Saggistica Scienze umane Il bisogno di pensare
 

Il bisogno di pensare Il bisogno di pensare

Il bisogno di pensare

Saggistica

Editore

Casa editrice

«Perché vivete? Quale scopo date al vostro essere qui? Cosa volete da voi stessi?» In questo nuovo libro Vito Mancuso ingaggia un dialogo serrato con i suoi lettori per risalire alle sorgenti di un bisogno primordiale dell’uomo, di una speciale capacità che ci caratterizza in modo peculiare distinguendoci da tutti gli altri esseri viventi: il nostro bisogno di pensare. È a partire da questa urgenza interiore, strettamente legata al desiderio e al sogno di una vita diversa e migliore, che Vito Mancuso ci sprona a tornare a «pensare con il cuore», senza barriere, preconcetti o tabù, e senza altro dogma che la ricerca costante del Bene. Così, nel movimento ora logico ora caotico delle nostre esistenze, questo libro diventa una guida capace di orientarci in quei momenti in cui siamo chiamati a scegliere se resistere strenuamente oppure arrenderci al flusso della vita. E, nei tempi sempre più indecifrabili che ci troviamo ad affrontare, ci invita a prestare attenzione al valore infinito di ogni istante, per raggiungere quella desiderata pace interiore, quell’equilibrio tanto atteso di chi ha finalmente trovato un senso al suo essere al mondo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il bisogno di pensare 2018-01-04 13:10:40 Riccardo76
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    04 Gennaio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il pensiero, la sua importanza

Gli chiesi perché pensasse che i bianchi fossero tutti pazzi. “Dicono di pensare con la testa”, rispose. “Ma certamente. Tu con che cosa pensi?” Gli chiedo sorpreso.
“Noi pensiamo qui”, disse, indicando il cuore.
Colloquio tra Carl Gusav Jung e il capo indiano Lago di montagna.

E forse questa semplice citazione è il senso di questo intenso e non semplice saggio di Vito Mancuso, filosofo e teologo che ci esorta a ritrovare una più profonda vena spirituale, non importa sia essa cristiana, buddista, zen o di qual si voglia natura. Non basta la testa per pensare, non sono sufficienti i libri e il sapere per essere saggi, è necessario coinvolgere cuore e corpo affinché il pensiero sia saggio e non saccente.
L’autore fornisce diverse spiegazioni etimologiche a rafforzare la tesi che vuole portare avanti ad esempio:
Intelligenza è un termine che deriva dal verbo latino intelligo, intelligere, composto dalla preposizione inter, che significa ‘tra’ e dal verbo lego, legere, che significa anche: cogliere, raccogliere, questo porta a dire che l’intelligenza è cogliere l’essenziale, notoriamente ‘Invisibile agli occhi’.
Mancuso argomenta ulteriormente il suo discorso citando filosofi e scienziati, citando alcune loro teorie o semplicemente piccoli passi delle loro immortali opere.
Pensare è fondamentale per la nostra esistenza, per la nostra vita e per i nostri rapporti, è fondamentale perché dona un senso ai nostri giorni. Il pensiero però non vuole essere semplicemente un atto mentale, ma soprattutto emotivo, un gesto profondo della nostra anima che può e deve passare anche dal silenzio. Mettere a tacere il turbinio della nostra mente per essere pronti e preparati alla contemplazione, atto capace di portarci alla estasi e alla mistica, forme di coscienza che vanno oltre il pensiero, per raggiungere un nuovo e diverso sentire, estasi, “stare fuori”, un’esperienza che arriva inaspettata dalla realtà e non dipendente dalla semplice azione mentale, questo almeno è quello che Mancuso, parafrasandolo, vuole insegnarci.

“Il fatto che l’uomo, non soltanto pensi, ma possa anche dire a sé stesso ‘Io penso’, fa di lui una persona.” Immanuel Kant.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri