Narrativa italiana Classici Eleonora d'Arborea
 

Eleonora d'Arborea Eleonora d'Arborea

Eleonora d'Arborea

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Testo teatrale in quattro atti – pubblicato per la prima volta nel 1864 – sull’ultima sovrana indigena della Sardegna: Eleonora d’Arborea; giudicessa- regina ma soprattutto donna sarda per eccellenza: madre e guerriera, moglie e sovrana, fragile ed eroica insieme resa immortale dalla promulgazione del suo codice di leggi: La Carta de Logu. Un testo coinvolgente nel cui dramma emerge l’intelligenza narrativa di Dessì che pone il lettore di fronte alla Storia, questa misteriosa entità, e gli consente di attraversarla a cavallo tra correnti collettive e loro motivazioni profonde.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Eleonora d'Arborea 2020-09-21 05:54:19 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    21 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In nome del popolo

Edito da Mondadori per la prima volta nel 1964 , questo racconto drammatico in quattro atti con protagonista un’icona della storia sarda medievale, evidenzia l’interesse precipuo del suo autore per la storia della Sardegna e in particolare per la sua indipendenza, interesse che ha attraversato in toto la sua produzione. La figura di Eleonora D’Arborea permette infatti a Dessì di celebrare un tempo in cui la Sardegna era forte, indipendente, interlocutore privilegiato in ambito internazionale per la sua posizione strategica nella cosiddetta “rotta delle isole”; un tempo in cui lo statuto dei giudicati permetteva altresì alla terra sarda di svincolarsi da legami servili di tipo feudale e di farsi, nella storia particolare di uno dei suoi giudicati, quello di Arborea, promotore di un illuminato codice di leggi, la Carta De Logu, nel quale il bene è quello comune, a vantaggio dei governanti e dei governati, percepiti con lo stesso diritto votato al benessere collettivo, equo, giusto.
Eleonora entra in scena in un momento drammatico della sua vita, uno dei tanti, suo fratello Ugone III è stato appena ucciso e la notizia la raggiunge tramite dei messi fidati, i notabili di Oristano, nel castello di Monteleone Rocca Doria, mentre suo marito Branca Doria si trova a Genova; attorno a lei solo uomini, il genovese Del Barbo, amico del marito, che vorrebbe metterla al riparo alla volta di Genova, i notabili oristanesi che vorrebbero invece il suo aiuto mentre lei, schiva, dice di sé di essere soltanto una “povera donna”. Quando però viene a sapere che è il suo popolo a chiamarla, il cambiamento è repentino, subito mette in chiaro che in assenza del marito comanda lei e decide di recarsi a Oristano a onorare la fiducia del suo popolo. Da quel momento la donna subisce una chiara evoluzione in termini di indipendenza mentale, culturale e psicologica da qualsiasi evento, da qualsivoglia persona. Nella seconda scena del secondo atto è già in conflitto con il marito il quale basito le dice : “Io non posso credere che tu sei una donna diversa da quella che ho lasciato a Monteleone quando sono partito …”. Eleonora, dopo avergli fornito un quadro sintetico della sua scomoda posizione di moglie di un possibile nemico sempre in combutta con gli aragonesi, chiede a Brancaleone di schierarsi apertamente per la causa sarda. Sì, perché ora è in gioco l’autonomia di un intero territorio contro l’unico nemico che nulla può contro chi ha l’investitura del popolo. Le successive vicende ricalcano gli eventi storici documentati: l’ambasceria di Branca Doria, la sua lunga prigionia decretata dagli aragonesi, la proposta di baratto per la sua libertà con quella del figlio, il rifiuto materno, la guerra, una pace firmata quando la si stava vincendo e poi il declino. Si sa che al rientro di Brancaleone, Eleonora, che governava in nome del figlio Federico, preferì dedicarsi completamente alla revisione del codice voluto dal padre Mariano e che la peste la portò via, Dessì la immagina dedita alla cura degli appestatati, consapevole e sola, come tutta la vita, del peso del suo destino.

Mirabile ritratto di una donna che trascende la storia e sconfina, come esempio, nella più stretta attualità.

Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri