Dettagli Recensione

 
Il sale dell'oblio
 
Il sale dell'oblio 2022-09-19 18:21:15 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    19 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Destino già scritto

Adem, maestro dimissionario in fuga da se’ stesso e dal mondo, dopo l’ abbandono del tetto coniugale da parte della moglie Dalal, stanca del loro matrimonio e votata ai piaceri della carne, braccato da rabbia e disperazione, inizia un viaggio tormentato e paradossale in un mondo avverso che per lui ha smesso di esistere.
Siamo nell’ Algeria degli anni ‘60, fresca di indipendenza ma politicamente instabile e acerba, intrisa di corruzione e tradizioni vetuste.
Adem viaggia verso l’ ignoto, tra città e boscaglia, rifugiandosi ogni sera nell’ alcool, calato nell’ abisso di un animo disilluso e scorato, perso l’ amore per cui aveva vissuto e il senso dell’ amicizia, immerso in un buio che lo trascina nelle esperienze più estreme dimentico di ciò che di umano possiede.
Un percorso di autoisolamento all’ interno di un dolore vivido, nessun rimedio e antidoto per chi non sente e non vede, mente disillusa infettata da pensieri orribili, creatura priva di carne e di spirito che si nutre di assenza e silenzio.
Un cammino in cui inciampare in personaggi bizzarri, unici, voci della propria coscienza, che cercano di ricondurlo alla vita, un cieco che canta divinamente, uno psichiatra amante della letteratura russa, un nano filosofo ( Mika ) in cerca di un amico vero, un circo emozionale che gli prospetta un’ idea salvifica inarrivabile per chi respira solitudine rabbiosa, spogliato di sogno, amicizie, dialogo e comunanza, che ha deciso di non parlare di se’, disilluso dalla vita, e dialoga continuamente con quella voce interiore che ha le sembianze del diavolo in una terra che brucia di fame e vendetta.
Adem, completamente estraneo a se’ stesso, muro di pietra, morto vivente, ostaggio dei desideri altrui, un libro, una matita e un quaderno ad accompagnare i suoi giorni, improvvisamente sarà di nuovo pervaso dal fuoco del desiderio che comincerà a bruciargli dentro, un’ ossessione d’ amore che lo trascinerà in un abisso di false apparenze e desideri impossibili per sparire nel nulla.
Se il romanzo possiede una morale questa ci fa riflettere sullo sguardo umano che deforma la perfezione della natura, sull’ inutilità della solitudine quando non si è in pace con se stessi, braccati dalla propria ombra, sul senso della bontà d’ animo e della gentilezza dei cuori, sull’ importanza e sulla vocazione del rendersi utili.
Yasmine Khadra costruisce una trama ben strutturata, intrisa di crudo realismo, della recente storia dell’ Algeria, dei costumi e delle osservanze, ma anche poetica e simbolica nella rappresentazione delle declinazioni umane e delle innumerevoli sfaccettature che le contraddistinguono. Il protagonista si dibatte in una serrata lotta con il proprio io, abbandonandosi a un destino che gli ha sottratto Dalat, rinunciando a qualsiasi pretesa nei suoi confronti, ingabbiato in una solitudine che gli fa perdere il senso del reale e quella libertà che gli permette di vivere. Vizi e virtù, a quel punto, si confondono e il fuoco del desiderio si trasforma in un boomerang che prevede un viaggio della dimenticanza azzerando il passato dissolto.

“…alla fine, quando la notte diede manforte al coprifuoco per spopolare le strade, Adem e Mika ne approfittarono per lasciare la città. Sparirono subito nel nulla, cancellando le loro tracce per non farsi scovare dai loro ricordi. Da quel giorno nessuno sa dove siano andati ne’ che ne sia stato di loro…”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Gran bella recensione, Gianni!
Non ho mai letto il noto autore, che comunque mi incuriosisce.
In risposta ad un precedente commento
68
21 Settembre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, anch’io incuriosito dalla sua fama, bella scrittura, poetica ed essenziale, a metà tra il reale e l’ immaginario, ma profonda e a tratti commovente, consigliata!!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso