Saggistica Arte e Spettacolo Autodifesa di Caino
 

Autodifesa di Caino Autodifesa di Caino

Autodifesa di Caino

Saggistica

Editore

Casa editrice

«Perché sono un contastorie. In fondo non sono mai stato altro. Nella tradizione ebraica, e in parte anche in quella musulmana, esistono una miriade di controstorie che ci raccontano un Caino molto diverso da quello della Bibbia. Su queste abbiamo lavorato». Andrea Camilleri offre una versione di Caino lontana da quella consueta. È forse un Caino inventore della scelta, che va oltre il pentimento prendendo consapevolezza che «senza il male il bene non esisterebbe». Come il precedente "Conversazione su Tiresia" anche questo monologo avrebbe dovuto essere interpretato da Camilleri a teatro. L'appuntamento era per il 15 luglio 2019 alle Terme di Caracalla. Ma il grande scrittore è uscito di scena troppo presto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Autodifesa di Caino 2021-02-15 06:05:57 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    15 Febbraio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Maestro in scena

Un teatro gremito aspetta l'ingresso in scena dell'attore.  Sul palco, accomodato su una sedia trasportata da una pedana mobile, arriva Andrea Camilleri. Il grande maestro, rivolgendosi agli spettatori quasi fossero la giuria di un processo, si presenta come Caino, aspettando una reazione che non arriva. Ripete. Ancora niente. Specifica trattarsi del primo assassino della storia umana, meravigliandosi del fatto che, nei secoli scorsi, al solo pronunciare il suo nome la gente si lanciava in una sequela di insulti, improperi. Intanto, sullo schermo che fa da scenografia, partono immagini di soldati e civili giacenti a terra privi di vita. Eh già. La razza umana, ormai, agli assassini ci ha fatto il callo. Guerre, eccidi, stermini, massacri, genocidi, pulizie etniche, stragi, attentati, femminicidi. Allora Caino non può far altro che chiedere al pubblico se veramente crede che sia stata tutta colpa sua, che se lui non avesse ucciso suo fratello, gli esseri umani si sarebbero amati l'un l'altro e mai avrebbero versato il sangue dei loro simili. La risposta viene da sé. A questo punto Caino ammette di aver commesso un unico, vero errore: non essersi mai difeso, non aver mai esposto le proprie ragioni. Lo farà ora, a distanza di millenni, trasformando il teatro in un'aula di tribunale, prendendo gli spettatori per giudici, convertendo uno spettacolo in arringa difensiva. Parte quindi un breve ma intenso monologo, ricco di umanità, di ironia, di spunti di riflessione, di citazioni letterarie che spaziano da Giordano Bruno a Borges, passando per i premi Nobel  Dario Fo ed Elie Wiesel. "Di fronte alla sofferenza, di fronte alla solitudine, nessuno ha il diritto di nascondersi, di non vedere. Di fronte all’ingiustizia, nessuno deve voltarsi dall’altra parte. Chi soffre ha la precedenza su tutto. La sua sofferenza gli dà un diritto di priorità su di voi. Quando qualcuno piange – e questo qualcuno non siete voi – ha dei diritti su di voi, anche se il suo dolore gli è inflitto dal vostro Dio comune". Il Caino di Camilleri espone la sua versione dei fatti partendo dalla creazione, raccontando la cacciata dall'Eden, il fratricidio e le conseguenze del suo gesto, confutando le false ricostruzioni che ci portiamo dietro da secoli, fino ad arrivare alla piena espiazione del suo peccato. Redento, inizierà a gettare le basi della moderna società, che avrebbe dovuto reggersi sulle semplici regole del rispetto reciproco e dell'accoglienza. Peccato che poi, come sempre avviene quando c'è di mezzo l'uomo, qualcosa sia andato storto. "Devo confessarvi che non sempre dal bene nasce altro bene e che non sempre il male genera altro male". La dipartita del grande Maestro siciliano ha impedito a tutti noi di vederlo portare in scena questa breve ma intensissima opera incentrata sul dualismo tra bene e male, sull'importanza del libero arbitrio, sulla necessità di approfondire i fatti prima di giudicare. Ma per fortuna la sua cultura, la sua capacità di trasmettere emozioni, il suo stile di scrittura unico al mondo, resteranno per sempre a nostra disposizione. "Io dunque continuo a vivere in mezzo a voi. Forse perché ormai sono diventato solo un simbolo. Un simbolo necessario, perché senza il male il bene non esisterebbe. Dio lo aveva pensato prima di tutti noi, come era logico. Ho finito davvero. Non voglio che pronunciate il vostro verdetto ora. Riflettete su quanto vi ho raccontato questa sera e poi decidete da voi. Secondo coscienza. Vi auguro una buona notte".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Autodifesa di Caino 2020-01-18 12:04:06 Laura V.
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    18 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Caino, un “huomo da bene”

Pubblicato postumo un paio di mesi fa, “Autodifesa di Caino” è un appassionante monologo che il Maestro Andrea Camilleri ha lasciato ai suoi lettori dopo l’improvvisa dipartita dell’estate scorsa. Una piccola preziosa sorpresa che, a distanza di diversi mesi dall’uscita del precedente testo dedicato al personaggio di Tiresia, si contraddistingue anch’essa per l’originalità del soggetto trattato.
Non molti, infatti, darebbero tanto a cuor leggero la parola a Caino, il primo assassino della storia, sul quale pesa sempre come un macigno il racconto biblico che tutti abbiamo imparato a conoscere fin da bambini. Egli si presenta col garbo e l’abilità di un “contastorie”, riproponendo la vicenda che lo vide uccisore di Abele e insinuando riguardo a essa dubbi che non possono non indurre a riflettere meglio sulla questione.
Siamo certi che quello che passa tra i ruoli di vittima e carnefice sia un confine poi così netto? Chi potrà mai essere sicuro fino in fondo del fatto che Abele non abbia avuto a sua volta, e magari per primo, l’intenzione di uccidere suo fratello che, pertanto, potrebbe anche essersi ritrovato ad agire per paura e difesa? Non a caso, esiste una versione diversa da quella da sempre in auge, una variante che, affondando le proprie radici in antiche e misconosciute narrazioni legate per lo più alla tradizione ebraica, racconta una storia in cui il bene e il male finiscono per intrecciarsi e confondersi in maniera inevitabile; una storia secondo la quale Caino, condannato da Dio a vivere sulla terra per l’eternità, divenne addirittura fondatore di città, così come inventore di tecniche utili alla sopravvivenza umana e persino della musica. La consapevolezza “[…] che non sempre dal bene nasce altro bene e che non sempre il male genera altro male” è ben viva in lui che, “huomo da bene” come lo definì Giordano Bruno, continua a vivere in mezzo a noi in quanto simbolo, ma “[…]simbolo necessario, perché senza il male il bene non esisterebbe.”
“Autodifesa di Caino” (Sellerio editore Palermo, 2019) è un libriccino che parla di bene e male, di libero arbitrio, di pentimento, della nefandezza della tortura. Una breve lettura, ma di profonda intensità e ricca di quella sensibilità propria dello straordinario autore che è stato Andrea Camilleri.

“Ho finito davvero. Non voglio che pronunciate il vostro verdetto ora. Riflettete su quanto vi ho raccontato […] e poi decidete da voi. Secondo coscienza.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre sorelle
Surrender
La donna vendicativa
Gli spettri
Mozart. Il teatro dal mondo
Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca