Dettagli Recensione

 
Amore zucchero e cannella
 
Amore zucchero e cannella 2012-05-01 10:56:57 AlessandraV
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
AlessandraV Opinione inserita da AlessandraV    01 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Racconto scorrevole per chi vuole rilassarsi

Juliet, innamorata del suo Simon ed al settimo cielo per la loro nuova casetta, si ritrova ben presto a dover fare i conti con una “donna di troppo”, Hanna ; la quale sembra rovinarle i suoi sogni di felice convivenza e di amore con Simon. Juliet dovrà tirare subito le somme rompendo il rapporto con il suo fidanzato-traditore e la sua ormai ex amica. Inizia quindi a cavarsela da sola con l’aiuto di un prezioso manuale lasciatole in eredità dalla nonna Violet, e sarà un ottimo strumento per apprendere l’ABC della perfetta signorina di casa. Dopo essere stata inizialmente assalita dal panico, trovandosi sola, Juliet cerca di riscattarsi dopo un infanzia trascorsa tra l’indifferenza di una madre (Ava) pressoché assente che l’ha allevata facendola sentire inadeguata, si ritrova ad essere allevata dalla nonnina Violet ( vedova e dedita a cure ossessive per la sua “creatura”, ovvero la sua casa curata nel dettaglio) Juliet si butta quindi a capofitto nel lavoro; lei è un addetta stampa per una casa d’aste londinese e tra le avance del suo capo e del suo nuovo collega si convincerà di essere una ragazza affascinante. Anche l’aiuto dell’amica Imogen sarà provvidenziale per rialzare il suo umore dai fatti accaduti. Nel frattempo si aprono nuove opportunità di lavoro e si dedica con costanza alla lettura nel manuale della nonna (alcune frasette in “pillole” vengono riportate anche all’inizio di ciascun capitolo). Emerge una foto di Rosie, una bimba della quale Ava cela un segreto. Juliet, sempre più confusa e vulnerabile, inizia quindi a flirtare con il suo capo e successivamente con un collega di lavoro. Juliet ha trascorso parte della sua vita credendo di essere responsabile del fallimento della sua famiglia, ma presto si accorgerà che si è portata dietro per tanto tempo quel pesante fardello inutilmente. E riuscirà finalmente a respirare una nuova vita, rivalutando sé stessa, riacquistando quel senso di sicurezza che era andato perduto, e mettendosi in gioco in nuove ed appassionanti sfide; più stimolanti del classico lavoretto in ufficio e più avvincenti dell’amore superficiale di uomini che è meglio lasciarsi alle spalle. La parola d’ordine è certamente ricominciare, con ottimismo. Attraverso uno stile scorrevole, Amy Bratley ci presenta un racconto genuino ma un po’ deludente, che ci fa riscoprire i preziosi e saggi consigli della nonna.
«La vita è come una cipolla; togli uno strato dopo l’altro e qualche volta piangi»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Un diamante da Tiffany
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Jane va a nord
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri