Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone
 

Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone

Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Per le alte sfere della polizia sono degli indesiderabili. Sono i Bastardi di Pizzofalcone. Recandosi al lavoro l'agente Guida trova vicino a un cassonetto una neonata che piange e la porta in commissariato. Passa qualche ora e arriva una segnalazione: da due giorni il parroco di Santa Maria degli Angeli non riesce a contattare una ragazza che assiste, giovane e incinta. Il cadavere della donna viene trovato nella sua fatiscente abitazione. Gli esami confermano che ha partorito, ma da ventiquattr'ore, mentre la bambina è stata abbandonata da molto meno. Chi ha ucciso la donna, un'immigrata di vent'anni? E chi ha messo la bambina vicino all'immondizia? Romano e Di Nardo dovranno scavare nei diciotto mesi di permanenza della giovane in città. Nel frattempo Lojacono e Aragona cercheranno di capire chi è che rapisce i cani e i gatti dei ricchi del quartiere, e perché.

Recensione della Redazione QLibri

 
Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone 2015-12-15 19:40:15 Fr@
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    15 Dicembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rimanere "cuccioli" dentro aiuta

Siamo stati tutti i “cuccioli” di qualcuno: amati, coccolati, di certo non gettati come immondizia accanto a un cassonetto. Eppure è questo il destino che tocca a un cucciolo indifeso, una neonata, abbandonata come se fosse spazzatura. E’ proprio l’abbandono di questo cucciolo il punto di partenza del nuovo romanzo di Maurizio De Giovanni.

“Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone” è il quarto libro della serie che ha come protagonista la squadra poliziesca guidata dal commissario Palma.
Due sono le indagini che vengono condotte dalla squadra: quella ufficiale, per capire chi ha abbandonato la bambina, e una parallela, condotta in segreto, per capire chi è la causa della scomparsa dei tanti cuccioli randagi che popolano le vie partenopee.

Tuttavia, le indagini sono quasi lo sfondo, lo scenario, su cui prende vita la vera storia del romanzo: l’autore, con grande sensibilità, approfondisce i sentimenti, i pensieri, dei suoi protagonisti.
Il giallo in sé non tiene con il fiato sospeso il lettore ma non si può interrompere la lettura perché si vogliono seguire le tormentate storie dei Bastardi.
I sette protagonisti sono costretti ad affrontare dolori e problemi sia durante il lavoro (nel tentativo di essere accettati dagli abitanti del quartiere e di dare nuovamente lustro a un commissariato caduto in disgrazia) sia nella vita privata, da chi non riesce a dimenticare la moglie a chi non riesce a confessare il proprio amore.

Non vorrei sbilanciarmi troppo ma il romanzo, più che un giallo, è una vera indagine psicologica.
De Giovanni, con sensibilità, studia e sviluppa i caratteri dei propri personaggi: non solo dei Bastardi ma di tutti quelli che compaiono in scena, dal delinquente al bambino.
Con sensibilità mostra come il mondo non sia “o bianco o nero”: i buoni possono nascondere e trattenere impulsi di cattiveria, possono peccare di arroganza, mentre i cattivi sono anche capaci di esprimere dolcezza.

“Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone” è un romanzo corale: il quartiere è quasi un mondo a sé dove tutti sono a conoscenza di quello che succede agli altri, anche prima della stessa polizia.
Napoli, con le sue vie, le sue piazze, i suoi quartieri, è protagonista indiscussa: De Giovanni la descrive con tenerezza, rivelando tutto il suo amore per la città.
Infatti Napoli non solo è protagonista nei libri della serie dei Bastardi ma è anche protagonista di un’altra serie di De Giovanni, quella del commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta.

