Saggistica Fumetti Asterix e i Pitti
 

Asterix e i Pitti Asterix e i Pitti

Asterix e i Pitti

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Asterix e i Pitti, opera di René Goscinny e Albert Uderzo edita da Mondadori. Nel 50 avanti Cristo tutta la Gallia è occupata dai Romani...Tutta? No! Un villaggio dell'Armorica, abitato da irriducibili Galli, resiste ancora e sempre all'invasore.» Questo è liincipit di tutte le storie di Asterix, ma per la prima volta, al trentacinquesimo albo, le avventure nasceranno dalla creatività di due nuovi autori, sotto la supervisione di Albert Uderzo: Didier Conrad per i disegni e Jean-Yves Ferri per i testi. "Disegnare Asterix è per me un'avventura straordinaria, è un sogno coltivato da tanto tempo che ora si realizza inaspettatamente" ha dichiarato Conrad. Un cambiamento epocale che renderà Asterix e i Pitti, ambientato nelle brume scozzesi, un albo imperdibile per tutti gli appassionati.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Sceneggiatura 
 
4.0  (1)
Disegno 
 
3.0  (1)
Originalità 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Sceneggiatura*
Disegno*
Originalità*
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Asterix e i Pitti 2013-12-05 10:28:50 catcarlo
Voto medio 
 
3.3
Sceneggiatura 
 
4.0
Disegno 
 
3.0
Originalità 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    05 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

aSTERIX E I pITTI

Con questo trentacinquesimo volume della serie, Asterix cambia di mano e viene voglia di dire che era ora: gli ultimi volumi firmati dal solo Uderzo erano obbiettivamente debolini dal punto di vista della scrittura, come quei musicisti una volta importanti che si ostinano a sfornare dischi che sono solo una pallida copia della passata grandezza quando invece sarebbe meglio scrivere la parola fine. I due nuovi autori, entrambi già passata la cinquantina, affrontano la materia con un approccio che più classico non si può, ma la presenza di un vero sceneggiatore dà vita a una vicenda maggiormente strutturata su cui il disegnatore segue le tracce dell’originale sia nel tratto pulito, sia nel gusto di alcuni particolari: del resto, Uderzo ha supervisionato il progetto, disegnando anche l’Obelix di copertina. Quando i nostri eroi riescono a far parlare un guerriero ibernato finito sulle coste dell’Armorica, i due Galli decidono di accompagnarlo nella natia Scozia a prendersi una rivincita contro il capo del clan rivale: quest’ultimo si è alleato con i romani e così ci scappa pure la consueta dose di sganassoni. Ferri inserisce parecchi spunti nella narrazione, con il risultato che qualcuno si perde per strada (il cattivo è poco sfruttato, gli effetti del whisky non mantengono le promesse): niente di troppo grave, però, perché le altre trovate funzionano, come Mac Karon che, ritrovando la voce, invece di parlare canta (del resto, per uno che abita sul Loch Andloll…),lo sdilinquirsi delle donne del villaggio per il nuovo arrivato, l’intermezzo comico dell’agente del censimento oppure il simpatico Afnor, progenitore giocherellone del mostro di Loch Ness. Come già accennato, Didier non si discosta dal percorso tracciato da Uderzo, così che per un lettore non maniacale potrebbe essere difficile distinguere questo volume da quelli della serie principale: un mimetismo forse inevitabile in questa prima esperienza, anche se la speranza è che la nuova coppia, se continuerà a lavorare alla serie, sappia apportare qualche elemento di novità che riesca a caratterizzare il ‘loro’ Asterix - e se i puristi si lamenteranno, pazienza, avere un altro ‘Asterix e Cleopatra’ (qui peraltro omaggiato nel ‘nevone’ iniziale) non è possibile. Ciò non toglie che la lettura di questo volume sia assai piacevole e pure moderatamente appassionante: fa sempre piacere ritrovare dei vecchi amici, specie se paiono sulla via per ritrovare la forma migliore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il contastorie
Il cuore di Lombroso
Le torri di Bois Maury
Il naso di Lombroso
La ricerca dell'uccello del tempo
Nella mente di Sherlock Holmes
Le voci dell'acqua
Le ragazze del Pillar
Mercedes
Anya e il suo fantasma
Il porto proibito
Nonostante tutto
Due figlie e altri animali feroci
Sono ancora vivo
Cinzia
La guerra di Catherine