Dettagli Recensione

 
Sette anni senza di te
 
Sette anni senza di te 2013-05-20 17:04:49 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    20 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il dolore della separazione

Un romanzo dedicato alle incompatibilità, quasi a risolvere il dilemma degli opposti che si attraggono. Rispondendo alla domanda: possono due perone molto diverse tra di loro amarsi, nonostante la differenza di carattere e di estrazione sociale?

Lui, Sebastian, è il classico eroe di Musso. Vive in un appartamento esclusivo, con “pareti tappezzate di quadri degli anni venti firmati Marc Chagall, Tamara de Lempicka e Georges Braque”. Nella zona nobile della Grande Mela: “La casa dei Larabee sorgeva tra Madison Avenue e Park Avenue, all’altezza della Settantaquattresima …”
Separato da sette anni da Nikki, da lei ha avuto due gemelli. Secondo gli accordi conflittuali della separazione, Sebastian vive con la figlia Camille, mentre il gemello Jeremy vive con la madre.
Ha un atteggiamento protettivo ai limiti dell’ossessione verso l’adorata figlia (“Sei mesi prima aveva installato nel computer di sua figlia un keylogger, una spia informatica …”), che frequenta un liceo “che arruolava le allieve tra la gioventù dorata newyorchese”.
“Una figlia intelligente, sveglia e diligente che brillava a scuola e forse era all’inizio di una grande carriera di violinista”.
Sebastian è “liutaio famoso, amava la solitudine e tendeva sempre più a chiudersi nella sua bottega … con la musica come unica compagna, costruiva e cesellava i suoi strumenti…”
Per il figlio ha un atteggiamento di disinteresse: troppo simile a sua madre.
“Camille e Jeremy erano gemelli eterozigoti. Benché nati lo stesso giorno, era difficile trovare in loro una somiglianza. Camille era una Larabee sputata e Jeremy un Nikoski”.

Nikki è completamente diversa: “Vivace, estroversa e passionale, sapeva come attrarre e affascinare per raggiungere i suoi scopi, ma viveva nell’eccesso”.
“Nikki si era stabilita con Jeremy a ovest di South Brooklyn, nel quartiere di Red Hook, l’ex roccaforte dei portuali e delle mafia”.

Poi però Jeremy sparisce inspiegabilmente e Nikki contatta l’ex marito. Insieme partono sulle tracce dello scomparso e ne segue una girandola d’avventure.
Sotto le ceneri della trama, cova un sentimento ancora vivo: “I soli momenti importanti della vita sono quelli di cui ci ricordiamo”.
Perché tra Nikki e Sebastian c’è “il solo amore, il vero amore, l’amore esplosivo. Quello che ci dà tutto per poi riprendersi tutto. Quello che illumina una vita per poi distruggerla per sempre”.
E perché “quando ami veramente qualcuno, nessuna fortezza è inespugnabile”.

Come sempre, Musso sferra la sua zampata finale. Lasciando interdetto il lettore. A chiedersi se tutta la storia sia soltanto pura allegoria per esprimere il dolore della separazione. Tra due coniugi che divorziano. Tra la madre e i figli, nel parto. Tra due gemelli al momento della nascita. Tra due figli al momento della separazione dei genitori. Perché “tra due persone, anche se intimamente unite, è sempre aperto un abisso che solo l’amore può superare, e anch’esso solo con una passerella d’emergenza” (Hermann Hesse). La citazione è di Musso, e non di …

… Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Carlottina e Carlottina” di Erich Kastner“. O a chi ha visto le versioni cinematografiche di questo romanzo tedesco: "Il cowboy con il velo da sposa” o il remake del 1998: “Genitori in trappola” con Lindsay Lohan nel doppio ruolo di gemella.
Altro non posso dire.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ti aspettavo un pò al varco con questa recensione! :-) Li hai commentati tutti e hai dato a tutti i suoi libri punteggi altissimi. Su questo stavo aspettando...perchè io ne sono rimasta un pò delusa...per me era un pò sotto tono rispetto alla sua media... Vedo che lo hai comunque apprezzato e valorizzato, sottolineando cose che forse io ho un pò sottovalutato.... Grazie per il tuo punto di vista !!! Come sempre...
Hai letto il mio nuovo commento al tuo? Lì c'è la motivazione del mio 4 (anziché 5). Che sarebbe stato un 3, se non ci fosse stato l'ultimo capitolo. Quello che lascia pensare che l'idea di fondo non sia stata clonata. :)
Ho visto Bruno e condivido... Non è il suo genere... Forse gli mancava l'ispirazione ed ha attinto ad un mondo che non è il suo... Beh, speriamo che ritrovi se stesso !!!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Book lovers. Un amore tra i libri
Sono esaurita
Mille luci sulla Senna
L'erede misterioso
Il bacio. The winner's kiss
La leggenda di Loreley
Frederica
Un regalo per Miss Violet
Amo la mia vita
La metà del cuore
Appuntamento dove il cielo è più blu
Una sirena a Parigi
La casa sul fiume
Tutta colpa di Mr Darcy
Il diario segreto di Lizzie Bennet
La ragazza del sole