Nonostante non abbia letto i primi romanzi della serie non ho avuto alcun problema nella lettura del romanzo. Molte pagine sono quasi usate come un riassunto delle storie dei protagonisti, delle vicende che molto probabilmente sono state presentate nei precedenti romanzi.
Forse l’autore ha cercato di dare non solo ai suoi fedeli lettori ma anche ai “neofiti” la possibilità di apprezzare appieno le indagini dei Bastardi.
Per quanto mi riguarda, è riuscito nella sua impresa.
Ho divorato il libro, leggerò i primi romanzi della serie e non mi perderò le prossime indagini dei Bastardi.
Sicuramente è una serie che gli amanti del giallo italiano non possono non leggere, anche solo per lo stile dell’autore, stile che ho amato dalle prime pagine.
Quindi, che dire se non “Buona lettura”? :)

“Pizzofalcone, poi, era tutto una storia, anzi mille storie. La tradizione voleva addirittura che l’intera città venisse da lì, che fosse un luogo fondativo. Una collinetta che era il tumulo di una sirena e che a cerchi concentrici si era espansa verso il vulcano e le alture vicine come una macchia d’olio.
Il quartiere replicava in piccolo tutte le anime della metropoli: il ventre molle e verminoso del dedalo inestricabile dei vicoli, con le sue attività oscure e illecite; il senso antico della famiglia, l’acre sapore della rivalità; la via commerciale dei negozi, sempre meno, e della borghesia impiegatizia messa in ginocchio dalla crisi; la bella piazza finanziaria, dove il denaro regnava incontrastato e i traffici loschi e i delitti venivano perfezionati con una firma in calce a un contratto; il ricco e trionfale lungomare, abitato da un’esangue aristocrazia con tripli cognomi che, al riparo delle finestre chiuse, consumava i propri giorni osservando annoiata lo scorrere di una vita fasulla.
Sì, Pizzofalcone era la metafora perfetta della città, pensava Pisanelli. E lui e i suoi colleghi stavano a valle di questi fiumi di sentimenti e di dolori per raccoglierne i frutti marci”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato in particolare a chi ha già letto le altre imprese dei Bastardi di Pizzofalcone.
Tuttavia, anche chi non l'avesse lette, può avvicinarsi al romanzo senza alcun problema.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone 2017-07-23 10:00:13 Pupottina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    23 Luglio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cuccioli da salvare

"La domenica sera è diversa da tutte le altre."
CUCCIOLI è un poliziesco interessante, avvincente e divertente. Tanti sono i personaggi a cui l'autore, Maurizio De Giovanni, affida l'intricata indagine di scoprire chi ha abbandonato una neonata. Il dipanarsi dell'indagine fa emergere il lato più umano e dolce nei membri della squadra soprannominata Bastardi di Pizzofalcone. Come in ogni romanzo, al caso principale da risolvere se ne affianca un altro che, questa volta, ha un qualcosa in comune: bisogna dare giustizia a creature fragili ed indifese.
È un caso che appare inizialmente impossibile, ma, un indizio dopo l'altro, la realtà incomincia a prendere forma e tutti i tasselli del puzzle trovano la loro esatta collocazione. A dare il loro contributo all'indagine sono tutti i membri della squadra dei Bastardi di Pizzofalcone, dediti al lavoro, nonostante le loro vicissitudini personali e familiari.
A rendere CUCCIOLI un'esperienza letteraria unica è la voce di Peppe Servillo, la quale con il suo ritmo e le sue intonazioni, mette in risalto lo sviluppo dell'indagine, rilassando e tenendo desta, al tempo stesso, l'attenzione dell'ascoltatore. Ottimo audiolibro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gelo
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone 2016-02-23 21:22:45 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    23 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutti disancorati, tutti alla deriva

I “Cuccioli” di Maurizio De Giovanni sono una neonata abbandonata (“Un cucciolo randagio trovato tra la spazzatura in una città ribollente di odio e di violenza”), sono i bastardini di piccola taglia che misteriosamente scompaiono, sono le persone indifese che si suicidano (“In un certo qual senso quei randagi gli ricordavano i solitari, depressi anziani vittime dell’abbandono che da un po’ di tempo, nella zona, finivano male: per mano propria o altrui”) e che insospettiscono Giorgio Pisanelli detto “il presidente”.

Si occupano di queste trame i bastardi di Pizzofalcone, l’unità operativa che spera di sopravvivere dopo lo scandalo che ha travolto il commissariato.
I “bastardi” sono persone che hanno un conto aperto con la vita e che vengono efficacemente delineate (“Un pazzo violento che metteva le mani al collo dei sospettati; una mezza spostata fissata con le armi… un siciliano che forse passava informazioni alla mafia… una povera donna con un figlio minorato e un vecchio con l’ossessione dei suicidi”) da uno di loro, Marco Aragona, uno spaccone (“Si diceva che fosse un raccomandato…”) che tuttavia risulta simpatico e che non è insensibile – a modo suo – ai richiami del sentimento.

Francesco Romano (detto Hulk) ritrova la neonata abbandonata e, forse anche a causa di un incompiuto senso della paternità, si lega alla piccola che combatte in ospedale per sopravvivere (“Io sospetto una sepsi precoce da streptococco”), la veglia, la protegge con la forza dello spirito. Intanto i “bastardi” seguono tutte le tracce (“Alla fine della confessione, mi ha chiesto se rinunciando a suo figlio una madre andava all’inferno”) e non demordono.

Le vicende poliziesche dei sei personaggi principali s’intrecciano ai loro trascorsi personali e famigliari, ai loro amori e affetti presenti, secondo la logica della ricorrenza sceneggiata e fidelizzante, anche in vista della serie che dai romanzi verrà tratta per il piccolo schermo.

Giudizio finale: cantilenante, moderatamente animalista, televisivo.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone 2016-02-06 18:52:47 Lonely
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lonely Opinione inserita da Lonely    06 Febbraio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si può dare di più

Devo dire che tra tutti i gialli che ho letto di Maurizio de Giovanni (e li ho letti tutti) questo forse è quello che mi è piaciuto meno.
Forse c'è stato un fraintendimento, ma trovo che ci sia un errore di fondo: non è la serie di Lojacono, ma dei Bastardi di Pizzofalcone.
Il team funziona, ma non c'è un personaggio che domina su tutti, tantomeno Lojacono, anzi l'ispettore, forse rimane il personaggio meno definito, appena abbozzato, uno che s'intravede solo attraverso gli altri. (Affermo questo perchè penso anche alla prossima serie tv con Gassman, che trovo un attore di troppo spessore per un ispettore così poco determinante!)
Ma se questo voleva essere, va bene così. Basta saperlo.
Sinceramente mi ha stancato la ripetizione, ogni volta, delle descrizioni dei singoli personaggi: ribadire che Ottavia è stanca del suo matrimonio e invaghita di Palma, o che Romano è facile preda dell'ira, è non solo inutile, per una serie (si sa che il lettore che la segue sa benissimo di cosa si parla!), ma ridondante e quindi a volte noioso.
La sottotrama, quella dei cuccioli, mi è piaciuta più di quella principale, ma in linea di massima il giallo è anche carino, senza infamia e senza lode.
Sicuramente si vede il tentativo dello scrittore nel cercare di far crescere i personaggi, ma alcuni restano ancora involuti come Lojacono appunto.
Quello invece che gli è riuscito meglio è farli diventare una vera squadra di polizia, attiva e collaborativa.
Sicuramente De Giovanni qui poteva fare di più, ma forse gli editori gli stanno troppo col fiato sul collo?

Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone 2015-12-20 18:14:33 Sydbar
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    20 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come ogni serie che si rispetti...

Come ogni serie che si rispetti anche questa comincia a vacillare. Si forse posso apparire troppo critico ma alla fine è così e bisogna ammetterlo. Abbiamo un omicidio, attorno ad esso facciamo girare la vita privata dei copratagonisti ed ecco fatto un nuovo romanzo. I personaggi ormai consolidati sono come per ogni libro di De Giovanni, sempre riesumati dalle loro precedenti avventure.
L'opera risulta però ben costruita e De Giovanni comunque ha un elevato stile narrativo che comunque è vincente però Maurizio adesso basta recuperare sempre le vicende precedenti dei personaggi, tanto le tue opere per la maggiore sono lette da chi ti segue da tempo e non c'é bisogno tutte le volte di ricordarci cosa è avvenuto in precedenza!!!
La trama non ci da grandi colpi di scena e devo confessare di aver capito abbastanza presto chi ha commesso cosa, il movente è abbastanza prevedibile in grandi linee.
Concludendo penso sia giusto definire l'opera senza infamia e senza lode.
Spero in qualcosa in più nel prossimo.
Buona lettura a tutti.
Il Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I precedenti de I Bastardi
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quantum
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
1.8 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri