Narrativa italiana Avventura La coda del diavolo
 

La coda del diavolo La coda del diavolo

La coda del diavolo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


È una rara notte di temporali, in Sardegna, quando arriva il mostro. La ragazza era riuscita a fuggire, ma lui, il suo rapitore e aguzzino, l’ha inseguita e l’ha uccisa, incurante del fatto che a pochi metri di distanza ci fosse una pattuglia dei carabinieri. Subito arrestato, il mostro viene portato in carcere. Lì, ad attenderlo, c’è un mondo chiuso fra mura spesse e sbarre di ferro alle finestre. Lì, soprattutto, c’è Sante. E l’arrivo di quell’assassino è forse la sua occasione di redimersi. Sante ha un segreto da nascondere, una colpa da espiare, un passato da cui scappare. Eppure, Sante è in prigione per sua stessa volontà. Perché non è un carcerato, ma una guardia, e la sua è una condanna autoinflitta. Ma quella notte tutto cambia. Il mostro è ricco e protetto, ha agganci altolocati. Se la caverà, dice a Sante l’avvocato della madre della vittima. L’assassino ne uscirà, a meno che Sante non intervenga. E lo uccida. L’avvocato promette a Sante un alibi, una copertura, una via d’uscita e soprattutto tanti soldi. Uccidere è la cosa giusta? si chiede Sante. Può un peccato cancellarne un altro? Ma il giorno dopo, nulla di tutto ciò ha più importanza. Sante è un uomo costretto alla fuga e in cerca della verità. Una verità che emerge poco a poco in un quadro sempre più sconvolgente… Nel cuore di una Sardegna più che mai misteriosa e aspra, l’avventura di Sante non è soltanto una corsa contro il tempo ma è anche la storia di un uomo solo davanti a grandi interrogativi. Sarà dunque impossibile per il lettore non sentirsi un po’ come Sante e chiedersi: io, al suo posto, cosa avrei fatto?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La coda del diavolo 2018-09-10 08:20:36 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sante Maros nessuna dignità nessuna regola

Maurizio Maggi ne La coda del diavolo scrive una storia, ambientata in:
“Una terra che nasconde segreti inconfessabili. Un protagonista a caccia di verità e giustizia. Un nuovo eroe, implacabile e ribelle.”.
La terra di cui parliamo è la terra di Sardegna, aspra, brulla, sterile e precisamente siamo in un carcere e in una colonia penale agricola: un luogo che colpisce nella sua drammaticità e nella sua intima solitudine:
“Verso il nord , oltre le sughere si intravedevano le chiome dei lecci, che crescono alle quote più alte. Verso est, costruzioni abortite in blocchetti di cemento e flosce recinzioni in rete plastica da cantiere segnalavano la vicinanza della zona urbana. Ogni volta che uscivo dalla mia tana, dove l’incuria dello stato aveva creato una sorta di area protetta e senza tempo, avvertivo l’ostilità del mondo. M’ero sentito al sicuro rintanato lì, negli ultimi cinque anni, ma quello che m’ero illuso di chiudere fuori dalla porta ora tornava a bussare.”
In questi luoghi arriva il mostro, colui che davanti a una pattuglia di carabinieri non esita ad uccidere a sangue freddo la sua vittima, che ha commesso il grave peccato di aver tentato di fuggire da un luogo di prigionia e di violenza. Lui, il mostro, la solleva per un orecchio come se fosse un coniglio e le spara alle tempie con una pistola ammazza buoi. La stessa vittima era in precedenza stata marchiata a fuoco con uno strano simbolo: la coda del diavolo. Il carnefice una volta catturato e portato in prigione fa la conoscenza di Sante, un poliziotto con un grande segreto e una colpa da espiare. Un ex legionario, un uomo solo in preda all’angoscia più profonda, è:
“un poliziotto, un uomo della legge. Prende sul serio il suo ruolo, si allena ogni giorno, mantiene una condizione fisica invidiabile. Sembra un soldato. Dicono che sia stato nella Legione Straniera.
(…) Ed è un solitario, le piace la natura. Nessuno vivrebbe in una ex colonia penale agricola, altrimenti.”
Un uomo che scrive diari, diari con dipinti di fiori e di piante, e diari con statistiche. Al limite della follia e del disturbo mentale. Un uomo che ha chiuso con il mondo. Un uomo siffatto diventa preda facile di un gioco allucinante più grande di lui, dove non vi sono regole né rispetto per gli esseri umani. Non vi è dignità alcuna e la vita umana non ha alcun prezzo. Non vale nulla.
Il libro narra un’avventura ai confini. Ai confini brutali, abietti cui l’essere umano può giungere. Un uomo solo contro tutti, contro un colosso inespugnabile. La prosa è veloce, scorre e non si ferma mai. La vita in carcere, le sue regole inflessibili e ferree, i suoi meccanismi sono descritti con perizia e cognizione di causa. L’ambientazione è resa perfetta all’interno di una narrazione che non concede spazio ai sentimentalismi. Crea nel lettore un crescendo di tensione che si scioglie soltanto in un finale imprevedibile ed avvincente. Una lettura adrenalinica!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama le avventure di Lee Child.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Utenti
 
1.8 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri