Narrativa italiana Avventura I prati dopo di noi
 

I prati dopo di noi I prati dopo di noi

I prati dopo di noi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Mentre le pianure arroventate sono in fiamme, la montagna rappresenta l’ultimo, precario, rifugio. E in un monastero alle pendici dei monti vive Bruno, un ragazzo gigantesco, “magro e alto come un ontano verde”, che si sente particolarmente legato agli animali minuti, insetti soprattutto: “Mio papà diceva,” racconta a chi gliene chiede il motivo, “che i più grandi devono prendersi cura dei più piccoli”. La sua mansuetudine, lo sguardo fantasioso e candido fanno sì che a molti sembri uno sciocco, eppure sono proprio quelle doti a renderlo capace di comprendere cose che ai più non è dato vedere né sentire. Nell’abbazia gli viene così affidata la cura degli apiari, fondamentali per il pregiato miele, la propoli, l’idromele, gli unguenti e la cera delle candele. Ma le api sono preziose anche perché è grazie a loro che la natura può rigenerarsi, e Bruno ne diventa fedele custode. Sulle Alpi vive anche il vecchio Johannes. Convinto che il pianeta stia per soccombere a causa dell’avanzata dei nuovi barbari, parte per l’Ortles, la montagna sacra che la leggenda vuole abbia un tempo ospitato in perfetta armonia uomini, animali e piante. Nel cammino verso il sacro monte, Johannes e Bruno sono destinati a incontrarsi fra loro e con Leni, una vivace bambina sordomuta rimasta sola al mondo. Una storia simbolica sul destino dell’umanità, nutrita dell’amore per l’ambiente, popolata da personaggi vivissimi e raccontata da Matteo Righetto con il suo talento eccezionale nella rappresentazione della natura e dell’avventura.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I prati dopo di noi 2021-03-24 14:36:48 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Presente, passato e futuro

«Hai fame? Gli chiese.
Anche sete, padre. Anche tanta sete.»

Tre sono le voci portanti di “I prati dopo di noi”, ultima fatica di Matto Righetto, opera incentrata sull’importanza della natura e degli animali in un mondo ove la preservazione dei luoghi che ci circondano sembra essere sempre più fallace. Conosciamo così Bruno, il gigante dal cuore buono e la mente fantasiosa, Johannes, l’anziano che ama il silenzio e si dedica anima e corpo al lavoro, e Marlene, detta Leni, la bambina muta e sola al mondo che sopravvive come meglio può.
E se Bruno guarda al mondo con incanto e per molti è un tipo strano per questa sua capacità di estraniarsi amando le api e la natura, Johannes appartiene a una diversa generazione, è più anziano, e ha perso tutto quello che aveva. Il suo è un passato difficile e doloroso, un trascorso che se mixato a quel mondo che lo circonda che sempre più sta morendo sotto agli occhi inerti – e per causa – degli umani, lo porta a mettersi in marcia con il suo carretto e quella strana bara.

«Per la prima volta si rese conto di essere rimasto lì da solo, in un luogo che non conosceva e da cui non sapeva cosa aspettarsi. Si sentì piccolo, addolorato e vulnerabile. Una manciata di colombacci solcò il cielo e lui li osservò volare via fino a oltrepassare le alte mura di cinta dell’abbazia e scomparire. Li invidiò ma non riuscì ad aprire bocca, né a ribellarsi, tanto meno a esprimere il proprio stato d’animo, poiché non lo aveva mai fatto.»

Con grande acume e intelligenza, le vite dei tre personaggi si intrecciano tra loro ricostruendo il volto di una società a noi contemporanea e vicina che suscita in noi tante domande. L’opera, scritta con un linguaggio fluido e magnetico, ha questo grande pregio e cioè quello di riuscire a solleticare le coscienze con semplicità e genuinità. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri