente lontano e per mezzo dei quali ridar vita a una dimensione che possa essere tridimensionale. Lo stesso titolo, ha un suo significato più intimo che arriva, resta e che spiega molto di quel che poi ne sarà il contenuto.
Una autrice a cui mi sto avvicinando piano piano e che sino ad oggi è riuscita a sorprendermi. Un titolo di cui consiglio la lettura perché intenso per temi e contenuti ma a cui credo sia meglio avvicinarsi dopo aver meglio conosciuto la Nothomb.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Maria, ottima recensione. Per me fu il primo libro di Nothomb (non che ne abbia letti tanti altri dopo)... ma senza dubbio uno dei suoi migliori. Colpisce e arriva diretto.
Molto interessante, Maria, la tua recensione, che invita ad avvicinarsi a questa autrice, che per ora (nonostante che possegga alcuni suoi libri, tra cui quello da te commentato) non conosco.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
18 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara, io mi sto dedicando a una maggiore conoscenza dell'autrice perché ero partita con "Riccardin dal ciuffo" ma non ero riuscita a coglierne tutte le sfumature. Piano piano sto cercando di recuperare e per questo sono partita dai primi. Sto sfruttando anche una iniziativa di gruppo di lettura interamente dedicato a questa autrice e devo dire che sto iniziando a coglierne una essenza diversa. Ti ringrazio per le tue parole, questo libro arriva tantissimo ed è tagliente come pochi. A mio avviso ella non è una scrittrice di denuncia quanto una scrittrice che solleva questioni e induce il lettore a riflettere proprio per quei contenuti sottesi riscontrabili in ogni suo titolo. Mi ha sinceramente sorpresa.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
18 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Giulio, grazie prima di tutto di avermi letta. Ti capisco perché il mio primo approccio con la Nothomb è avvenuto nel 2016 ma senza che davvero riuscissi a entrarvi in sintonia. Pensa che mi ci avvicinai perché era lo scritto preferito di un mio caro bibliotecario lettore e scrtittore che è venuto a mancare lo scorso anno. Ma a parte questo, se hai modo e quando sarà, se posso permettermi di darti una modesta e personale opinione, ti consiglio di partire dalle prime opere se non la conosci come scrittrice. Ella ha un disegno in mente che io non avevo dedotto partendo da uno degli ultimi e che, anche per questo, non ero riuscita a far mio. Seguendo un ordine cronologico più lineare è più facile conoscerla, apprezzarla e al tempo stesso essere invogliati ad andare avanti con la conoscenza. Per quel che sto vedendo ogni suo titolo ha delle costanti ma non manca mai di sollevare questioni su cui interrogarsi. Questo, nello specifico, ha un forte contenuto autobiografico ma riesce a ricostruire anche l'ambiente giapponese. Davvero una lettura interessante. Grazie ancora di avermi letta :-)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore