Saggistica Fumetti La generazione
 

La generazione La generazione

La generazione

Saggistica

Editore

Casa editrice

Matteo torna al paese dopo tre anni passati a Milano. Si aspetta diffidenza e ostilità, ma forse quello più ostile e diffidente, anche con se stesso, è proprio lui. A volte partire per capire chi siamo non basta. Bisogna anche tornare a casa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Sceneggiatura 
 
3.5  (2)
Disegno 
 
2.5  (2)
Originalità 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Sceneggiatura*
Disegno*
Originalità*
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La generazione 2023-08-19 08:13:31 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Sceneggiatura 
 
3.0
Disegno 
 
1.0
Originalità 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    19 Agosto, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Turista nella sua vecchia vita

Un giovane ragazzo ritorna nel suo paese di origine, in Toscana, perché la sua storia d’amore a Milano, per via della quale era fuggito dalla sua famiglia, è naufragata. Si ritrova turista nella sua vecchia vita e, dopo un iniziale periodo di spaesamento, ozio ed insoddisfazione, complice la convivenza con tre anziane zie matrone abbastanza insopportabili, si ritrova comunque coinvolto nella vita familiare e spinto a farne parte, per meritarsi vitto e alloggio. Si rende disponibile ed ha modo di conoscere dinamiche della sua famiglia di cui era all’oscuro, ha modo di ricordare la sua terra, i motivi per cui se ne era andato, leggendosi dentro e cercando di riconciliarsi, con il padre, ma soprattutto con se stesso. Ne deriva, in discesa, lo sviluppo di tutta la parte positiva del fumetto, che sa di riscatto e di calore. Per una storia d’amore ricucita, per un’autorealizzazione scoperta, per il calore di una famiglia ritrovata. Calore che è capace di proteggere dalle parole del mondo. Peccato per il disegno, che ho trovato spigoloso, e freddo, soprattutto nella raffigurazione dei volti.

Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La generazione 2017-06-24 16:37:07 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Sceneggiatura 
 
4.0
Disegno 
 
4.0
Originalità 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Giugno, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le generazioni di ieri e di oggi

Tante erano le speranze che accompagnavano Matteo quando decise di lasciare il paese natio. Una fuga la sua, giustificata dalla volontà di intraprendere un nuovo percorso universitario ma celante, in realtà, il desiderio di coltivare un amore proibito e mal visto nella piccola cittadina in cui la sua vita aveva avuto origine e scorrimento.
Costretto a tornare a casa dopo anni di assenza, il giovane si trova davanti ad una cittadina completamente mutata. La sua famiglia, in primis, non è più quella che conosceva. Inizia così il percorso di crescita del ragazzo, un percorso atto a rimettere in gioco tutte le sue certezze, nonché a riscoprirsi e a trovare il coraggio delle proprie ragioni.
“La generazione” di Flavia Biondi è un graphic novel capace, in pochissime e rapidissime pagine, di inquadrare con grande maestria quella che è la società attuale. Con tratti minimali ed al contempo articolati e con l’ausilio di una storia ben costruita e sviluppata, l’autrice cattura chi legge in modo totalitario. Lo sguardo del conoscitore è vigile in ogni frangente, in ogni battuta. L’elaborato è privo di sbavature e funziona proprio grazie alla semplicità. Il protagonista, in particolare, è un giovane alla ricerca di sé e di quel che vuole dalla vita; un percorso di maturazione arduo, il suo, che non mancherà di giungere al suo compimento.
Ottima e soddisfacente anche la riflessione insita e dedita a quelle che sono le generazioni, di ieri e di oggi. Ciascuna con il suo “pretendere”, ciascuna con il suo “avere”, esse saranno dipanate con occhio critico e acuto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il contastorie
Il cuore di Lombroso
Le torri di Bois Maury
Il naso di Lombroso
La ricerca dell'uccello del tempo
Nella mente di Sherlock Holmes
Le voci dell'acqua
Le ragazze del Pillar
Mercedes
Anya e il suo fantasma
Il porto proibito
Nonostante tutto
Due figlie e altri animali feroci
Sono ancora vivo
Cinzia
La guerra di Catherine

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232