Dettagli Recensione

 
Il silenzio
 
Il silenzio 2021-01-30 14:30:51 Todaoda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    30 Gennaio, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Benvenuti nel nuovo mondo

Due coppie, due uomini due donne, e un terzo. Cinque persone, dieci occhi all’alba di un evento e al tramonto della civiltà per come noi la conosciamo. La tecnologia fallisce un’ ultima volta. Che ne sarà di noi? Cosa ne rimarrà nei vastissimi spazi che lo squillare di un telefono o la parlantina di un telecronista sportivo non possono più colmare? Vuoto e silenzio, cinque persone sole con loro stesse, dieci occhi che finalmente si guardano e... non capiscono.
The Silence di Delillo è un capolavoro della non scrittura, delle pause tra le parole, il subconscio implicito che, allorchè venga a mancare la base, il territorio comune che ci rende animali sociali (sia esso un evento sportivo, una birra, un’informazione ormai irreperibile), stenta ad ergersi coscienza di massa, ormai inadatto e superato a tessere le maglie di un vivere comune.
Potere e pericolo della modernità: senza qualcosa da guardare, senza qualcosa da ascoltare noi non siamo più niente. Parole nel vuoto, pensieri erratici, gesti casuali. Silenzio.
The Silence corroborato da una scrittura mericolosamente scarna è la perfetta sintesi della nostra essenza. L’opera minimale non più solo ormai di un grande scrittore, ma di un grande poeta.
Molti hanno criticato il DeLillo maturo (il post Underworld) come qualcuno che si è snaturato, che non racconta più storie e punta tutto sullo stile. Non è vero, non si è snaturato è trasceso, la sua scrittura è diventata altro: non occorrono più paragrafi, frasi elaborate. Solo delle parole, leggere imbeccatte che ci indicano il cammino e noi raccontiamo a noi stessi la loro storia, che in fin dei conti è la nostra.
Il DeLillo maturo ha inventato un nuovo scrivere, trascendetale e olografico, voxel ad altissima definizone, collocati con perizia negli angoli più oscuri della nostra coscienza per permetterci di scrivere il vissuto dei suoi personaggi e, scrivendone, viverlo.
Credo che ben pochi autori come il DeLillo di quest’ultima opera siano in grado di teletrasportare (sì, proprio teletrasportare) il lettore, non in un’altra vita, ma in un altro vivere. Questa con la sua intima e personale sensibilità è la nuova frontiera della narrativa. Una frontiera che creiamo noi lettori, tra gli ampi spazi di un mondo disadorno. Il pianeta DeLillo.
Eccezionale, trasfigurante, mistico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
....qualunque altra cosa e voglia sperimentare la novità. E consigliato a chiunque abbia letto decine di libri di psicologia e crescita personale e sia ormai convinto che trovarsi a tu per tu con se stessi non sia spaventoso
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Letto in lingua? Bravo, bel commento.
In risposta ad un precedente commento
Todaoda
31 Gennaio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Si, prima volta che leggo DeLillo in inglese. Direi che ne vale la pena i termini mi sembrano credo più precisi, efficaci.
Grazie x i complimenti ho cercato nel mio piccolo (anzi minuscolo) di trasmettere un po' le sensazioni che si provano leggendo, più che soffermarmi su un'analisi minuziosa di trama e prosa
Ciao Paolo, complimenti per la recensione. Sono contento che tu sia tornato a scrivere su QLibri, perché ho sempre trovato i tuoi passati commenti molto stimolanti. C'è davvero bisogno di recensori originali e profondi come te. Per quanto riguarda il romanzo, confesso di essere un lettore che si è fermato al De Lillo di "Underworld", per la paura che le sue opere successive non fossero all'altezza di questo capolavoro. Magari ora è venuto il momento di farmi "teletrasportare" anch'io in quest'ultima fatica letteraria del DeLillo del nuovo millennio. Buone letture.
In risposta ad un precedente commento
Todaoda
31 Gennaio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie son felice che ti sia piaciuta, poi i complimenti da un lettore/recensore bravo come te valgono il doppio. :)
Eh sul tornare a scrivere sai il problema è che (a parte il tempo) il libro ormai deve trasmettermi qualcosa, nel bene o nel male ma deve parlarmi, invogliarmi a parlarne. Anni fa alcune recensioni mi rendevo conto che erano meccaniche e banali: riassuntino trama - interpretazione del messaggio (ammesso ci fosse) commento sullo stile e fine. E le mettevo sul sito comunque quasi fosse un dovere, non voglio più scriverne di così. Adesso mi costringo a scrivere solo quando non riesco davvero a farne a meno, quanto sento la necessità improrogabile e allora smetto di fare qualunque cosa (o quasi) e le parole nascono da sole. Non so se è così anche per te, ma a leggerti, a sentire l’impegno e la passioni che metti nei tuoi lavori, secondo me mi capisci.
siti
01 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Grande entusiasmo! Metto in lista.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oryx e Crake
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri