Dettagli Recensione

 
La via della bellezza
 
La via della bellezza 2019-09-01 18:09:19 archeomari
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    01 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un solo tipo di bellezza, la mimesi

Ecco un altro libro che mi getta nell’imbarazzo più totale.
Vito Mancuso è un professore molto apprezzato dal grande pubblico, ha scritto tantissimi libri rendendo comprensibili gli argomenti più ostici e difficili a beneficio di chi non è addetto ai lavori.
È un teologo, ma se vi documentate bene vedrete che i cervelli fini della Chiesa, l’arcivescovo Bruno Forte, già suo docente, il gesuita Corrado Marucci, monsignor Piero Coda e tantissime altre autorevoli voci in campo teologico, lo hanno accusato di “svuotare di significato almeno una dozzina di dogmi della Chiesa cattolica” (rivista “Civiltà cattolica”, febbraio 2008). Cito giusto qualche critica, anche se non sono né interessata e né competente in campo teologico, per dovere di completezza.
Dal libro che mi appresto a commentare, mi aspettavo qualcosa di più, quello che in genere mi aspetto da un saggio: rigorosità delle argomentazioni, linguaggio comprensibile (questo è presente), contenuti illuminanti.
Se dobbiamo considerarlo un saggio accademico, no, non lo è.
Io ho avuto l’impressione di leggere una piccola guida, una sorta, passatemi il termine, di “catechismo” sulla bellezza. Una bellezza basata sulla mimesi, sulla fedeltà alla natura, una bellezza basata sui canoni classici, platonici. La bellezza è tale se rispetta l’aspetto della natura e la sua misura. Di conseguenza l’arte del Rinascimento, del Barocco, l’arte neoclassica, impressionista ed espressionista (non tutti gli artisti) suscitano emozioni, possono scatenare, in chi ha la predisposizione a vedere la ‘rivelazione, l’epifania’ della bellezza, lo stupore positivo dinanzi al quale si resta attoniti. Appena ci si allontana dalle forme della natura e dalle sue misure, non solo non è arte, ma non è neanche bellezza. Ecco, io non riesco a trovare piacere, illuminazione e arricchimento da queste considerazioni, perché troppo conservatrici, strutturate su una visione un po’ ristretta dell’arte ed anche della musica. Ho trovato discutibili ed ingenue le affermazioni riguardanti l’evoluzione di Picasso verso il cubismo. Cito il passo:

“Non posso tuttavia fare a meno di chiedermi perché Pablo Picasso, che a quindici anni dipingeva il volto umano con una maestria e una dolcezza commoventi, e che in seguito nei cosiddetti periodo blu e periodo rosa produsse capolavori degni della sua fama, prese progressivamente a ignorare l’armonia e la bellezza della figura umana fino a scomporla, abbruttirla e quasi farla a pezzi, come se si trattasse di un’autopsia”.

Non si può scrivere un saggio sui gusti personali, perché essi sono quanto di più relativo e sfuggente possibile. Posso capire la necessità di un’arte e di una musica che parlino a tutti e non soltanto a chi riesce a capire i messaggi criptici delle “mode”contemporanee, che rispecchiano la dissoluzione e la decadenza della nostra identità. Insomma ,se vogliamo dirla con Huizinga, che lui stesso nel libro cita, stiamo andando verso la pazzia più furiosa.
Mi sembra un discorso quanto meno superato e comunque opinabile.
Devo però dire che l’idea di fondo, cioè la necessità di intraprendere la via della bellezza come alternativa al vuoto che ci circonda è apprezzabile. Mancuso parla della natura, la prima opera d’arte, come elemento da contemplare per rischiarare i nostri animi distogliendoli da angosce e stati depressivi. Una ricerca della bellezza, che in Italia non scarseggia, in ogni luogo. Nei tramonti, nelle albe, nelle belle opere figurative (quali siano belle lo dice lui), nei monumenti, nell’ascoltare la buona musica. Ovviamente i metallari, che fanno solo frastuono ed hanno il solista che gracchia come una cornacchia con la raucedine, gli allegri suonatori dei tormentoni estivi ... vade retro!

Non mancano nel libro bellissime citazioni ad effetto, ad hoc, quelle da usare nel copia/incolla e condividere sui social media, decontestualizzando ancora di più il pensiero originario di ogni singolo autore di opere figurative o letterarie. Queste citazioni sono raccolte per avvalorare maggiormente i gusti del Mancuso. Ma non si può accettare un saggio, lo ripeto ancora, sui gusti personali di chi scrive. Non lo posso accettare.

La mia recensione è abbastanza distruttiva, ma per il rispetto che nutro verso qualsiasi libro, creatura partorita dalla mente dell’uomo, non scendo mai oltre le 3 stelle.
Mi spiace, deludente.

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
Si, se volete un libro piacevole che vi faccia pensare alla bellezza come via per uscire dal vuoto e dalla noia, alla bellezza come consolazione dell’animo.
No, se cercate un saggio rigoroso che arricchisca ed informi sul tema della bellezza
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao Marianna, commento molto intelligente il tuo. Non altrettanto forse il libro. Ti parlo da appassionato di arte del Novecento e come uno che all’esame di maturità ha portato un pippone filosofico-estetico sull’arte contemporanea: questa visione della Bellezza come ancorata a forme classiche è davvero stantia. Per altro mi sembra anche opinabile associare Rinascimento, Barocco, Impressionismo ed Espressionismo. Picasso ha fatto bene a non ridire quello che era già stato detto, perché dipingere come Raffaello se Raffaello c’e già stato? Trovo molta più bellezza in un dipinto di Mondrian o in una tela di Burri che in tanta arte ben più declamata. Scusa, ma questo argomento mi agita non poco ahahah
In risposta ad un precedente commento
Matelda
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono d'accordo con te Danny. Credo che Mancuso , discutibile davvero come teologo,sia anche il questo libro e in altri ,sopravvalutato.
lapis
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Forse proprio ridurre il ruolo dell'artista alla mera rappresentazione del bello mi pare già una limitazione.
Pur non ritrovandomi nell'approccio di Mancuso, che spazza via un secolo di arte, ho apprezzato invece molto il tuo commento, Marianna, equilibrato e misurato nella critica.
Grazie e ciao!
siti
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ottima recensione che denota un alto senso critico. A ogni tempo la sua arte.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma il passo in cui il cubismo è emozionante quanto un'autopsia...è semplicemente ridicolo! Non so se ridere o piangere!
In risposta ad un precedente commento
archeomari
02 Settembre, 2019
Ultimo aggiornamento:
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a voi Manuela, Matelda e Laura. Non è bello essere così critici, ma dai saggi ci si aspetta rigorosità, novità...sono i saggi a illuminarci, più della fiction, secondo me.
È grande amarezza quando delude un libro da cui ci si aspettava tanto !
In risposta ad un precedente commento
archeomari
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Pienamente d'accordo! Non ti agitare allora, meglio non leggerlo altrimenti potresti veramente lanciarlo dalla finestra!
Un commento molto ben argomentato e intelligente, Marianna. Pur non avendo letto il libro, sono d'accordo con le tue osservazioni. Forse però il saggio di Mancuso non voleva andare ad approfondire l'arte ma il significato che assume la bellezza per la nostra vita, per la nostra anima. Voglio dire, se leggi un saggio di Mancuso ti aspetti delle cose, se leggi un saggio di un critico d'arte delle altre... ;)
In risposta ad un precedente commento
archeomari
03 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Chiara, proprio così. Mancuso non voleva approfondire l'arte, ma parlare di cosa significhi la bellezza nella nostra vita. Però...dare giudizi personali sulla base esclusiva di criteri sfuggenti e discutibili...
Grazie mille per l 'intervento!
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Innamorarsi di Anna Karenina il sabato sera
Il miracolo Spinoza
A proposito del senso della vita
Vietato scrivere
L'amore sempre
Homo Deus
Eros il dolceamaro
Quando i figli crescono e i genitori invecchiano
Questo immenso non sapere
Un mondo sbagliato
Il metodo scandinavo per vivere felici
Storia dell'eternità
Basta dirlo
Contro il sacrificio
Il corpo elettrico
Il grido di Giobbe