Castigo Castigo

Castigo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La storia è ambientata tra Napoli e Firenze, protagonista la famiglia Dias, o meglio, il marito Cesare Dias, duro, snob, freddo e distaccato e la moglie Anna, giovane, bella, tanto innamorata e triste. che soffre perché il marito ride e si prende gioco del suo amore e del suo soffrire. Anna si suicida, dopo aver scoperto il marito con la giovane sorella di lei, Laura. Anzi dopo aver chiesto loro pietà del proprio amore e non avendone ricevuto. La pietà che non ha avuto in vita la riceve ora da morta, dal marito che non riesce a dimenticare e perdonare se stesso e la propria amante che continua a seguirlo. Laura costringe Cesare a sposarla, ma è un matrimonio buio e privo di gioia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Castigo 2013-12-05 18:32:52 silvia71
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    05 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Castigo

Se con opere come “Il ventre di Napoli” e “Il paese di cuccagna, la Serao si apprestava a scrivere pagine indelebili per raccontare presente e passato, cultura e tradizioni, della terra partenopea, con il romanzo “Castigo”, l'autrice percorre il solco tracciato dalle correnti romantiche di fine Ottocento, regalandoci tuttavia una narrazione dall'impronta personalissima.

La lettura di questo romanzo è affascinante, rendendo grande la mano di un'autrice che non necessità di una trama ricca e complicata per coinvolgere il pubblico, servendosi solamente di una maestria stilistica illuminante.
L'input narrativo sgorga da passioni tormentate, amori folli, sentimenti calpestati, rappresentando tempi in cui tradimenti ed onte si vendicavano con il duello.
Un tempo assai lontano per noi, lettori di oggi che ci avviciniamo a simili immagini con un accenno di sorriso sulle labbra e con un pizzico di freddo nelle ossa; eppure questo è lo spaccato socio-culturale dell'epoca.
L'amore, l'onore, il peccato, la morte si rincorrono senza tregua per l'intero excursus narrativo, sfociando in una rappresentazione a tinte fosche e forti, dell'intricata selva dei sentimenti umani.
I protagonisti gridano la loro sofferenza sia con le parole sia con i silenzi, colti nelle riflessioni più intime e nel rapportarsi con il prossimo secondo quanto dettato dai costumi e dalle convenienze.

Grazie alla capacità espositiva e linguistica della Serao, “Castigo” esce dai binari del romanzo cavalleresco e amoroso, per assurgere ad opera dotata di una profondità psicologica sull'uomo e inframmezzata da ridenti cammei che fotografano con minuzia le città di Firenze e Napoli.
Il solo tema passionale calza come un vestito troppo stretto per l'esuberante penna, tanto che in alcuni punti la narrazione sembra esplodere in un tripudio di immagini, suoni, colori, che spezzano il filo doloroso del racconto per innestare visioni stupende delle succitate città; paesaggi, monumenti, giardini, vicoli, strade, profumi, usi, tradizioni.
La mano di Matilde non ama il dialogo, ma eccelle nell'approfondimento sia esso ambientale, culturale, psicologico, inanellando pagine ricche e vivide.
Questa caratteristica peculiare ha senza dubbio contribuito a donare ai suoi scritti un valore letterario e documentale nel tempo, scattando immagini in bianco e nero del nostro passato e dei nostri luoghi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri